Pubblicità

PSICOLOGIA E LETTERATURA

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1016 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

È merito di Dostoevskij se la letteratura europea diventa un campo psichico in cui domina la dimensione interiore. A differenza della narrativa oggettiva, con lo scrittore russo si assiste a un capovolgimento di scena a piacimento dell’inconscio. Si tratta di un nuovo modo di raccontarsi, visto che l’Io decide attivamente di sognare e di mettersi in contatto con il suo “sottosuolo” piuttosto che limitarsi a descrivere ciò che lo circonda. Del resto non è semplice permettersi di fare esperienza del proprio “sé”, poiché è doloroso e faticoso, tanto che il più delle volte ci si lascia trasportare dai 'canti delle sirene' del mondo fenomenico che per Omero devierebbe dal vero compito: la realizzazione del sé stesso. Il confronto con l’interiorità, spesso è dovuto ad un evento traumatico, da una crisi al punto che il periodo di introversione che ne consegue è percepito dal sociale come una malattia. Ed è proprio così che esordisce Dostoevskij nella sua opera più compiuta sotto il profilo dell’introspezione psicologica. “Sono un malato” dice “l’uomo del sottosuolo” nelle sue memorie.

Anche Herman Hesse nel suo celebre romanzo “Il lupo della steppa” compie un’approfondita indagine interiore in cui emerge un uomo che lotta tra i suoi opposti, tra i sentimenti più contrastanti. Ed è proprio il penoso confronto con la propria “Ombra” che porterebbe, secondo Jung, all’accettazione della essenziale duplicità che risiede in tutte le persone. Non si dimentichi, del resto, come questo sia il periodo in cui non solo sorge la psicoanalisi di Freud ma anche il relativismo di Einstein e la scoperta del tempo interiore di Bergson.

Tratto da: "benessere.com" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Mi innamoro di persone che non…

Julia, 25     Buongiorno, sono una ragazza che non ha una normale vita sociale di una persona di 25 anni, né un buon rapporto con mio padre. ...

Superare una violenza subita (…

Cima, 23     Quasi due anni fa sono stata violentata da un ragazzo che conosco. ...

Efficacia farmaci per depressi…

Giovanni, 32     Per i miei sintomi di forte depressione, ansia, panico ed ipocondria con malattie somatizzate, dal 23 agosto sto curandomi con Z...

Area Professionale

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Le parole della Psicologia

Androfobia

L’androfobia rientra nella grande categoria delle fobie e viene definita come paura degli uomini. Nelle femmine questa paura tende a determinare un’...

Gestalt

Con il termine Gestalt si va a designare un importante indirizzo della psicologia moderna, secondo il quale l’esperienza percettiva e per estensione, la vita ps...

Dipendenza sessuale

“Brandon ha paura di questa intimità, fa sesso casuale o con prostitute, ma se deve davvero fare l’amore per lui è impossibile, perché lasciar entrare qualcuno ...

News Letters

0
condivisioni