Pubblicità

PSICONLINE NEWS n.176 - 21.12.2003

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 649 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
  • PET THERAPY: successo pediatra in ospedale di Ostia
  • Bimbi più aggressivi se la mamma ha sofferto di depressione
  • Il 30% delle liceali italiane fuma
  • Perché l’ansia brucia i ricordi
  • Depressed Children Show Altered Stress Response
  • Suicidal Behavior in the Elderly

PET THERAPY: successo pediatra in ospedale di Ostia
Aiutare il soggiorno dei piccoli pazienti in ospedale con l'ausilio degli animali. A circa un anno dall'inizio della sperimentazione della Pet Therapy nel reparto di pediatria dell'ospedale Grassi di Ostia, il primario, il professor Giuseppe Titti, ha presentato un primo bilancio dei risultati. ''I risultati sono stati soddisfacenti ha detto il primario -. Circa il 50 per cento dei bambini identifica l' ospedale con il cane, disegnandolo grande e al centro della raffigurazione. Il 75 per cento dei pazienti, inoltre, si presenta piu' disponibile o comunque meno reticente alle terapie''.

continua ...


Bimbi più aggressivi se la mamma ha sofferto di depressione
Bambini aggressivi e violenti? Forse è colpa delle mamme che hanno sofferto di depressione dopo il parto. Lo studio è stato condotto da ricercatori della Cardiff university, su 112 famiglie londinesi, con ragazzi di 11 anni. I ricercatori hanno monitorato prima le donne in attesa e poi i bambini in tre diversi momenti della crescita, scoprendo così che risse, sospensioni e note in condotta vedono più spesso protagonisti i ragazzini le cui mamme sono state colpite da depressione tre mesi dopo il parto.

continua ...

Il 30% delle liceali italiane fuma
Il fumo di sigarette è la causa di oltre 10.000 morti all'anno per bronchite cronica ed enfisema polmonare e di un numero difficile da stimare ma certamente non trascurabile di decessi per infarto miocardico e altre patologie cardio e cerebro-vascolari. Per questo da anni gli esperti continuano a dire che è necessario e urgente ridurre il numero di fumatori (oggi in Italia sono circa 14 milioni), evitando nel contempo che gli adolescenti inizino a fumare. Smettere anche nella mezza età evita infatti una larga parte delle patologie e delle morti. Ad esempio, smettere a 50 anni evita i due terzi del rischio cumulativo di tumore del polmone, e smettere a 40 evita la quasi totalità del rischio di cancro, oltre che di malattie vascolari e respiratorie.

continua ...

Perché l’ansia brucia i ricordi
Secondo stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, ansia e depressione nei prossimi quindici anni queste malattie balzeranno ai primi posti nella classifica delle patologie che più affliggono l’umanità. È evidente che le cause non possono stare nel Dna bensì nell’attuale organizzazione della vita, dominata dalla competizione tra gli individui e tra gli Stati, che ormai ricorrono sempre più facilmente alla guerra. Ansia e depressione si nutrono di conflitti. Conoscere i meccanismi cerebrali dell’ansia è quindi molto importante sia per migliorare le terapie sia, soprattutto, per fondare scientificamente strategie di cambiamento delle condizioni ambientali che li generano.

continua ...

Depressed Children Show Altered Stress Response
Preschoolers with clinical depression show a different pattern of stress hormone activity than other children their age, according to a new study. The hormone pattern is are similar to those seen in depressed adults, which suggests that abnormal stress responses in depressive disorders occur "across the lifespan."
Researchers found that, unlike other preschoolers in their study, depressed children showed no dip in levels of the stress hormone cortisol while in the research setting. Instead, their cortisol levels continued to climb while those of the other children declined once they got comfortable with the unfamiliar environment.

continua ...

Suicidal Behavior in the Elderly
Assessment and treatment of suicidal patients is one of the most difficult and anxiety-provoking tasks for mental health care professionals. In the case of elderly patients who may often talk about death and dying, assessing suicide risk is even more challenging.
Epidemiological data may help to understand risk and protective factors but they cannot guide the evaluation of individual patients. Suicide rates vary greatly with age, gender and ethnicity. The elderly population has the highest suicide rates in almost all countries in the world where data are available. Some countries follow the Hungarian pattern (i.e., suicide rate increases with age in both genders), while others show the U.S. pattern (i.e., suicide rate increases with age only in men). The elderly (65 and over) made up 12.4% of the U.S. population in 2001 while they represented 17.6% of suicides (McIntosh, 2003). Men accounted for about four out of five completed suicides in the 65 and older age group over the past two decades. This is partly explained by the fact that men are more likely to use more lethal methods of suicide. Seventy-six percent of men and 33% of women who completed suicide used firearms, while 3% of men and 33% of women who completed suicide overdosed on medications (McIntosh, 2003).

continua ...


0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

La vecchiaia

Il passaggio dalla mid-life alla vecchiaia è al giorno d’oggi più sfumato e graduale che nel passato, a causa dell’aumento della durata media della vita, del pr...

MUTISMO SELETTIVO

Il "Mutismo Selettivo", è un disordine dell'infanzia caratterizzato dall'uso appropriato del linguaggio in alcune situazioni, in particolare quelle familiari, e...

News Letters

0
condivisioni