Pubblicità

Psicofarmaci Vs Psicoterapia:

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1458 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Ciao, da un po' di tempo ti sto parlando degli ultimi studi che mettono a confronto gli psicofarmaci con la psicologia e la psicoterapia. Sappiamo che nel campo delle "nevrosi" (es. disturbi dell'umore come ansia e depressione) la psicofarmacologia non supera l'effetto della tecnica psicologica. Ma rappresenta un valido aiuto in casi estremi. Ho più volte sottolineato perché punto su questo, non perché NON essendo medico non possa somministrare farmaci ma per un altro motivo...
questo motivo è che, il farmaco ti da un vero e proprio segnale al tuo "Io" (giusto per nominare una struttura a caso), e cioè " tu senza queste pillole non ce la puoi fare". Questo messaggio che sembra innocuo fa in realtà dei danni molto grandi, soprattutto con persone dalla bassa stima di sè, con personalità tendenti all'ansia.
I farmaci, per quanto più rapidi non assicurano che la persona acquisisca "la forza necessaria" a farne a meno. Ed infatti la cura farmacologica registra molte più ricadute rispetto a quella psicologica.

Ma ci tengo a ripeterti che, negli anni di esperienza (per quanto pochi;)) ho notato che in alcuni casi i farmaci sono indispensabili, ma sempre e ripeto...SEMPRE...affiancati ad una terapia di tipo psicologico. Spesso, purtroppo, offerta dallo stesso psichiatra, che potrebbe non capirci molto di psicoterapia ;))
Un recente studio condotto dal dipartimento di Psichiatria della Università della California a San Diego, ha analizzato il cervello di pazienti depressi ed ossessivo compulsivi alla PET (la tomografia ad emissione di positroni). In questi pazienti la cura farmacologica consiste in principi attivi che agiscono sulla serotonina, o meglio sul suo metabolismo.
Nel bel mezzo del cervello c'è una struttura che funge da crocevia per diverse funzioni, il talamo. Durante depressione, ansie e ossessioni, questo funziona "troppo". Per questo i ricercatori si concentrano sulla sua attività, regolando anche l'afflusso delle catecolamine(serotonina, adrenalina ecc.).

Tratto da: "psicologianeurolinguistica.net" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Cervelletto

Il cervelletto è una delle strutture più grandi del sistema nervoso, circa 1/3 dell'intero volume intracranico ed è presente in tutti i vertebrati. Anatomica...

Schema corporeo

  Il termine schema corporeo definisce una rappresentazione cognitiva inconsapevole della posizione e dell'estensione del corpo nello spazio e dell'organi...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

News Letters

0
condivisioni