Pubblicità

Reazioni alla mancanza del WiFi e dipendenza da internet

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 130 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (3 Voti)

Ti senti frustrato e arrabbiato quando la tua connessione WiFi non funziona? Potrebbe essere a causa della tua personalitA'.

dipendenza internet

Quando le tecnologie digitali non funzionano, le persone con paura di rimanere escluse (FOMO), ovvero con un'ansia derivata della perdita di un'esperienza sociale, secondo un nuovo studio, potrebbero anche percepirla mentre non sono online oppure mostrano una reazione eccessiva nei casi di dipendenza da internet.

I ricercatori dietro lo studio in questione, come gli psicologi Dr.  Lee Hadlington  e Dr. Mark Scase dal De Montfort University dell'UK, hanno dimostrato che alcuni tratti di personalità influenzano direttamente le risposte delle persone di fronte al malfunzionamento delle tecnologie digitali: gli individui che presentavano più nevrosi ed erano maggiormente estroversi avevano una relazione estrema al malfunzionamento delle tecnologie digitali.

"La frustrazione nella risposta è una delle cose che noi tutti sperimentiamo ogni giorno, quindi sembra esserci un passo logico nella nostra ricerca" ha affermato l'autore dello studio  Dr. Lee Hadlington. "Molte delle ricerche esistenti su questa tematica vanno dagli anni 40', possiamo dire quindi che questa ricerca è la prima fra questo genere attuale che esplora come l'individuo reagisce al malfunzionamento dalla tecnologia digitale e cosa più importante è posizionare questo nel contesto dell'era moderna digitale".

Se qualchevolta si verifica un errore nella tecnologia digitale, ciò ci impedisce di essere online, reagiremo in modi differenti. Una risposta "non adattiva" include l'essere arrabbiati, il panico o un senso di depressione; queste risposte non sono solo inutili, ma hanno anche dimostrato avere un dannoso impatto sulla produttività e sul raggiungimeto degli obiettivi  e possono tuttavia condurrere verso uno scarso rendimento lavorativo. Se la tecnologia digitale fallisce, ciò potrebbe essere dovuto a un danno provocato da un cyberattack, questo potrebbe colpire molti individui ed il business, quindi è importante comprendere le reazioni in modo da limitare gli effetti negativi.

Pubblicità

"Se possiamo capire cosa porta gli individui a reagire in una certa maniera e il perché si verificano queste differenze, possiamo sperare di sentirci sicuri quando la tecnologia digitale smette di funzionare, in modo tale che le persone si sentono più supportate e ci siano a disposizione più indicazioni per essere aiutate" ha affermato il Dr. Hadlington.

Nello studio, 630 partecipanti di età compresa tra i 18 e i 68 anni, hanno completato un questionario online nel quale riportavano le proprie reazioni di fronte ad un malfunzionamento della tecnologia digitale, la propria paura della perdita di essa, il grado di dipendenza da Internet e hanno inoltre risposto alle domande del BIG-5, un questionario sui tratti di personalità che riporta dei punteggi relativi a: estroversione, piacevolezza, apertura mentale, coscienziosità e nevroticismo.

I risultati hanno dimostaro che la paura della perdita, la dipendenza da Internet, estroversione e nevroticismo hanno tutte un'influenza diretta sulla reazione maladattiva, ciò significa che le persone maggiormenti dipendenti psicologicamente per quanto riguarda le tecnologie digitali hanno più probabilmente una reazione disadattiva quando si verifica un malfunzionamento.

Hanno inoltre dimostrato una correlazione tra età e reazione: all'aumentare dell'età, il livello di frustrazione che una persona esperisce diminuisce. " Più utilizziamo i nostri dispositivi, più ci si sentiamo particolamente attaccati ad essi, quindi quando non funzionano, noi tendiamo ad avere una 'piccola crisi' e smettiamo di fare qualsiasi altra cosa" ha affermato il Dr. Hadlington. "Ma ci sono cose che le persone possono fare quando le tecnologie non funzionano per rendere la loro vita più facile, reazioni eccessive non fanno altro che peggiorare le cose!"

 

Tratto da Science Daily

 

(Traduzione ed adattamento a cura della Dottoressa Giulia Inglese)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: dipendenza reazioni internet news di psicologia mancanza tecnologia digitale

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Bambina 10 anni e morte del no…

ELI, 43     Buongiorno, sono mamma di una bambina di 10 anni molto vivace intelligente e matura e al tempo stesso molto sensibile e ansiosa. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Idrofobia

L'idrofobia, chiamata anche in alcuni casi talassofobia, è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata per i liquidi, in particolare dell’acq...

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

Memoria

La memoria è quel meccanismo neuropsicologico che permette di fissare, conservare e rievocare esperienze e informazioni acquisite dall’ambiente (interno ed este...

News Letters

0
condivisioni