Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Processo decisionale nelle fasi evolutive

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1712 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

La Presente ricerca afferma che gli adolescenti e giovani adulti esplorano il mondo in modo diverso.

Processo decisionale differente nelle fasi evolutive

Gli anni dell’adolescenza e universitari sono spesso considerati come periodi di esplorazione, in cui gli adolescenti e giovani adulti iniziano a prendere decisioni per conto proprio per la prima volta.

Tuttavia, le strategie per l'esplorazione possono cambiare in modo significativo durante il passaggio dall'adolescenza alla giovane età adulta, secondo uno studio recentemente pubblicato sul Journal of Experimental Psychology: General.

Secondo la ricerca promossa dal Robert Wilson dell’Università dell’Arizona psicologo e dai suoi collaboratori presso l'Università di Harvard e Weill Cornell Medical College, i giovani adulti hanno maggiori probabilità di impegnarsi in un’ "esplorazione diretta", o in un’esplorazione guidata dalla ricerca di informazioni, così come gli adolescenti . Ma allo stesso tempo, gli adolescenti che trovino più conforto a causa di un’incertezza complessiva.
I risultati si aggiungono a lavori in corso di Wilson sul dilemma “esplorazione-dilemma” nel processo decisionale umano.

Gli esseri umani utilizzano due strategie per esplorare.

A volte gli esseri umani scelgono di esplorare. Ad esempio, si potrebbe, per curiosità, scegliere una nuova voce del menù presso il nostro ristorante preferito. Altre volte, ci piace sfruttare le informazioni che già abbiamo, come quando siamo riusciti a ordinare il nostro "solito" piatto, spiega Wilson.

Ma il dilemma è un po’ più complesso. L'attuale studio distingue tra due tipi distinti di esplorazione: dirette e casuali. Un esempio di "esplorazione diretta" potrebbe essere quello di andare su Google o Wikipedia per ottenere una risposta ad una domanda specifica, mentre un esempio di "esplorazione casuale" potrebbe essere quello di cliccare su articoli casuali in Wikipedia senza un obiettivo finale in mente, ha detto Wilson.

"Ci sono due tipi di esplorazione, e la gente usa tutti e due", ha detto Wilson. "L’Esplorazione Diretta è veramente focalizzata sulla ricerca di informazioni. L’Esplorazione Casuale è molto meno focalizzata su obiettivi specifici, ma è un altrettanto modo di esplorare il mondo in maniera positiva. "

In uno studio su 149 adolescenti e giovani adulti, di età compresa tra i 12 e i 28 anni, i partecipanti sono stati invitati a compilare un compito sul computer basato su una "slot machine" progettata da Wilson per valutare le strategie esplorative.

L’obiettivo era quello di realizzare il punteggio più alto possibile: ai partecipanti sono state mostrate due "slot machine" sullo schermo, con diversi livelli di informazioni sulle uscite precedenti di ogni macchina e il numero di occasioni con cui era possibile a giocare (uno o sei). Hanno quindi dovuto scegliere con quale macchina per giocare.

Quando è stata data una sola possibilità di giocare, gli adolescenti e i giovani adulti allo stesso modo hanno sfruttato l'opzione dell’alta ricompensa, o la macchina con il miglior record di uscite, sulla base delle informazioni fornite.

Tuttavia, quando sono state somministrate sei opportunità per giocare (è stata mostrata una macchina in cui era nota una sola uscita precedente e una macchina in cui erano conosciute tre uscite precedenti e entrambe avevano un range numerico simile) i partecipanti più anziani hanno mostrato più probabilità rispetto ai partecipanti più giovani di giocare la macchina con una sola nota di uscita, nel tentativo di ottenere maggiori informazioni circa le sue prestazioni. In altre parole, erano più propensi ad impegnarsi nell'esplorazione diretta.

"Gli adolescenti avevano livelli molto più bassi di esplorazione diretta, quindi hanno cercato meno informazioni strategiche", ha detto Wilson. "Sembra che ci sia un aumento di esplorazione diretta tra i 12 e i 18 anni, e poi c'è una sorta di appiattimento.”

"Gli adolescenti compensano questa mancanza di esplorazione strategica con un pregiudizio generale verso opzioni più incerte. Sono più disposti a scegliere un'opzione incerta rispetto ai partecipanti un po’ più vecchi."

Questo non significa compiere scelte sbagliate

Leah Somerville, professore associato di psicologia di Harvard, co-autore dello studio e direttore del Harvard Affective Neuroscience & Development Lab, ha detto che i risultati contribuiscono alla comprensione dei ricercatori del processo decisionale adolescenziale.

"Una delle lezioni di questo studio è che ci sono strategie adulte per raccogliere informazioni che sembrano essere 'sintonizzate' con quelle negli adolescenti", ha detto. "Gli adulti considerano le conseguenze a lungo termine della raccolta di informazioni, anche se questo significa rinunciare a una buona opzione a breve termine.
Gli adolescenti sono meno disposti a rinunciare a quelle ricompense a breve termine per raccogliere informazioni, che potrebbero essere utili in futuro. Il fatto che gli adolescenti si facciano trasportare da decisioni orientate al futuro solo quando le ricompense a breve termine sono in linea con le loro aspettative potrebbe essere rilevante per le decisioni che prenderanno nel mondo reale ".

E 'importante notare, ha detto Somerville , che i partecipanti ottengono generalmente gli stessi risultati nello studio delle informazioni, indipendentemente da quale strategia di esplorazione hanno usato, in modo da ottenere una strategia che non dovrebbe necessariamente essere propagandata come migliore rispetto alle altre.

"Spesso, gli adolescenti sono dipinti come aventi processi decisionali 'difettosi'. Questi risultati sfidano tale affermazione, invece suggerendo che le decisioni degli adolescenti sono sintonizzate per valutare i diversi tipi di informazioni," ha detto.

"Se questa sintonia aiuta o danneggia loro dipende dal tipo di decisione compiuta, ma non dovremmo supporre che le decisioni degli adolescenti sono peggiori per impostazione predefinita. Per quanto riguarda il motivo per cui i due gruppi di età diverse hanno diverse strategie di esplorazione, sono necessarie ulteriori ricerche, ma la teoria che si afferma è che il modo in cui il cervello si sviluppa fisicamente in quella fase della vita ha a che fare col processo decisionale," ha detto Wilson.

"L'idea di compiere strategicamente esplorazioni in situazioni in cui è necessario un sofisticato processo decisionale, può essere legata alla corteccia prefrontale del cervello, che sappiamo si sviluppa attraverso l'adolescenza", ha detto Wilson. "Questo è forse la storia neuroanatomica, ma non abbiamo prova diretta di tale affermazione in questo documento."

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: adolescenza giovani adulti, processo decisionale, esplorazione diretta, esplorazione casuale,

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Amore Bordeline? (153355779047…

Lory, 52     Ho lasciato il mio compagno da un mese, la nostra relazione avrebbe compiuto due anni a breve. ...

Ragazzo fuori controllo (15335…

Giusy, 19     Buongiorno, sono una ragazza di 19 anni e sono fidanzata da 3 anni con un ragazzo di 22 anni. Nei primi due anni della nostra relaz...

Ritorno di ansia e attacchi di…

Misterok88, 30     Salve! Vi prego di aiutarmi. Ho un problema che pensavo di aver risolto ma da un po' di giorni a questa parte sono di nuovo da...

Area Professionale

Il Test del villaggio e l’orga…

Il Test del Villaggio è uno strumento psicodiagnostico che può avere un’ampia rilevanza all’interno del setting clinico tra terapeuta e paziente approfondendone...

GDPR e privacy dei dati: cosa …

Dal 25 maggio 2018, a causa del cambiamento delle normative sulla privacy e protezione dei dati personali, tutti i professionisti devono far riferimento al Rego...

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Le parole della Psicologia

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

Disforia di genere

"Per un momento ho dimenticato me stesso, per un momento sono stato solo Lili." The Danish Girl Con il termine Disforia di genere si fa riferimento all’insoddi...

Personalità

“Esistono bisogni emotivi primitivi, esistono bisogni di evitare la punizione e di conservare il favore del gruppo sociale, esistono bisogni di mantenere l’armo...

News Letters

0
condivisioni