Pubblicità

Pubertà: il cervello cambia in maniera diversa nei ragazzi e nelle ragazze

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 873 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Gli scienziati hanno scoperto che, durante la pubertà, le reti cerebrali si sviluppano in modo diverso nei maschi e nelle femmine, con i ragazzi che mostrano un aumento della connettività in alcune aree del cervello mentre le ragazze mostrano una diminuzione di quella connettività.

pubertà cervello maschi femmine

Queste analisi si sono concentrate su delle regioni cerebrali precedentemente identificate come responsabili del rischio di problemi dell'umore negli adolescenti, suggerendo un'associazione, sebbene ciò debba essere ancora testato.


Secondo una ricercatrice, la dottoressa Monique Ernst (National Institute of Mental Health / NIH, Bethesda, Maryland, USA): "Nel nostro studio, abbiamo dimostrato che alcune regioni del cervello si sviluppano in modo diverso nei ragazzi e nelle ragazze, durante la pubertà. La connettività funzionale aumenta nei ragazzi e diminuisce nelle ragazze. La nostra prossima serie di studi mirerà a chiarire il significato di questi cambiamenti comunicativi nel cervello in fase di maturazione e a identificare se sono protettivi o se aumentano la vulnerabilità".

"Abbiamo esaminato queste aree del cervello perché erano state precedentemente associate al rischio di problemi di umore negli adolescenti. Sappiamo che i disturbi dell'umore, in particolare l'ansia e la depressione, si verificano in modo sproporzionato nelle ragazze e, seguendo la tendenza a emergere durante la pubertà, le donne hanno il doppio delle probabilità degli uomini di soffrire di depressione.

Abbiamo scoperto che il periodo della pubertà è associato a significativi cambiamenti cerebrali in queste aree cerebrali legate all'umore; tuttavia, dobbiamo essere cauti nell'interpretare questi cambiamenti; dobbiamo verificare se l'associazione che vediamo tra questi i cambiamenti del cervello e i cambiamenti di umore coincidenti siano effettivamente collegati. Questo è il lavoro che stiamo facendo".

I ricercatori hanno analizzato le scansioni cerebrali di 147 ragazze e 157 ragazzi, di età compresa tra 13 e 15 anni, provenienti dai centri di Dublino, Londra, Dresda, Mannheim e Parigi. Erano in varie fasi della pubertà, chi era all'inizio della pubertà e chi ancora non aveva raggiunto la piena maturità.

I ricercatori hanno preso le immagini dell'attività cerebrale dei volontari adolescenti mentre giacevano in uno scanner MRI (Imaging a risonanza magnetica). Queste immagini sono state corrette per età e quindi analizzate in modo da misurare la forza con cui le regioni del cervello comunicano tra loro (nota come "connettività funzionale"). I valori della connettività funzionale di queste regioni erano correlati con il livello di maturità durante la pubertà.

Pubblicità


Monique Ernst ha proseguito: "Questa è la prima, in passato le scansioni cerebrali degli adolescenti sono state per lo più misurate rispetto a un'età cronologica relativamente più ampia, mentre, qui, siamo stati in grado di misurare i cambiamenti cerebrali direttamente rispetto al loro stato di pubertà.

Abbiamo scoperto che per un cambiamento equivalente nello stato della pubertà, la connettività funzionale in queste aree cerebrali specifiche è aumentata nei ragazzi di una media di circa il 6,5%, ma è diminuita nelle ragazze di una media di circa il 7,2% (entrambi questi risultati sono statisticamente significativi). Queste aree del cervello sono all'interno della corteccia prefrontale mediale e della corteccia parietale.

Collettivamente questi risultati indicano che ci sono cambiamenti opposti di attività cerebrale nei ragazzi e nelle ragazze mentre attraversano la pubertà. Questo modello di sviluppo maschile/ femminile può essere un fattore chiave nel ruolo dello sviluppo puberale nella comparsa di disturbi dell'umore. Il prossimo passo critico è quello di esaminare, utilizzando un disegno longitudinale, il ruolo di queste connettività cerebrali nello sviluppo della depressione durante l'invecchiamento di questi adolescenti."

il dott. Jaanus Harro della Divisione di Neuropsicofarmacologia, Dipartimento di Psicologia, dell'University of Tartu and Psychiatry Clinic del North Estonia Medical Centre, a Tallinn, ha dichiarato:

"Questo è particolarmente interessante per dimostrare le differenze di connettività tra ragazzi e ragazze. Mentre la depressione è più diffusa nelle femmine, si verifica ancora nei maschi troppo frequentemente, mentre i criteri diagnostici formali sono identici. Tuttavia, i percorsi neurali verso la depressione nei maschi e nelle femmine potrebbero essere in parte diverse, poiché un numero crescente di studi di interazione gene-ambiente ha mostrato diverse interazioni tra ragazzi e ragazze, a volte piuttosto opposte l'una all'altra. Questo studio di imaging offre un modello potenziale di cervello correlato a queste interazioni distinte ed è abbastanza plausibile che potrebbero sorgere durante l'adolescenza".


FONTE:

  • Monique Ernst, Brenda Benson, Eric Artiges, Adam X. Gorka, Herve Lemaitre, Tiffany Lago, Ruben Miranda, Tobias Banaschewski, Arun L. W. Bokde, Uli Bromberg, Rüdiger Brühl, Christian Büchel, Anna Cattrell, Patricia Conrod, Sylvane Desrivières, Tahmine Fadai, Herta Flor, Antoine Grigis, Juergen Gallinat, Hugh Garavan, Penny Gowland, Yvonne Grimmer, Andreas Heinz, Viola Kappel, Frauke Nees, Dimitri Papadopoulos-Orfanos, Jani Penttilä, Luise Poustka, Michael N. Smolka, Argyris Stringaris, Maren Struve, Betteke M. van Noort, Henrik Walter, Robert Whelan, Gunter Schumann, Christian Grillon, Marie-Laure Paillère Martinot, Jean-Luc Martinot. Pubertal maturation and sex effects on the default-mode network connectivity implicated in mood dysregulation. Translational Psychiatry, 2019; 9 (1) DOI: 10.1038/s41398-019-0433-6

 


Articolo a cura del dottor Andrea di Maio




Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: cervello news di psicologia pubertà

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobie, paranoie (1579177546962…

Bibby, 40 anni Salve ho 40 anni 2 figli ho perso mia madre 10 anni fa e da allora si è acutizzato tutto paure fobie ansie ancora non ho accettato e provo fan...

Ansia e panico (1579815239457)

Mmonic, 17 anni   Vi contatto perché non so come fare, come reagire e come trovare una soluzione. Negli ultimi mesi ho il terrore di andare a scuola f...

Ho paura delle conseguenze di …

Orchidea55, 20 anni     Salve Dott.re/ssa, innanzitutto vorrei ringraziarvi  per il servizio che offrite.Sono una ragazza di 20 anni. Non ho...

Area Professionale

Il Test del Villaggio come tec…

La ripetizione e la trasformazione nello spazio e nel tempo Il test del Villaggio è composto da un kit di 200 pezzi di legno colorato raffiguranti edifici (cas...

Psicologo Faber

Lo psicologo non è solo quello che cura ma, in senso più ampio, è interessato al benessere e alla crescita tanto delle singole persone quanto delle comunità. Co...

Psicologi che fanno video: ste…

Proseguono i consigli di Stefano Paolillo agli psicologi che fanno video e che desiderano utilizzarli nella promozione della loro attività professionale Nel pr...

Le parole della Psicologia

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Complesso di Elettra

Secondo la definizione di Carl Gustav Jung il complesso di Elettra si definisce come il desiderio della bambina di possedere il pene, e della competizione con l...

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

News Letters

0
condivisioni