Pubblicità

Psicologia dello sviluppo: una svolta positiva

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2599 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

I bambini di cinque anni adottano un comportamento reciproco nelle interazioni sociali. Uno studio mostra che i bambini, tra 3 e 5 anni, arrivano a riconoscere la reciprocità come una norma.

bambini reciprocità

Occhio per occhio e dente per dente, fallo per gli altri. Queste sono solo alcune delle espressioni familiari che articolano la convinzione che la reciprocità sia un principio fondamentale delle interazioni sociali. Gli psicologi dello sviluppo Monika Wörle e il professor Markus Paulus hanno chiesto se e quando i bambini imparano a considerare la reciprocità come una norma.

La nozione di reciprocità è fondamentale per molti tipi di interazione sociale e serve a stabilizzare le relazioni sociali. "Il nostro studio è stato progettato per capire se i bambini credono all'idea che si deve ricambiare una buona azione o, in altre parole, che si deve avere il dovere di farlo", Afferma Markus Paulus.

I ricercatori hanno studiato due gruppi di bambini. Un gruppo era composto da 47 bambini di età compresa tra 3 e 4 anni, l'altro era composto da 45 bambini di etè compresa tra 5-6 anni. Sono stati presentati vari scenari in cui sono stati mostrati dei pupazzi che mostrano reciprocità o no.

Pubblicità

Quindi ai partecipanti è stato chiesto di valutare il comportamento dei burattini. Inoltre, gli autori hanno tenuto conto delle reazioni spontanee alle scene che sono state mostrate, commenti come "Ma non è giusto!" quando un burattino si comportava in quello che lo spettatore considerava un modo meschino.

"Il nostro studio indica che i bambini di età compresa tra 3 e 4 considerano il comportamento prosociale come una norma generale. Apprezzano la generosità e la benevolenza, e questa convinzione non dipende dalla nozione di reciprocità.

A partire dai 5 anni circa, iniziano a svilupparsi un concetto più complesso di equità, che ora comprende l'idea di reciprocità, il che suggerisce che la fascia di età avanzata ha sviluppato una norma di reciprocità, in cui è incorporato l'obbligo reciproco di ricambiare un trattamento favorevole. A questa età, i bambini considerano il principio dell'occhio per occhio e dente per dente come giusto e corretto", spiega Markus Paulus.

 


Fonte:

  • Monika Wörle, Markus Paulus. Normative foundations of reciprocity in preschoolers. Journal of Experimental Child Psychology, 2019; 188: 104693 DOI: 10.1016/j.jecp.2019.104693



Articolo a cura del Dottor Andrea di Maio




Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: psicologia dello sviluppo reciprocità news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Ginandromorfismo

Condizione, in biologia, per cui in un individuo (ginandromorfo) compaiono alcuni caratteri propri del maschio e altri propri della femmina, per effetto di un m...

Noia

La noia è uno stato psicologico ed esistenziale di insoddisfazione, temporanea o duratura, nata dall'assenza di azione, dall'ozio o dall'essere impegnato in un...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attività motoria, che compare spe...

News Letters

0
condivisioni