Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

PSICONLINE NEWS n.188 - 4.4.2004

on . Postato in News di psicologia | Letto 155 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
  • Inaugurati i nuovi Laboratori di Psicologia dell’Università di Milano - Bicocca
  • SFRUTTIAMO SOLO IL 10% DEL CERVELLO: LEGGENDA METROPOLITANA
  • Consigli anti-panico per vincere la paura del terrorismo
  • Il fumo danneggia le funzioni mentali
  • Serve più attenzione per le curiosità dei bambini
  • Can we believe our memories?
  • Better predictors are needed for posttraumatic stress disorder in children
  • Expert: Mormon Women Less Depressed

Inaugurati i nuovi Laboratori di Psicologia dell’Università di Milano - Bicocca
Mercoledì 31 marzo, nell’Edificio U9 dell’Università degli Studi di Milano – Bicocca, in Via dell’innovazione 10 a Milano, si è tenuta l’inaugurazione dei nuovi laboratori del Dipartimento di Psicologia con il saluto di Marcello Fontanesi, Rettore dell’Università di Milano – Bicocca. Sono intervenuti Giuseppe Vallar, preside della Facoltà di Psicologia dell’Università di Milano – Bicocca, che ha illustrato le attività di ricerca e didattica che si svolgono in Bicocca; Costanza Papagno, direttore del Dipartimento di Psicologia, che si è prestata come guida per un giorno mostrando i nuovi laboratori a studenti, giornalisti e studiosi e Alan D. Baddeley, docente dell’Università di York (Gran Bretagna), che ha tenuto la conferenza Recent developments in working memory (Sviluppi recenti sulla memoria di lavoro)
Il Dipartimento di Psicologia di Milano – Bicocca dispone dunque di nuovi laboratori dedicati alla ricerca in ambito di psicologia sperimentale, neuropsicologia, psicologia dello sviluppo e psicologia sociale. I ricercatori e gli studenti dell’ateneo possono così utilizzare nuovi e formidabili strumenti per indagare sull'organizzazione psicologica e cerebrale dei processi cognitivi ed emotivo-motivazionali, studiare le esperienze di gruppo, le dinamiche di gruppo, i focus di gruppo (percezione, azione, cognizione spaziale, memoria, linguaggio, pensiero,emozioni), con diversi metodi sperimentali, in soggetti in diverse età della vita (neonati, bambini, adolescenti, adulti, anziani), in soggetti affetti da lesioni o disfunzioni cerebrali, causa di deficit comportamentali e in gruppi di persone.
Alcuni presenti all’inaugurazione sono stati invitati a prestarsi come soggetti sperimentali.
I test a cui si sono liberamente sottoposti hanno riguardato la distorsione della percezione visiva (ricorrendo ad occhiali prismatici per immagini distorte), la neuroanatomia funzionale (assegnando compiti manuali e/o verbali e mostrando contemporaneamente in un monitor le aree cerebrali interessate da questi compiti), la dinamica della azioni umane (rilevando i movimenti del braccio), la registrazione di movimenti oculari (durante la lettura di giornali con titoli dal significato ambiguo: “Uccisa la figlia del boss che era in strada”; in tal caso, chi era in strada? il boss o la figlia? Il lettore attribuisce un proprio senso al titolo decidendo se proseguire nella lettura o passare ad altro).
In particolare, i laboratori permettono di analizzare ed interpretare dati nelle seguenti aree:
Elettrofisiologia Cognitiva
- le basi elettrofisiologiche dei processi cognitivi, indagate mediante la tecnica dei potenziali evento-correlati e della stimolazione magnetica transcranica
Percezione
- l'indagine della percezione visiva e somatosensoriale
Movimento e Azione
- la registrazione e l’analisi dei parametri cinematici del movimento
Neuropsicologia e Neuroanatomia Funzionale
- gli effetti delle lesioni o disfunzioni cerebrali sulle funzioni cognitive, quali il linguaggio, l'attenzione, la memoria, la coscienza e le immagini mentali; la localizzazione anatomica di tali funzioni
Psicologia dello Sviluppo
- l'osservazione e la registrazione della comparsa del gioco e del linguaggio spontaneo nei bambini dai 18 ai 36 mesi, nonche' l'osservazione delle capacita' di esplorazione visuospaziale nei bambini a partire da 4 mesi
Psicologia Sociale
- lo studio delle esperienze di gruppo, quali dinamiche di gruppo, focus di gruppo

 

SFRUTTIAMO SOLO IL 10% DEL CERVELLO: LEGGENDA METROPOLITANA
A partire dai ruggenti anni 60 si diffuse la ‘voce’ che in realtà noi sfruttavamo solo il 10% delle nostre potenzialità cognitive e intellettive. E questa è una delle domande che vengono più frequentemente rivolte ai neuroscienziati. A chiarire l’equivoco una volta per tutte un articolo del numero speciale della rivista Scientific American dedicata proprio al cervello.
“In realtà” dice Barry L. Beyerstein del Brain Behavior Laboratory della Simon Frazer University di Vancouver “questo mito continua a resistere per consolare milioni di persone che sperano di poter attingere a riserve segrete di facoltà che però in realtà non esistono. Il cervello si è andato formando attraverso i processi di selezione naturale. Il tessuto cerebrale ha dei costi metabolici molto alti sia per crescere che per funzionare e sarebbe praticamente impossibile che l’evoluzione permettesse di mantenere inutilizzato il 90% di un organo.”

continua...


Consigli anti-panico per vincere la paura del terrorismo
Il timore di prendere il treno o la metropolitana, l'ansia per la propria sicurezza e quella dei propri cari sono sempre più diffusi. Come convivere con la paura del terrorismo? La paura è «una reazione normale - assicura Antonio Lo Iacono, presidente dell'Istituto europeo internazionale di psicologia dell'emergenza - che può essere meglio controllata con alcuni piccoli trucchi come quello di condividere l'emozione, parlando con gli altri. O imparando a prendere contatto con il proprio respiro per rilassarsi».

continua...

 

Il fumo danneggia le funzioni mentali
Il fumo di sigaretta accelera l'invecchiamento cerebrale negli anziani non affetti da patologie neurologiche.
Lo prova uno studio effettuato dai ricercatori dell'equipe condotta dall' Erasmus University Medical Centre di Rotterdam in collaborazione con otto università europee.
I ricercatori hanno esaminato le funzioni mentali di oltre 9000 persone di età superiore ai 65 anni, sia donne che uomini. La loro efficienza mentale è stata testata tramite il Mini Mental State Examination (MMSE), un test composto da esercizi di comprensione, scrittura e disegno.

continua...


Serve più attenzione per le curiosità dei bambini
Se chiedono ‘cos’è’ non vogliono sapere il nome di un oggetto, ma la sua funzione e bisogna accontentarli
I bambini sono esigenti e i genitori non devono sottovalutare la loro classica domanda “che cos'è?”. Infatti, se la rivolgono in riferimento a un oggetto per loro nuovo non è al nome che sono interessati, ma alla sua funzione.
L'ha scoperto un gruppo di ricerca del Swarthmore College capeggiato da Deborah Kemler Nelson. Secondo quanto riferito sulla rivista scientifica Psychological Science, l'età non conta e i bambini sono soddisfatti solo quando i genitori rispondono in modo esaustivo alle loro domande. Per dimostrarlo, gli psicologi hanno coinvolto un campione di bimbi dai 2 ai 4 anni dividendoli in due gruppi.

continua...


Can we believe our memories?
The use of photographs by psychotherapists as memory cues for the "recovery" of patients' possible childhood sexual abuse has been called into question by a Canadian study. It found that a "staggering" two-out-of-three participants accepted a concocted false grade-school event as having really happened to them when suggestions regarding the event were supplemented with a class photo.
"I was flabbergasted to have attained such an exceptionally high rate of quite elaborate false memory reports," says University of Victoria psychology professor Dr. Stephen Lindsay. His NSERC-sponsored research is published in the March 2004 issue of Psychological Science.
Forty-five first year psychology students were told three stories about their grade-school experiences and asked about their memories of them. Two of the accounts were of real grade three to six events recounted to the researchers by the participant's parents. The third event was fictitious, but also attributed to the parents. It related how, in grade one, the subject and a friend got into trouble for putting Slime (a colourful gelatinous goo-like toy made by Mattel that came in a garbage can) in their teacher's desk.

continua...


Better predictors are needed for posttraumatic stress disorder in children
Clinicians seeking to predict which acutely traumatized children are in need of more extensive follow-up should not rely solely on assessment of acute stress disorder (ASD) as a diagnostic tool. Research at The Children's Hospital of Philadelphia found that only one in five children who developed posttraumatic stress disorder (PTSD) would have been identified during the immediate post-trauma period using only ASD diagnostic criteria. The study appears in the April issue of the Journal of the American Academy of Child and Adolescent Psychiatry.
"Based on previous findings that have found a strong connection between ASD and future PTSD in adults, we set out to demonstrate sensitivity and specificity in predicting child PTSD among children with significant ASD symptoms," said lead author Nancy Kassam-Adams, Ph.D., associate director of behavioral research, TraumaLink at Children's Hospital. "Only when we used symptom subsets like dissociation or arousal did we find sensitive predictors for PTSD."

continua...


Expert: Mormon Women Less Depressed
A Brigham Young University sociologist says data from national surveys show Mormon women are less likely to be depressed than American women in general and show no major differences in overall life satisfaction compared to women nationwide but do score lower on measures of self-esteem.
Sherrie Mills Johnson spoke Thursday at the semiannual meeting of the Association of Mormon Counselors and Psychotherapists.
Johnson's study used two national surveys of Mormon women. One focused on 1,519 returned missionaries and the other on 617 women who had not served missions. She compared those findings to a 1992-94 national study of 3,075 non-Mormon women in the National Survey of Families and Households. She said all three studies included similar measures of depression and self-esteem.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Decisione scolastica (15164313…

Simo, 45     Mio figlio fa la 5^ elem. Ora deve scegliere le medie dove farle. ...

Psicoterapia e problemi (15164…

Luna, 39     Si può continuare una psicoterapia pur se si è innamorati dal primo mese del proprio terapeuta? ...

Chiarimenti alla risposta del …

ALEXA1,52     Sono Alexa nel ringraziarla per la sua risposta dottore vorrei se fosse possibile chiarimenti poichè se fosse solo amicizia la nost...

Area Professionale

L'infanzia abusata, pedofilia …

La fenomenologia degli abusi e dei danni all’infanzia (child abuse) interessa molteplici aspetti psicologici, emozionali e relazionali che compongono il quadro ...

Sistema Tessera Sanitaria

L’articolo 1 del DM 01.09.2016 ha previsto che anche gli psicologi iscritti all’Albo, secondo quanto stabilito dalla Legge 56/1989, dovranno effettuare la trasm...

Salute e sicurezza negli Studi…

  A fare chiarezza sugli adempimenti e sugli obblighi in materia di salute e sicurezza sui luoghi di lavoro negli studi professionali, è intervenuta già...

Le parole della Psicologia

Agnosia

L'agnosia (dal greco a-gnosis, "non conoscere") è un disturbo della percezione caratterizzato dal mancato riconoscimento di oggetti, persone, suoni, form...

Pet therapy

Con il termine pet therapy s'intende generalmente, una terapia dolce, basata sull'interazione uomo-animale. Si tratta di una terapia che integra, rafforza e co...

gerontofilia

Con il termine  gerontofilia (dal greco geron  anziano e philia cioè amore affinità) si indica una perversione sessuale caratterizzata...

News Letters