Pubblicità

Psicofarmaci Vs Psicoterapia:

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1259 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Ciao, da un po' di tempo ti sto parlando degli ultimi studi che mettono a confronto gli psicofarmaci con la psicologia e la psicoterapia. Sappiamo che nel campo delle "nevrosi" (es. disturbi dell'umore come ansia e depressione) la psicofarmacologia non supera l'effetto della tecnica psicologica. Ma rappresenta un valido aiuto in casi estremi. Ho più volte sottolineato perché punto su questo, non perché NON essendo medico non possa somministrare farmaci ma per un altro motivo...
questo motivo è che, il farmaco ti da un vero e proprio segnale al tuo "Io" (giusto per nominare una struttura a caso), e cioè " tu senza queste pillole non ce la puoi fare". Questo messaggio che sembra innocuo fa in realtà dei danni molto grandi, soprattutto con persone dalla bassa stima di sè, con personalità tendenti all'ansia.
I farmaci, per quanto più rapidi non assicurano che la persona acquisisca "la forza necessaria" a farne a meno. Ed infatti la cura farmacologica registra molte più ricadute rispetto a quella psicologica.

Ma ci tengo a ripeterti che, negli anni di esperienza (per quanto pochi;)) ho notato che in alcuni casi i farmaci sono indispensabili, ma sempre e ripeto...SEMPRE...affiancati ad una terapia di tipo psicologico. Spesso, purtroppo, offerta dallo stesso psichiatra, che potrebbe non capirci molto di psicoterapia ;))
Un recente studio condotto dal dipartimento di Psichiatria della Università della California a San Diego, ha analizzato il cervello di pazienti depressi ed ossessivo compulsivi alla PET (la tomografia ad emissione di positroni). In questi pazienti la cura farmacologica consiste in principi attivi che agiscono sulla serotonina, o meglio sul suo metabolismo.
Nel bel mezzo del cervello c'è una struttura che funge da crocevia per diverse funzioni, il talamo. Durante depressione, ansie e ossessioni, questo funziona "troppo". Per questo i ricercatori si concentrano sulla sua attività, regolando anche l'afflusso delle catecolamine(serotonina, adrenalina ecc.).

Tratto da: "psicologianeurolinguistica.net" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Schema corporeo

  Il termine schema corporeo definisce una rappresentazione cognitiva inconsapevole della posizione e dell'estensione del corpo nello spazio e dell'organi...

Anginofobia

Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratterizzata da una paura intesa di soffocare. Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratt...

Bad trip

Con l'aggiunta dell'aggettivo bad (bad trip), si indicano in specifico le esperienze psico-fisiche definibili come negative o spiacevoli per il soggetto. In it...

News Letters

0
condivisioni