Pubblicità

PSICONLINE NEWS n.191 - 2.5.2004

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 197 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
  • Disabili: Nasce 'Navigabile' Per Web a Misura Di Giovanissimi
  • I figli dei divorziati non stanno peggio degli altri
  • Nella rete molti rischi per i baby-utenti
  • Women Remember Appearances Better Than Men
  • Depression Precedes Eating Disorder in Some Women

Disabili: Nasce 'Navigabile' per Web a misura di giovanissimi
Una sorta di 'cyber-traduttore', per rendere il web accessibile a bambini e ragazzi con disabilita' motorie e cognitive. E' NavigAbile, un progetto forte di un'architettura di servizi software e di un sito 'ad hoc', pensato per migliorare l'accessibilita' della rete e presentato oggi a Milano. NavigAbile sfrutta simboli, immagini e foto, ma anche un linguaggio semplificato, per trasformare a misura di giovani disabili i contenuti dei vari siti. Il progetto, frutto della collaborazione fra Fondazione italiana Accenture, Fondazione Don Gnocchi e Fondazione Francesca Riva, e' stato sperimentato con successo per 5 mesi dai primi 10 ragazzi e altrettanti insegnanti del centro S. Maria Nascente di Milano della Don Gnocchi, e da 6 ragazzi e tre docenti della scuola Matilde di Canossa di Reggio Emilia. ''Basta collegarsi al sito www.navigabile.it e registrarsi - spiega Leopoldo Ferre' della Fondazione Italiana Accenture - per avere gratis una password e accedere cosi' a pagine 'personalizzate', in base al profilo prescelto. Ne abbiamo gia' realizzati 144 diversi, a misura delle varie disabilita'''.

continua...

I figli dei divorziati non stanno peggio degli altri
La salute mentale dei figli di genitori divorziati non è peggiore di quella dei figli di coppie stabili. Lo rivela uno studio svedese riportato sul quotidiano Svenska Dagbladet.
Inoltre il fatto che entrambi i genitori lavorino a tempo pieno non ha alcun riflesso sulla maturazione psicologica del bambino. Per arrivare a queste conclusioni i sociologi dell'Università di Stoccolma hanno interrogato 1.300 bambini di età compresa tra i 10 e i 18 anni.

continua...


Nella rete molti rischi per i baby-utenti
Chi non conosce la storia di Pollicino, un bambino intraprendente che, abbandonato dai genitori poveri, si perde nel bosco e rischia di cadere nelle fauci dell’orco? Se si trasportasse la fiaba ai giorni nostri, si potrebbe pensare al bosco come a Internet e all’orco come a tutti quelli che, con chat e messaggi melliflui (pedofili e affini) cercano di attirare, è il caso di dire, il bambino nella rete?
La risposta è affermativa per Symantec e Icaa (International Crime Analysis Association, associazione non profit che realizza studi in ambito psocologico-giuridico e criminologico), promotrici di un progetto che si intitola appunto “Pollicino nella rete?, (sottotitolo significativo “Educare i minori a una navigazione sicura su Internet?), che si avvale del patrocinio del ministero delle Comunicazioni, della Polizia Postale, del Consiglio Regionale del Lazio e dell’Unicef.
Il progetto prevede una serie di iniziative di sensibilizzazione al problema della salvaguardia dei minori dai pericoli della rete, convegni, corsi per genitori e insegnanti, la diffusione di manuali e linee-guida.

continua...



Women Remember Appearances Better Than Men
Women are better than men at remembering the appearance of others, a new study shows.
The gender difference in appearance memory was not great, but it shows another area where women are superior to men in interpersonal sensitivity, said Terrence Horgan, lead author of the study and research fellow in psychology at Ohio State University.
“Women have an advantage when it comes to remembering things like the physical features, clothing and postures of other people,” Horgan said. “This advantage might be due to women being slightly more people-oriented than men are.”
The study also found that both men and women did better at remembering the appearance of women than they did remembering how men looked.

continua...


Depression Precedes Eating Disorder in Some Women
Women with eating disorders who have attempted suicide may have had a depressive disorder long before their problems with food began, the results of a small study suggest.
Researchers found that among 27 eating-disorder patients with a history of suicide attempts, two thirds had major depression before the onset of the eating disorder. That compares with just one of 27 patients who had never attempted suicide.
Women in the suicidal group also developed depression and anxiety disorders at a younger age than the other women did.
A substantial number of people with eating disorders purposely injure themselves or attempt to take their lives, according to the study authors, led by Dr. Lisa R. R. Lilenfeld of Georgia State University in Atlanta.
The new findings show that for these women, "the eating disorder may be secondary to a mood disturbance," the researchers report in the International Journal of Eating Disorders.
That stands in contrast to some past research suggesting that depression typically arises after a woman develops an eating disorder like anorexia or bulimia. According to Lilenfeld and her colleagues, depression may often be a consequence of the eating disorder, but this may not be true of suicidal patients.

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

Tecnostress - Tecnofobia

Il Tecnostress (o tecnofobia) è una patologia che scaturisce dall'uso eccessivo e simultaneo di quelle informazioni che vengono veicolate dai videoschermi. Ess...

Percezione

Tradizionalmente, gli psicologi hanno distinto il modo nel quale noi riceviamo le informazioni dal mondo esterno in due fasi separate: Sensazione: riguarda i...

News Letters

0
condivisioni