Pubblicità

Psicologia, più belli non significa più sani

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 344 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I dati di una nuova ricerca parlano chiaro: avere un bel volto non significa necessariamente godere di buona salute.
La salute non si può leggere in faccia.
O, quantomeno, non è la bellezza del volto di una persona a svelarci indizi sulla sua predisposizione ad ammalarsi.
A dimostrarlo è uno studio pubblicato su Proceedings of the Royal Society B da un gruppo di ricercatori guidato da Nicholas Pound della Brunel University di Londra, secondo cui almeno nei primi anni di vita avere un volto simmetrico, caratteristica considerata da molti coincidere con il concetto di bellezza, non corrisponde a godere di buona salute.
Analizzando immagini tridimensionali del volto di più di 4.700 ragazzi di età compresa fra i 15 e i 16 e incrociando la simmetria del loro viso con le informazioni a disposizione sul loro stato di salute a partire dalla nascita Pound e colleghi non hanno però rilevato nessuna associazione né tra la simmetria del volto e il numero di malattie contratte durante l'infanzia, né tra la simmetria e basso peso alla nascita o indice di massa corporea elevato, entrambi noti per il loro legame con numerosi problemi di salute


 

Tratto da ilsole24ore.it. Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Disturbo bipolare dell'umore (…

settepassi, 63 Soffro da circa 8 anni di DISTURBO BIPOLARE dell' UMORE, almeno così mi è stato diagnosticato. ...

Il mio compagno (156087164017)

Simy, 42 Il mio compagno è un uomo straordinario, nn mi fa mancare nulla materialmente, ama i miei figli (avuti da un matrimonio precedente). ...

Area Professionale

Articolo 22 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art. 22 (ruolo professionale dello psicologo) prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che, sett...

Articolo 21 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.21 (insegnamento strumenti e tecniche psicologiche), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardi...

Articolo 20 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.20 (didattica e deontologia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Le parole della Psicologia

Disturbo Antisociale di Person…

La prevalenza del DAP è pari al 3% nei maschi e all'1% nelle femmine nella popolazione generale, e aumenta al 3-30% in ambiente clinico. Percentuali di preva...

Fobia

La fobia è una eccessiva e marcata paura di oggetti o situazioni, che comporta una elevata attivazione psicofisiologica (arousal) con conseguente aumento del &n...

Gelosia retroattiva

La gelosia retroattiva prende anche il nome di sindrome di Rebecca, nome ispirato dal film di Alfred Hitchcock, ovvero Rebecca la prima moglie, tratto dal roman...

News Letters

0
condivisioni