Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

PSICONLINE NEWS n.194 - 23.5.2004

on . Postato in News di psicologia | Letto 157 volte

  • Toscana, arriva la legge su tatuaggi e piercing
  • Dalla nevrosi all'anoressia
  • Il dolore cronico peggiora la qualità della vita
  • IRAQ: ristabilire equilibrio emotivo soldati
  • How Psychology Can Help Explain The Iraqi Prisoner Abuse
  • New research shows reasons for smoking vary
  • Television advertisements for foods promote food consumption in children

Toscana, arriva la legge su tatuaggi e piercing
Addio al piercing e al tatuaggio selvaggio, ma anche ai centri di snellimento non qualificati e alle abbronzature fuori ogni controllo. La III e la IV Commissione in seduta congiunta hanno infatti licenziato a maggioranza, con l’astensione dei gruppi di centrodestra, la nuova disciplina delle attività di estetica e di tatuaggio e piercing.
La proposta di legge, che dovrà ora approdare in Consiglio per il voto finale, definisce con precisione in che cosa consistano le attività di estetica, includendo in esse anche quelle finalizzate allo snellimento e al modellamento della figura, e stabilendo che esse possano essere svolte solo da coloro che hanno conseguito la qualifica professionale di estetista. Sono specificate anche la attrezzature che possono essere utilizzate dalle estetiste: proibito il laser. E’ vietata inoltre la redazione e la prescrizione di diete, riservata esclusivamente ai medici; vietato anche l’esercizio dell’attività di estetica, di tatuaggio e piercing in forma itinerante o di posteggio.
Non sarà più possibile eseguire tatuaggi e piercing (ad esclusione del piercing al padiglione auricolare, considerato innocuo per la salute e tradizionalmente praticato anche su bimbi piccoli) ai minori di anni 18 senza il consenso informato reso personalmente dai genitori. I luoghi dove si fanno tatuaggi e piercing dovranno inoltre presentare precisi requisiti igienico-sanitari, così come sono previsti corsi di formazione, distinti, per conseguire la qualifica di estetista e di operatore di tatuaggio e piercing. Gli addetti ai lavori avranno cinque anni di tempo per munirsi dell’abilitazione richiesta.

continua...

Dalla nevrosi all'anoressia
ALMENO una ragazza su 5, tra i 14 e i 21, anni, ha un rapporto nevrotico con il cibo. Solo 3 sui mille, però, trasformano l'ossessione in patologia, in anoressia. Tra i maschi i numeri rimangono minori, (1 contro 9) sia per la vera e propria anoressia, che per la semplice nevrosi: in questo caso, la magrezza lascia il posto al culto del fisico palestrato, le diete ipocaloriche alle varie pillole. Nelle une e negli altri la mania si trascina facilmente all'età adulta. "Sono sintomi di insicurezza" spiega Matteo Selvini, psicologo della scuola di psicoterapia Mara Selvini Palazzoli, di Milano. "L'ossessione del corpo nasce come difesa contro una situazione di ansia generalizzata, conseguenza di un difficile rapporto con se stessi. In altre parole, se penso di "fare schifo" in generale, nel momento in cui focalizzo il disgusto sul grasso, o su una parte del corpo riesco a stare un po' meglio".

continua...

Il dolore cronico peggiora la qualità della vita
La American Chronic Pain Association ha condotto un'indagine sulla qualità della vita delle persone che soffrono di dolore cronico. Lo ha fatto intervistando telefonicamente 800 persone afflitte da dolore cronico.
Il dolore cronico può colpire chiunque. Ma interessa più frequentemente le persone anziane o chi soffre di particolari disturbi, come il diabete, l'artrite o il mal di schiena. Tuttavia, non è una condizione normale, neanche nelle persone anziane. E, in più, influenza negativamente la qualità della vita. La ricerca dimostra che il 70% di chi soffre di un dolore cronico si sente molto stressato. Mentre il 55% si sente meno motivato a causa del dolore. Le donne sono più emotivamente colpite dal dolore rispetto agli uomini. Ma tre uomini su dieci hanno un calo della libido dovuto al dolore cronico.

continua...


IRAQ: ristabilire equilibrio emotivo soldati
Ristabilire l'equilibrio emotivo alle stesse condizioni in cui si trovava precedentemente l'intervento della missione di peace-keeping. E' il lavoro che, come spiega la psicologa militare Imma Tomaj al congresso degli psicologi italiani, va fatto sui soldati che ritornano dalle missioni di pace, come quelle in Iraq e Afghanistan, per evitare l'insorgere dei disturbi post-traumatici da stress. ''In Italia siamo ancora indietro su questo, soprattutto rispetto agli Stati Uniti - spiega Tomaj - perche' poche sono state le missioni di questo tipo fatte finora, ma con la strage di Nassiria e gli ultimi avvenimenti ci sono stati dei cambiamenti. I carabinieri per esempio - ha proseguito - hanno inviato dei loro psicologi proprio per offrire un supporto finalizzato al ripristino dell'equilibrio emotivo al termine della giornata''. La cosa piu' difficile per chi e' impegnato in questo tipo di missioni, ha sottolineato l'esperta, ''e' quella di vivere 24 ore su 24 in clima di attesa da attacco, senza poter rispondere o sparare, potendo affidare la propria incolumita' solo alla fortuna e all'abilita' di ciascuno''.

continua...


How Psychology Can Help Explain The Iraqi Prisoner Abuse
Americans were shocked by the photos of U.S. soldiers abusing Iraqi prisoners, and now many want to know why “seemingly normal” people could behave so sadistically. Psychologists who study torture say most of us could behave this way under similar circumstances.
Q: What can the Stanford prison and Milgram experiments tell us about what has been happening in Iraq? How do these experiments help to explain what we have seen in the photos out of the Abu Ghraib prison?
A: Dr. Philip G. Zimbardo, who led the Stanford prison study in which two dozen college students were randomly selected to play the roles of prisoners or guards in a simulated jail, believes that his experiment has striking similarities to the Abu Gharib prison situation. "I have exact, parallel pictures of naked prisoners with bags over their heads who are being sexually humiliated by the prison guards from the 1971 study,” he said. Professor Zimbardo explains that prisons offer an environment where the balance of power is so unequal that even normal people without any apparent prior psychological problems can become brutal and abusive unless great efforts are made by the institution to control the expression of guards' hostile impulses. Of the Stanford and Iraq prisons, he states, "It's not that we put bad apples in a good barrel. We put good apples in a bad barrel. The barrel corrupts anything that it touches."

continua...


New research shows reasons for smoking vary
An article proposing a new method for measuring tobacco addiction, published in the latest edition of The Journal of Clinical and Consulting Psychology, suggests that one size does not fit all when it comes to motivations for smoking.
A new questionnaire designed to measure tobacco dependence, the Wisconsin Inventory of Smoking Dependence Motives (WISDM-68), has uncovered surprising variability in the reasons people smoke.
"There is a great deal we don't know about tobacco dependence," says Megan Piper, a University of Wisconsin-Madison researcher and lead author of the article. "This measure helps us understand why people smoke and points us toward more individualized treatment for tobacco users."
Previous measures concentrated primarily on physical dependence, including questions about number of cigarettes smoked, smoking upon waking and smoking when ill. The WISDM-68 provides a more complete picture of smokers by rating responses to questions in 13 areas, including emotional attachment to smoking (cigarettes are my best friends), response to other smokers (most of the people I spend time with are smokers), smoking to relieve stress, smoking for mental stimulation (I smoke to keep my mind focused), and smoking automatically (I smoke without thinking about it). The 68-question measure was developed by the University of Wisconsin Transdisciplinary Tobacco Use Research Center.

continua...


Television advertisements for foods promote food consumption in children.
"The impact of television (TV) advertisements (commercials) on children's eating behavior and health is of critical interest. In a preliminary study we examined lean, overweight, and obese children's ability to recognize eight food and eight non-food related adverts in a repeated measures design. Their consumption of sweet and savory, high- and low-fat snack foods were measured after both sessions," scientists writing in the journal Appetite report.
"While there was no significant difference in the number of non-food adverts recognized between the lean and obese children, the obese children did recognize significantly more of the food adverts," said Jason C. G. Halford and colleagues at the University of Liverpool in England. "The ability to recognize the food adverts significantly correlated with the amount of food eaten after exposure to them. The overall snack food intake of the obese and overweight children was significantly higher than the lean children in the control (non-food advert) condition. The consumption of all the food offered increased post food advert with the exception of the low-fat savory snack.

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

ansia (1510264195644)

Vanessa, 44     Ciao. Sono una donna single, innamorata dei viaggi. ...

Credo che al mio ragazzo inte…

Flavia, 23     Salve, sono una ragazza di 23 anni. Per cinque mesi sono stata con un ragazzo che ho lasciato nei giorni scorsi. ...

Depressione a causa di una rag…

Pasq, 25     Sono un ragazzo di 25 anni, 1 anno fa conobbi una ragazza, e subito abbiamo stretto amicizia e siamo diventati molto amici. ...

Area Professionale

Il consenso informato

Il consenso informato rappresenta un termine etico e legale definito come il consenso da parte di un cliente ad una proposta di procedura inerente la salute men...

La diagnosi in psicologia

In Psicologia per processo diagnostico si intende “l’iter che il paziente percorre insieme al clinico allo scopo di rilevare l’ampiezza e l’entità del/dei distu...

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Le parole della Psicologia

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

Paranoia

La paranoia è una psicosi caratterizzata dallo sviluppo di un delirio cronico (di grandezza, di persecuzione, di gelosia, ecc.), lucido, sistematizzato, dotato ...

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

News Letters