Pubblicità

Psicologia, più belli non significa più sani

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 531 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

I dati di una nuova ricerca parlano chiaro: avere un bel volto non significa necessariamente godere di buona salute.
La salute non si può leggere in faccia.
O, quantomeno, non è la bellezza del volto di una persona a svelarci indizi sulla sua predisposizione ad ammalarsi.
A dimostrarlo è uno studio pubblicato su Proceedings of the Royal Society B da un gruppo di ricercatori guidato da Nicholas Pound della Brunel University di Londra, secondo cui almeno nei primi anni di vita avere un volto simmetrico, caratteristica considerata da molti coincidere con il concetto di bellezza, non corrisponde a godere di buona salute.
Analizzando immagini tridimensionali del volto di più di 4.700 ragazzi di età compresa fra i 15 e i 16 e incrociando la simmetria del loro viso con le informazioni a disposizione sul loro stato di salute a partire dalla nascita Pound e colleghi non hanno però rilevato nessuna associazione né tra la simmetria del volto e il numero di malattie contratte durante l'infanzia, né tra la simmetria e basso peso alla nascita o indice di massa corporea elevato, entrambi noti per il loro legame con numerosi problemi di salute


 

Tratto da ilsole24ore.it. Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

La Dislessia

I DSA sono disturbi del neurosviluppo che riguardano la capacità di leggere, scrivere e calcolare in modo corretto e fluente che si manifestano con l'inizio del...

Androfobia

L’androfobia rientra nella grande categoria delle fobie e viene definita come paura degli uomini. Nelle femmine questa paura tende a determinare un’avversione p...

Insonnia

L'insonnia è un disturbo caratterizzato dall'incapacità di prendere sonno, nonostante ce ne sia il reale bisogno fisiologico. ...

News Letters

0
condivisioni