Pubblicità

Psicologia del lavoro: "10 consigli scientifici per affrontare il Colloquio di Lavoro

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 659 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Ciao vuoi trovare un nuovo lavoro? non è di certo solo questione di fortuna, ma di impegno. Penso che non ci sia periodo migliore per pubblicare un post su come fare un buon colloquio di lavoro. Te ne ho già parlato diverse volte, ed anche oggi voglio darti i consigli che sono frutto di anni e anni di ricerca in ambito psicologico. Come accade spesso "non è farina del mio sacco" ma di quello dello stupendo psyblog.Ovviamente non sarà una traduzione letterale...
Bando alle ciance ed ecco i 10 consigli: 1) Chiacchiera ma evita di auto-promuoverti: il colloquio deve assumere le caratteristiche di una chiacchierata fra amici, evitando di mettere in luce le tue qualità. Evitando di ostentarle e di mostrarle sino a quando non ci è richiesto.Higgins e Judge lo hanno provato nel 2004, chiedendo a 116 laureati di "auto-promuoversi" al primo colloquio (che era una simulazione ma loro non lo sapevano), confermando il proverbio "chi si loda s'imbroda".
Nonostante chi cerca di assumerti desideri sapere "quanto ne sai tu", in realtà le ricerche dimostrano che scelgono chi riesce ad intavolare una piacevole chiacchierata, piuttosto che chi sciorina i dati tecnici dell'azienda.

2) Il controllo: le ricerche dimostrano che una delle qualità che i datori di lavoro amano maggiormente, è quella del controllo. Cioè di venire a sapere che, durante una situazione di crisi sei riuscito a tenere il controllo su te stesso e su chi, eventualmente, tu stessi "comandando". Questa, non a caso, è una delle domande più frequenti durante i colloqui di lavoro, es: "mi descriva una situazione difficile e mi dica come si è comportato".
Tu puoi inventarti delle storie o andare a pescare nel tuo passato una volta in cui hai "mantenuto il controllo". Ovviamente esistono degli specifici strumenti per 
valutare quando sia vera la tua affermazione, per cui tieniti pronto, se il posto è di alto livello, ad essere sottoposto ad assestment specifici con "crisi simulate"
da risolvere (se non sbaglio si chiamano "in basket"). Se segui PsiNeL sai che ritengo la mindfulness un ottimo strumento per "avere maggiore controllo sulle tue emozioni".

Tratto da: "psicologianeurolinguistica.net" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Tradimento e incertezze [16030…

Martinedda, 39 anni Gent.ma Dott.ssa,soffro di ansia e attacchi di panico da quasi 20 anni ed ho avuto in passato un percorso di psicoterapia che mi ha aiu...

fobia per le autostrade [16030…

roberto, 45 anni vorrei conoscere la terapia più adatta per una fobia specifica delle autostrade cronica. ...

Ansia da competizione [1601631…

elisa37, 37 anni Gentili dottori Il mio problema e' un po' imbarazzante, ma un problema che ha sempre fortemente limitato la mia vita e ancora non sono ri...

Area Professionale

Ansia infantile e disturbo da …

Un recente studio ha evidenziato come bambini e adolescenti con livelli più elevati di ansia possono essere maggiormente a rischio di sviluppare problemi di alc...

La Tecnica degli Assi Emoziona…

Perché non esistono Emozioni buone ed Emozioni cattive? di Tiziana Persichetti Auteri “Tutti sanno cosa è un emozione fino a che non si chiede di definirla ...

Conoscere i farmaci: le benzod…

Le benzodiazepine rappresentano una classe di farmaci psicoattivi utilizzati per trattare alcune condizioni come ansia e insonnia. Le benzodiazepine sono uno d...

Le parole della Psicologia

Flooding

Indica una tecnica cognitivo-comportamentale che consiste nell'esposizione ripetuta del soggetto allo stimolo a valenza fobica, senza che vi sia per lui possibi...

Cherofobia

Il termine cherofobia deriva dal greco chairo “rallegrarsi” e phobia “paura”. La cherofobia o "edonofobia",  può essere definita come l’avversione patologi...

Amaxofobia

L'amaxofobia è il rifiuto di origine irrazionale a condurre un determinato mezzo di trasporto. Può essere dovuta, per esempio, al coinvolgimento diretto o di p...

News Letters

0
condivisioni