Pubblicità

Psicologia dei mondiali: guida alla calcio-terapia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 323 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

È una notizia forse confortante: secondo alcuni studi, i Mondiali di calcio migliorano il benessere mentale. Di quelli che li vivono davanti ad uno schermo, ovviamente, in comode case e possono godere della portata emozionale e comunicativa di questo evento "salvifico".  Pare infatti, secondo Edward Hirt, docente di psicologia all'Indiana University (tifoso questo professore?...), che un evento sportivo della portata di un mondiale, possa influenzare positivamente il funzionamento della mente. Migliorando l'autostima, il senso di fiducia in se stessi e nelle proprie possibilità, apportando benefici a livello fisiologico. Una sorta di terapia collettiva.
E sembra anche, stando ad altri studi - apparsi su Science nel 2010, in occasione proprio degli ultimi Mondiali - che vedere le partite di pallone, e lo sport in genere, faccia bene al sesso. Più si guarda, più le prestazioni sessuali migliorano: il livello di testosterone dei tifosi è maggiore nel giorno del match rispetto agli altri giorni.


Tratto da www.repubblica.it - Prosegui nella lettura dell'articolo


0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

Frustrazione

La frustrazione può essere definita come lo stato in cui si trova un organismo quando la soddisfazione di un suo bisogno viene impedita o ostacolata. Rappresen...

Agorafobia

Il termine agorafobia viene dal greco e letteralmente significa: "paura degli spazi aperti”. Le persone che ne soffrono temono perciò lo spazio esterno, vissuto...

News Letters

0
condivisioni