Pubblicità

Psicologia dello sviluppo: una svolta positiva

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2380 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

I bambini di cinque anni adottano un comportamento reciproco nelle interazioni sociali. Uno studio mostra che i bambini, tra 3 e 5 anni, arrivano a riconoscere la reciprocità come una norma.

bambini reciprocità

Occhio per occhio e dente per dente, fallo per gli altri. Queste sono solo alcune delle espressioni familiari che articolano la convinzione che la reciprocità sia un principio fondamentale delle interazioni sociali. Gli psicologi dello sviluppo Monika Wörle e il professor Markus Paulus hanno chiesto se e quando i bambini imparano a considerare la reciprocità come una norma.

La nozione di reciprocità è fondamentale per molti tipi di interazione sociale e serve a stabilizzare le relazioni sociali. "Il nostro studio è stato progettato per capire se i bambini credono all'idea che si deve ricambiare una buona azione o, in altre parole, che si deve avere il dovere di farlo", Afferma Markus Paulus.

I ricercatori hanno studiato due gruppi di bambini. Un gruppo era composto da 47 bambini di età compresa tra 3 e 4 anni, l'altro era composto da 45 bambini di etè compresa tra 5-6 anni. Sono stati presentati vari scenari in cui sono stati mostrati dei pupazzi che mostrano reciprocità o no.

Pubblicità

Quindi ai partecipanti è stato chiesto di valutare il comportamento dei burattini. Inoltre, gli autori hanno tenuto conto delle reazioni spontanee alle scene che sono state mostrate, commenti come "Ma non è giusto!" quando un burattino si comportava in quello che lo spettatore considerava un modo meschino.

"Il nostro studio indica che i bambini di età compresa tra 3 e 4 considerano il comportamento prosociale come una norma generale. Apprezzano la generosità e la benevolenza, e questa convinzione non dipende dalla nozione di reciprocità.

A partire dai 5 anni circa, iniziano a svilupparsi un concetto più complesso di equità, che ora comprende l'idea di reciprocità, il che suggerisce che la fascia di età avanzata ha sviluppato una norma di reciprocità, in cui è incorporato l'obbligo reciproco di ricambiare un trattamento favorevole. A questa età, i bambini considerano il principio dell'occhio per occhio e dente per dente come giusto e corretto", spiega Markus Paulus.

 


Fonte:

  • Monika Wörle, Markus Paulus. Normative foundations of reciprocity in preschoolers. Journal of Experimental Child Psychology, 2019; 188: 104693 DOI: 10.1016/j.jecp.2019.104693



Articolo a cura del Dottor Andrea di Maio




Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: psicologia dello sviluppo reciprocità news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Identificazione

L’identificazione è quel processo psicologico, attraverso il quale un individuo assume una o più caratteristiche di un altro soggetto, modificandosi parzialme...

Confabulazioni

La confabulazione è un sintomo frequente in alcune malattie psichiatriche, dovuto alla falsificazione dei ricordi. Questa sintomatologia clinica è mostrata da ...

Emozione

Reazione affettiva a uno stimolo ambientale che insorge repentinamente e ha breve durata, come ad esempio paura, rabbia tristezza, gioia, disgusto, attesa. sorp...

News Letters

0
condivisioni