Pubblicità

PSICOLOGIA E LETTERATURA

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2316 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

È merito di Dostoevskij se la letteratura europea diventa un campo psichico in cui domina la dimensione interiore. A differenza della narrativa oggettiva, con lo scrittore russo si assiste a un capovolgimento di scena a piacimento dell’inconscio. Si tratta di un nuovo modo di raccontarsi, visto che l’Io decide attivamente di sognare e di mettersi in contatto con il suo “sottosuolo” piuttosto che limitarsi a descrivere ciò che lo circonda. Del resto non è semplice permettersi di fare esperienza del proprio “sé”, poiché è doloroso e faticoso, tanto che il più delle volte ci si lascia trasportare dai 'canti delle sirene' del mondo fenomenico che per Omero devierebbe dal vero compito: la realizzazione del sé stesso. Il confronto con l’interiorità, spesso è dovuto ad un evento traumatico, da una crisi al punto che il periodo di introversione che ne consegue è percepito dal sociale come una malattia. Ed è proprio così che esordisce Dostoevskij nella sua opera più compiuta sotto il profilo dell’introspezione psicologica. “Sono un malato” dice “l’uomo del sottosuolo” nelle sue memorie.

Anche Herman Hesse nel suo celebre romanzo “Il lupo della steppa” compie un’approfondita indagine interiore in cui emerge un uomo che lotta tra i suoi opposti, tra i sentimenti più contrastanti. Ed è proprio il penoso confronto con la propria “Ombra” che porterebbe, secondo Jung, all’accettazione della essenziale duplicità che risiede in tutte le persone. Non si dimentichi, del resto, come questo sia il periodo in cui non solo sorge la psicoanalisi di Freud ma anche il relativismo di Einstein e la scoperta del tempo interiore di Bergson.

Tratto da: "benessere.com" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Bulimia

La bulimia è, insieme all’anoressia, uno dei più importanti disturbi del comportamento alimentare. L’etimologia della parola “bulimia” deriva dai termini grec...

Ninfomania

Il termine ninfomane viene da ninfa (divinità femminile della mitologia e/o nome dato alle piccole labbra della vulva) e mania (che in latino significa follia)...

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

News Letters

0
condivisioni