Pubblicità

Psicologia e cinema

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 616 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Perch si va al cinema? Per condividere la visione con altri e successivamente scambiarsi opinioni. Per evadere momentaneamente dalla realtFrank Gore jersey e per viaggiare con la fantasia. Per riflettere su temi sociali ed etici. Le motivazioni possono essere molteplici e legate, ad esempio, alle forti emozioni che le vicende dei protagonisti di un film e l’interpretazione degli attori evocano nello spettatore: le rappresentazioni cinematografiche del tempo e dello spazio trasportano in un mondo immaginario, fuori dalla realt e dalla quotidianit e modificano anche le abilit percettive attraverso i cambiamenti nel linguaggio cinematografico relativi a inquadrature, ritmo, sonorizzazione, tecnologie, utilizzo della musica etc.
Il cervello di uno spettatore odierno  anatomicamente identico a quello, ad esempio, di uno spettatore di fine Ottocento, ma il contesto storico e tecnologico  diverso: gli spettatori contemporanei possiedono delle abilit percettive, alimentate anche dalla televisione e dalle nuove reti mediatiche, differenti dai loro predecessori e sono costretti a frequenti e faticosi adattamenti; per i nuovi nati invece, in virt della storicizzazione delle funzioni cerebrali, il contesto percettivo, cinematografico e non, diventa un dato accettato e consueto.

Tratto da: "benessere.com" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Articolo 11 - il Codice Deonto…

con l'art.11 proseguiamo su Psiconline.it, anche questa settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parm...

Le parole della Psicologia

Impulsività

L’impulsività è un elemento del carattere di ogni persona, anche se si manifesta in maniera molto più evidente rispetto alle altre, fino a divenire un vero e pr...

Algofilia

L’algofilia (dal greco ἄλγος "dolore" e ϕιλία "propensione") è la tendenza paradossale e patologica a ricercare il piacere in sensazioni fisiche dolorose. ...

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

News Letters

0
condivisioni