Pubblicità

PSICONLINE NEWS n.207 - 12.9.2004

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 304 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
  • Adolescenti in crisi d’umore
  • La salute mentale dei ragazzi: pronti i risultati della più vasta indagine in Italia
  • In classe a 5 anni e mezzo: come se la caveranno?
  • FRANCIA: ATTACCO ALL'OMEOPATIA DELL'ACCADEMIA MEDICINA
  • IPNOSI EFFICACE NELL'ALLEVIARE I DOLORI DA CANCRO
  • Report sees wide health effects of 9-11 attacks: Respiratory illnesses, mental health, issues top list of problems
  • New Evidence Against MMR Link to Autism

Adolescenti in crisi d’umore
In un rinnovato approccio alla sanità pubblica con l'obiettivo di incentivare prevenzione e diagnosi precoce di varie malattie organiche, è necessario tener conto del disagio mentale che può comparire in adolescenza e che, non riconosciuto, può sfociare in una vera psicosi. Si tratta spesso di sintomi all'inizio molto sfumati che possono essere facilmente negati dai genitori e dallo stesso adolescente, ma molto importanti per una diagnosi precoce e per un intervento terapeutico sia preventivo che curativo. Questi sintomi consistono in ingiustificati cambiamenti dell'umore e del comportamento sociale. Socievole, curioso e allegro prima, l'adolescente diventa improvvisamente cupo, schivo e depresso. Si isola dal gruppo e rifiuta ogni contatto con le emozioni. Brillante a scuola prima e desideroso di apprendere, diventa distratto e non più interessato allo studio. Capace di relazionarsi con ragazzi e ragazze dell'altro sesso, diventa scontroso, schivo e incapace di una buona relazione duratura. Spesso, in occasione di un insuccesso a scuola, non tollera la frustrazione e decide di restare a casa e di cambiare i progetti per la propria vita.

continua...

La salute mentale dei ragazzi: pronti i risultati della più vasta indagine in Italia
Si è concluso uno studio epidemiologico su vasta scala dei disturbi mentali negli adolescenti.
Quanti ragazzi soffrono di depressione o ansia? Esistono differenze tra maschi e femmine? Quali ripercussioni hanno i problemi dei genitori sui figli? Ci sono differenze tra gli alunni della scuola pubblica e quelli della scuola privata?
Queste ed altre domande sono state affrontate dal progetto "Prisma", (Progetto Italiano Salute Mentale Adolescenti), approvato e finanziato dal Ministero della Salute e condotto dall'IRCCS "Eugenio Medea"- Associazione "La Nostra Famiglia" di Bosisio Parini

In classe a 5 anni e mezzo: come se la caveranno?
In gergo scolastico li chiamano, con termine non felice, gli "anticipatari" e sono loro, i bambini che quest'anno andranno alle elementari a cinque anni e mezzo, la vera novità di quest'anno. Dopo un anno di sperimentazione, infatti, la riforma scolastica è a regime e i genitori potranno - se lo vorranno - mandare i figli a scuola anticipatamente rispetto ai fatidici sei anni. L'anno scorso, su ventitremila iscritti in prima elementare, gli anticipatari, cioè quelli che compivano i sei anni entro febbraio e non entro la canonica fine di agosto, erano il 4,8 per cento. Un plotone di più di mille piccolini, in classe con i "grandi". Quest'anno si prevedono 550 mila bambini in prima elementare nella scuola pubblica, di cui 60-70 mila in anticipo, e il compimento dei sei anni è stato spostato al 30 aprile. Alla materna invece, ancora in via sperimentale, potranno iscriversi bambini che compiono i 3 anni entro il 30 di aprile.

continua...

FRANCIA: ATTACCO ALL'OMEOPATIA DELL'ACCADEMIA MEDICINA
L'omeopatia? ''E' un metodo immaginato, due secoli fa, a partire da preconcetti privi di fondamento scientifico. Ha vissuto finora come una dottrina a margine da ogni progresso''. E' lapidaria l'opinione dell'Accademia di medicina francese, che chiede alla Mutua la revoca del rimborso di questi prodotti.
Un rimborso gia' ridotto dal 1 gennaio 2004 - ai pazienti viene oggi risarcito il 35% della spesa per rimedi omeopatici, anziche' il 65% come prima - e che comunque non incide in modo sensibile sul budget del Servizio Sanitario transalpino: nel 2003 l'omeopatia e' costata 150 milioni d'euro, pari a poco meno dell'1% del totale dei rimborsi di medicine.
Ma e' un altro l'aspetto che preme agli accademici: questi rimedi ''non rispondono in niente alla definizione di medicinale ne' nella natura - accusano - ne' nella destinazione''. Il codice della sanita' stabilisce che un medicinale deve provare un 'interesse terapeutico' con una serie di prove farmacologiche e cliniche.

continua...

IPNOSI EFFICACE NELL'ALLEVIARE I DOLORI DA CANCRO
L'ipnosi può alleviare la sofferenza e migliorare la qualità della vita dei pazienti colpiti dal cancro. A sostenerlo è Christina Liossi, dell' University of Wales di Swansea, nel Galles.
L'ipnosi è stata già sperimentata per aiutare a smettere di fumare, a perdere peso e superare le fobie e, secondo alcuni studiosi il potenziale terapeutico reale di tale pratica rimane ancora non sfruttato.
Secondo la Liossi, c'è la prova medica che l'ipnosi contribuisce ad alleviare la depressione, la nausea, il vomito ed il dolore sofferti dai pazienti colpiti dal cancro.
C'è, inoltre, la possibilità che l'ipnosi possa aumentare la sopravvivenza dei pazienti colpiti, ma le prove per sostenerlo non sono ancora sufficienti.

continua...

 

Report sees wide health effects of 9-11 attacks: Respiratory illnesses, mental health, issues top list of problems
Most of the health problems reported after the Sept. 11, 2001 attacks have involved respiratory difficulties and mental distress, according to a U.S. government report published on Wednesday.
Firefighters and other emergency workers showed long-term respiratory problems, including a syndrome called “WTC cough.”
A separate study published on Wednesday also showed subtle but significant effects on pregnant women and their babies.
The hijacked plane attacks that destroyed the World Trade Center created infernos that enveloped much of New York in a pall of smoke and dust loaded with toxic chemicals. Nearly 3,000 people were killed in the attacks and a similar one on the Pentagon in Washington.

continua...

New Evidence Against MMR Link to Autism
Scientists published a new study on Friday which they said adds to evidence that the triple measles, mumps and rubella (MMR) vaccination is not linked to autism or other developmental problems.
Fears that the triple jab might cause autism have resulted in a decrease in the number of vaccinated children in Britain from 92 percent in 1995-96 to 82 percent in 2002-2003.
"We have found no convincing evidence that MMR vaccination increases the risk of autism," Dr Liam Smeeth, of the London School of Hygiene and Tropical Medicine, said in a report in The Lancet medical journal.
"No significant association has been found in rigorous studies in a range of different settings."
Medical experts are worried that as the number of unprotected children rises more will become susceptible to infection and cases of the illness will increase.

continua...

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Coppia e Famiglia (15604028132…

damiano, 46 Ho una dipendenza affettiva verso una donna della mia eta'. ...

Oscillazioni (1558793295819)

Tatiana, 21 E' difficile dire a che campo appartiene il mio problema, penso sia un insieme di causa: sta di fatto che per semplificare posso affermare che ho...

Sto male

Francis, 35 Ho bisogno di parlare con uno psicologo che mi aiuti ad affrontare una separazione difficile..è una situazione molto delicata e ho anche un bam...

Area Professionale

Articolo 21 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.21 (insegnamento strumenti e tecniche psicologiche), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardi...

Articolo 20 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.20 (didattica e deontologia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 19 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.19 (selezione e valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Le parole della Psicologia

Apprendimento globale

L'appredimento globale riguarda il nostro modo personale di affrontare un problema. Come viene appreso l'ambiente intorno a sé e come vengono acquisite nuove...

Pistantrofobia (paura di fidar…

La pistantrofobia è caratterizzata da una paura irrazionale di costruire una relazione intima e personale con gli altri. Molti di noi hanno sperimentato delusi...

Noia

La noia è uno stato psicologico ed esistenziale di insoddisfazione, temporanea o duratura, nata dall'assenza di azione, dall'ozio o dall'essere impegnato in un...

News Letters

0
condivisioni