Pubblicità

Quando la guida pericolosa è una vera e propria malattia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 595 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Più di metà dei guidatori con cui vi può capitare di avere un incidente potrebbe essere affetto da Adhd, il disturbo da deficit dell’attenzione e da iperattività. A suggerirlo è uno studio svedese appena pubblicato sulla rivista scientifica JAMA Psychiatry da ricercatori del Karolinska Institute diretti da Zheng Chang, che hanno studiato per tre anni i comportamenti stradali di 17mila persone di ambo i sessi con età compresa fra 18 e 46 anni. Il dato non è quindi imputabile alla spericolatezza dei giovani al volante, ma all’alterato modo di reagire di chi soffre di questo disturbo, come peraltro conferma il fatto che la regolare assunzione dell’adatta terapia ha ridotto del 58% il rischio di incidenti stradali negli 11mila soggetti che facevano da controllo nello studio.
Solo per uomini
Ciò vale però solo nei maschi, perché nelle donne con Adhd la terapia non sortisce grossi effetti e gli incidenti femminili non calano. Con un calcolo deduttivo i ricercatori hanno concluso che assumendo la terapia prescritta, i guidatori maschi con Adhd possono evitare fra il 41 e il 49% degli incidenti, perché si riduce la loro tendenza a schiacciare l’acceleratore, a frenare e accelerare bruscamente o a zig-zagare continuamente nel traffico, tutti comportamenti ancor più evidenti alle simulazioni di guida fatte al computer.

 

Tratto da www.corriere.it - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto della tua vita?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Mania

L. Binswanger (Melanconia e mania, 1960) ha messo in evidenza come nella mania vi sia una destrutturazione della dimensione temporale della vita psichica che no...

Emetofobia

Dal greco emein che significa "un atto o un'istanza di vomito" e fobia, ovvero "un esagerato solito inspiegabile e illogico timore di un particolare oggetto,&nb...

Sonnofilia

La sonnofilia, o sindrome della "bella addormentata", è una parafilia caratterizzata dall'eccitazione stimolata attraverso carezze o altri metodi, esclusi strum...

News Letters

0
condivisioni