Pubblicità

Proviamoci: giovedì una giornata intera senza tabacco

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 402 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Astenersi per almeno 24 ore dal consumo di tabacco. E' questo l'invito che l'organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) lancia in occasione della Giornata Mondiale Senza Tabacco, in programma domani, giovedì 31 maggio. D'altronde la stessa Oms ha stimato che circa 6 milioni di persone perdono la vita ogni anno a causa del fumo, vera epidemia globale.

Nel territorio dell'Ausl di Forlì, come emerge dal sistema di sorveglianza "PASSI" (Progressi delle Aziende Sanitarie per la salute in Italia) attuato dal Dipartimento di Sanità Pubblica, diretto dalla dott.ssa Romana Bacchi, si dichiara fumatore il 31% degli adulti (18-69 anni), per una stima di circa 37 mila fumatori. L'abitudine al fumo è più diffusa nei 25-34enni (40% contro il 23% nei 50-69enni) e nelle persone con difficoltà economiche (33% contro il 25% di chi non ne ha). Preoccupante anche la diffusione nella classe più giovane, con un terzo di fumatori nella fascia d'età 18-24 anni. Più di un intervistato su quattro (29%) dichiara poi che nella propria abitazione è permesso fumare. Quasi tutti gli ex fumatori affermano di aver smesso da soli; solo una piccola percentuale rivela di esserci riuscita grazie all'ausilio di farmaci, gruppi di aiuto o corsi specifici.

La grande scommessa per il futuro è, quindi, una solida alleanza tra fumatori e operatori sanitari, tanto più se si pensa che, come indicano alcuni studi, la probabilità di smettere con successo dopo essere stati fortemente consigliati da un medico è superiore all'84%.

«Sono ancora molte le occasioni in cui si consiglia ai nostri assistiti di smettere di fumare -commenta il dott. Marco Ragazzini, medico di medicina generale - ma spesso i fumatori accampano scuse quali il timore di prendere peso. Occorre quindi insistere con messaggi positivi di prevenzione e offerte attive di percorsi che facilitino l'abbandono della sigaretta».


Tratto da: "forlitoday.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senza via di uscita 2 (1572361…

straniero66, 53 Vi ho già scritto in precedenza e ho avuto la vostra risposta “SENZA VIA DI USCITA (1571319488503)”. Continuo a stare male, attualmente io ...

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Area Professionale

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 40 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.40 (pubblicità professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo ...

Le parole della Psicologia

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

Cyberbullismo

Il termine cyberbullismo, o bullismo on-line, indica una nuova forma di bullismo e di molestia che avviene tramite l’uso delle nuove tecnologie: e-mail, blog, c...

Acrofobia

L'acrofobia è definita come una paura dell'altezza. A differenza di una fobia specifica come l'aerofobia, ossia la paura di volare, l'acrofobia può generare uno...

News Letters

0
condivisioni