Pubblicità

Psicoterapia e farmaci per gli attacchi di panico

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 397 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un equipe di ricerca dell’Università dell’Ohio State (Usa) ha focalizzato l’attenzione sull’efficacia dell’approccio misto psicoterapeutico e farmacologico per il trattamento degli attacchi di panico.

In particolare, dallo studio è emerso che quattro pazienti su cinque sofferenti di dap riuscirebbero a mantenersi in una condizione pressochè libera dai sintomi più gravi per un periodo di circa sei mesi dopo aver interrotto il trattamento farmacologico, se nel contempo hanno fatto ricorso ad una psicoterapia, che gli autori dello studio in questione indicano di tipo cognitivo-comportamentale, che possa supportarli attraverso strategie di evitamento dell’ansia e ristrutturazione cognitiva. “La maggiorparte dei pazienti che abbiamo seguito nella ricerca che avevano sospeso la somministrazione di farmaci antidepressivi mentre contemporaneamente intraprendevano una psicoterapia comportamentale – dice il dr.Brad Schmidt, docente di Psicologia presso la Ohio University e coautore dello studio - hanno mantenuto per un lungo periodo di tempo una condizione psichica sufficientemente adattata e libera da sintomi invalidanti..”.

La ricerca, che è apparsa recentemente sulla rivista specializzata “Behaviour Research and Therapy”, interessa una vasta area di popolazione soggetta a frequenti crisi di attacchi di panico. Si stima che negli Stati Uniti vi siano approssimativamente oltre dieci milioni di persone che soffrono di questo disturbo e la maggiorparte di essi viene trattata farmacologicamente con ansiolitici ed antidepressivi, solitamente con benzodiazepine; alcuni di questi farmaci tuttavia possono presentare diversi effetti collaterali ed incidere sulla sfera sessuale e del funzionamento cardiovascolare, per cui è importante affiancare cure alternative di tipo psicologico che possano attenuare la somministrazione dei farmaci contribuendo a stabilizzare le condizioni psicologiche e aumentando le capacità soggettive di risposta allo stress derivante dalla patologia ansiosa.

“I pazienti spesso sembrano rassegnati a dover prendere le medicine per tutta la vita per poter controllare i loro disturbi di panico – continua il dr.Schmidt – ma molti di essi rispondono molto bene alle terapie psicologiche e possono quindi progressivamente diminuire l’assunzione di farmaci”.

I dati della ricerca mostrano infatti che circa l’80% dei pazienti seguiti per sei mesi con psicoterapia (CBT) dopo la sospensione del farmaco continuavano a presentare un quadro complessivo privo dei gravi sintomi tipici del disturbo di panico.

Tratto da:” Drug-Free Therapy Gives Patients Reprieve from Panic Disorder” -

AScribe Newswire – Jan.2002

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Gelosia o invidia? (1551968137…

Flow, 24     Buongiorno, ho 24 anni e sono sposato. ...

Problemi con la biologia marin…

JIM87, 32     Buongiorno ho frequentato il corso di laurea magistrale di biologia marina all'Università di Padova e dopo vari problemi con un pro...

Relazione di coppia patologica…

Matilde, 39     Salve, da qualche anno convivo con un uomo che giunti al secondo anno si è trasformato. Inizialmente ero un po' più fredda io for...

Area Professionale

Articolo 8 - il Codice Deontol…

Prosegue con l'articolo 8, anche questa settimana, su Psiconline.it il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani a cura di Catello Parm...

Articolo 7 - il Codice Deontol…

Proseguiamo su Psiconline.it, settimana dopo settimana, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di...

Elementi di Diritto per lo psi…

In questo articolo forniremo dettagliatamente alcuni elementi basilari di diritto per lo psicologo clinico che si trovi chiamato ad operare direttamente nel con...

Le parole della Psicologia

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

Oblio

L'oblio è un processo naturale di perdita dei ricordi per attenuazione, modificazione o cancellazione delle tracce mnemoniche, causato dal passare del tempo tra...

Akinetopsia

L'akinetopsia o achinetopsia è un deficit selettivo della percezione visiva del movimento. I pazienti con questo deficit riferiscono di vedere gli oggetti in...

News Letters

0
condivisioni