Pubblicità

Ragazzi difficili: due tesi a confronto

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 442 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

È la percezione del modello di comportamento dei genitori o sono i geni a stimolare condotte antisociali? Che cosa rende "difficili" alcuni bambini e adolescenti? Due studi, pubblicati sullo stesso numero della rivista Child Development sembrano indicare ragioni opposte. Il primo, condotto da ricercatori dell' Università della California a Davis e del Politecnico della Virgina, sembra indicare che il comportamento antisociale dei genitori tenda a essere preso a modello dai figli, che più facilmente assumeranno anch'essi un comportamento di questo tipo.

In questo studio - che assume come antisociale un comportamento in cui si abbia uso di stupefacenti, violazione delle norme sociali, condotte avventate, litigiosità e conflitti con gli altri, abitudine a mentire - sono stati monitorati 430 ragazzi e i loro parenti biologici nel corso degli anni delle superiori, prendendo nota dei comportamenti sia dei genitori che dei figli. Dallo studio emergerebbe che questi effetti negativi del modello parentale si esplicano allo stesso modo sia che il comportamento antisociale sia esibito dalla madre o dal padre (o, ovviamente, da entrambi), in particolare in caso di atteggiamenti di scarsa attenzione, ostilità, indifferenza, scarsa autodisciplina.

Tratto da "Le Scienze.it" - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Due mondi diversi [16092338958…

  Morfea23, 21 anni     Da circa 4 mesi sto con un ragazzo totalmente  opposto al mondo in cui da sempre vivo, per situazione famili...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Ortoressia

L'ortoressia (dal greco orthos "corretto" e orexis "appetito") è una forma di attenzione abnorme alle regole alimentari, alla scelta del cibo e alle sue caratte...

Aplasia

Con il termine Aplasia si intende il mancato sviluppo di un tessuto o di un organo.  Deriva da un disfunzionamento delle cellule o dei tessuti che porta...

Narcisismo

La parola "narcisismo" proviene dal mito greco di Narciso. Secondo il mito Narciso era un bel giovane che rifiutò l'amore della ninfa Eco. Come punizione, fu d...

News Letters

0
condivisioni