Pubblicità

PSICONLINE NEWS n.169 - 12.10.2003

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 546 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
  • Diete dimagranti e bambini
  • Nel campo della psiconeuroendocrinoimmunologia ...
  • ESAURIMENTO. Guida rapida alla diagnosi della malattia che non esiste
  • Sleep Boosts Ability To Learn Language, University Of Chicago Researchers Find

Diete dimagranti e bambini
Quando sono troppo drastiche, le diete dimagranti che vengono prescritte ai bambini in sovrappeso, possono causare l'effetto contrario: i bambini acquistano peso invece di perderlo.
I ricercatori dell'Università di Boston hanno cercato di individuare le cause di questa conseguenza attraverso uno studio che ha coinvolto 16.000 bambini in sovrappeso tra i 9 e i 14 anni. A tutti è stato chiesto di descrivere le loro abitudini alimentari e il tipo di rapporto che hanno con il cibo.
I bambini che dichiaravano di seguire un regime dietetico e stare molto attenti alle calorie, facendo spesso delle rinunce per cercare di perdere peso, ingrassavano più facilmente di quelli che non facevano nessun tipo di dieta.

continua...

Nel campo della psiconeuroendocrinoimmunologia ...
Nel campo della psiconeuroendocrinoimmunologia avanza anche il filone di ricerche dedicato al rapporto fra stress e tumore. «Numerosi studi hanno dimostrato che lo stress - inteso, non come insieme di normali sollecitazioni negative cui si è sottoposti quotidianamente, ma come condizione emotiva in cui non ci si sente in grado di far fronte agli eventi della vita - porta a una compromissione di quei meccanismi immunologici che contrastano la formazione e la crescita delle cellule tumorali» spiega Luigi Grassi, vicepresidente della Società italiana di psiconcologia. «Detto questo, non si può certo affermare che lo stress provochi il tumore, ma soltanto che può diminuire le capacità dell'organismo di difendersi dal tumore stesso».
Tale consapevolezza è importante anche nell'approccio alle persone già malate di cancro, nelle quali, come dimostra un recente studio condotto in Italia, Spagna e Portogallo, il disagio psicologico legato alla malattia non viene riconosciuto in due terzi dei casi.

continua ...

ESAURIMENTO. Guida rapida alla diagnosi della malattia che non esiste
Esistono malattie senza diagnosi? Certamente: la scienza ha ancora molto da scoprire. E diagnosi senza malattie? Esistono senz’altro, anche se può sembrare un paradosso. E’ il caso dell’esaurimento nervoso: una diagnosi sulla bocca di tutti, di cui, però, non si trova traccia sui testi di medicina e che nessun medico ha mai studiato.
L’esaurimento nervoso è, in effetti, una «malattia che non esiste», una diagnosi priva di qualsiasi significato (di certo il sistema nervoso non si esaurisce come una pila), ideata per dare un nome a molti e diversi disagi psicofisici. Ma se si tratta di una diagnosi inesistente, come se ne giustifica la grande popolarità non solo tra i pazienti, ma anche, purtroppo, tra molti medici?

continua ...

Sleep Boosts Ability To Learn Language, University Of Chicago Researchers Find
Scientists at the University of Chicago have demonstrated that sleeping has an important and previously unrecognized impact on improving people's ability to learn language.
Researchers find that ability of students to retain knowledge about words is improved by sleep, even when the students seemed to forget some of what they learned during the day before the next night's sleep. This paper, "Consolidation During Sleep of Perceptual Learning of Spoken Language," is being published in the Thursday, Oct. 9 issue of the journal Nature. The paper was prepared by researcher Kimberly Fenn, Howard Nusbaum, Professor of Psychology, and Daniel Margoliash, Professor in Organismal Biology and Anatomy.
"Sleep has at least two separate effects on learning," the authors write. "Sleep consolidates memories, protecting them against subsequent interference or decay. Sleep also appears to 'recover' or restore memories."
Scientists have long hypothesized that sleep has an impact on learning, but the new study is the first to provide scientific evidence that brain activity promotes higher-level types of learning while we sleep.

continua ...


0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

L’adolescenza

L'adolescenza (dal latino adolescentia, derivato dal verbo adolescĕre, «crescere») è quel tratto dell'età evolutiva caratterizzato dalla transizione dallo stato...

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

News Letters

0
condivisioni