Pubblicità

Psicosi e Violenza

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1242 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Il legame ambiguo tra psicosi e violenza

psicosi e violenzaLa vita di Jeroen Ensink è stata interrotta quando un uomo con problemi di salute mentale lo ha pugnalato a morte fuori dal suo appartamento a nord di Londra. In un'inchiesta, la vedova di Ensink, ha chiesto di sapere perché esistono questi tipi di omicidi: "continuano a succedere ancora e ancora".


Omicidi commessi da persone che soffrono di schizofrenia o psicosi fanno notizia ed è facile capire perché alcune persone hanno paura di persone con malattie mentali. Tuttavia, l'evidenza scientifica che collega la schizofrenia con il crimine violento non è chiara.

Alcuni studi che esaminano la relazione tra psicosi e la violenza suggeriscono che ci sia un rapporto forte, mentre altri studi asseriscono che esistono legami deboli o inesistenti tra la violenza e la schizofrenia.

Abuso di sostanze

Uno dei grandi problemi per la ricerca, in questo campo, è quello di separare la schizofrenia dagli effetti delle molte altre difficoltà di cui le persone, con tale disturbo, soffrono. L'abuso di sostanze è pensato per essere uno dei fattori che contribuisce ad un aumento del rischio per la violenza nelle persone con schizofrenia.

Una meta-analisi di 20 studi, pubblicati in PLoS Medicine nel 2009, ha esaminato i legami tra la psicosi, l’abuso di sostanze stupefacenti e la violenza. I risultati suggeriscono che, nel più dei casi, l'aumento del rischio per la violenza era dovuto ad un abuso di sostanze. Gli autori di questo studio concludono che la linea di condotta volta a controllare la violenza dovrebbe concentrarsi maggiormente sull’ abuso di sostanze stupefacenti, piuttosto che sulla psicosi.

Lo stesso studio, però, ha anche esaminato svariate ricerche che si erano concentrate sull’omicidio piuttosto che sulle violenze meno gravi. I risultati hanno mostrato che le persone che soffrono di psicosi (con o senza l'abuso di sostanze) hanno quasi 20 volte più probabilità di uccidere un'altra persona di quanto ci si aspetterebbe nella popolazione generale.

Tali risultati sembrano supportare la paura pubblica sugli schizofrenici ed è sorprendente che la popolazione chieda un'azione per ridurre tale rischio mediante l'attuazione di un controllo più rigoroso delle persone che soffrono di malattie mentali. Il problema è che l'omicidio è molto raro, sia che le persone abbiano la schizofrenia oppure no.

Molte persone con schizofrenia, che non costituiscono una minaccia, avrebbero dovuto essere detenuti al fine di evitare anche un solo episodio di violenza grave. C'è un enorme costo finanziario per attuare questa misura e anche un costo sociale in termini di libertà perduta per molte persone innocenti.

Il problema di escogitare un metodo infallibile per decidere chi detenere e chi lasciare liberi non potrà essere mai risolto a causa della complessità delle cause di singoli episodi di violenza.

Quello su cui dovremmo concentrarci

Infine, la nostra attenzione si concentra inevitabilmente su un elevato profilo e tragici fallimenti nella gestione delle persone con schizofrenia, che commettono omicidi. E, ovviamente, non ci concentriamo sulle migliaia di persone in tutto il Regno Unito che soffrono di schizofrenia, ma vivono una vita felice e produttiva.

Purtroppo, la gestione di successo di persone affette da schizofrenia non è mai, ma l'assenza di attenzione agli aspetti positivi ed efficaci di sostegno attuati per le persone malate di mente può significare che ci mancano alcune lezioni importanti su come evitare tragedie future.

Conoscere ciò che funziona è sicuramente importante, così come cercare di evitare quello che è andato storto l'ultima volta. Ma vi è poca attenzione sull’efficacia dei nostri servizi psichiatrici, in termini di riduzione dei danni, o sugli aspetti specifici della gestione del paziente o del trattamento per aiutare le persone affette da schizofrenia a rimanere fuori dall'ospedale e fuori dai guai.

Troppo spesso in passato abbiamo visto la politica guidata da reazioni impulsive alla tragedia, forse ora è il momento per i politici e ricercatori di cambiare obiettivi e interventi e scoprire ciò che funziona.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: schizofrenia psicosi violenza abuso di sostanze connessioni, omicidi detenzioni servizi psichiatrici

0
condivisioni

Guarda anche...

Le parole della Psicologia

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identificazioni proiettive del bambino,...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

Maternage

In psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere i...

La vecchiaia

Il passaggio dalla mid-life alla vecchiaia è al giorno d’oggi più sfumato e graduale che nel passato, a causa dell’aumento della durata media della vita, del pr...

News Letters

0
condivisioni