Pubblicità

Regolazione dell'umore naturale bassa o assente nelle persone depresse

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 479 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

L'umore varia di ora in ora, di giorno in giorno e una sana regolazione dell'umore comporta la scelta di attività che aiutano a risollevare l'umore.

Regolazione dellumore naturale bassa o assente nelle persone depresse

Tuttavia, in situazioni in cui le scelte personali di attività sono limitate, come durante i periodi di isolamento sociale e lockdown, questa regolazione naturale dell'umore è compromessa e ciò potrebbe provocare depressione. Una nuova ricerca suggerisce che un nuovo obiettivo per il trattamento e la riduzione della depressione sta supportando la regolazione naturale dell'umore.

I periodi di blocco durante la situazione COVID-19 hanno esacerbato i problemi con la regolazione dell'umore, affermano gli esperti dell'Università di Oxford.

Una nuova ricerca, pubblicata su JAMA Psychiatry, del Dipartimento di Psichiatria, dell'Università di Oxford, suggerisce che un nuovo obiettivo per il trattamento e la riduzione della depressione ha come oggetto la regolazione naturale dell'umore.

Questo nuovo studio ha esaminato 58.328 partecipanti provenienti da paesi a basso, medio e alto reddito, confrontando le persone con umore basso o con una storia di depressione con quelle con umore elevato.

In una serie di analisi, lo studio ha indagarto come le persone regolano il loro umore attraverso la scelta delle attività quotidiane.

Nella popolazione generale, esiste un forte legame tra il modo in cui le persone si sentono attualmente e quali attività scelgono di impegnarsi successivamente.

Questo meccanismo - l'omeostasi dell'umore, la capacità di stabilizzare l'umore attraverso le attività - è compromesso nelle persone con basso umore e può persino essere assente nelle persone a cui è stata diagnosticata la depressione.

Guy Goodwin, professore emerito di psichiatria, Università di Oxford, ha dichiarato: "Quando siamo giù, tendiamo a scegliere di fare cose che ci rallegrano e quando siamo su possiamo intraprendere attività che tenderanno a bilanciare. La nostra ricerca mostra che questa normale regolazione dell'umore è compromessa nelle persone con depressione, fornendo un nuovo obiettivo diretto per ulteriori ricerche e sviluppo di nuovi trattamenti per aiutare le persone con depressione. "

Pubblicità

Una persona su cinque svilupperà una grave depressione ad un certo punto della loro vita. Le strategie di blocco utilizzate da diversi paesi per controllare la pandemia di COVID-19 dovrebbero causare ancora più depressioni.

Circa il 50% delle persone non vedrà i propri sintomi migliorare significativamente con un antidepressivo e lo stesso vale per i trattamenti psicologici. Il costo totale annuo della depressione nel Regno Unito è di circa £ 8 miliardi.

Una priorità fondamentale per la ricerca sulla salute mentale è quindi lo sviluppo di nuovi trattamenti o l'ottimizzazione di quelli esistenti per la depressione.

Maxime Taquet, medico della Academic Foundation, Università di Oxford, ha dichiarato: "Formando le persone ad aumentare la loro omeostasi dell'umore, come qualcuno regola naturalmente l'umore attraverso le scelte di attività, potremmo essere in grado di prevenire o curare meglio la depressione. È probabile che ciò sia importante nei momenti di lockdown e isolamento sociale quando le persone sono più vulnerabili alla depressione e quando le scelte di attività sembrano limitate. I nostri risultati della ricerca aprono la porta a nuove opportunità per lo sviluppo e l'ottimizzazione dei trattamenti per la depressione e questo potrebbe potenzialmente essere ben adattato ai trattamenti sotto forma di app per smartphone, resi disponibili a una vasta popolazione che a volte non ha accesso ai trattamenti esistenti. "

Utilizzando simulazioni al computer, questo studio ha anche dimostrato che l'omeostasi dell'umore basso prevede episodi depressivi più frequenti e più lunghi.

La ricerca suggerisce che monitorando l'umore in tempo reale, i sistemi intelligenti potrebbero formulare raccomandazioni di attività per aumentare la regolazione dell'umore e un tale intervento potrebbe essere erogato da remoto, migliorando l'accesso al trattamento per i pazienti per i quali non è disponibile l'assistenza face to face, compresi nei paesi a basso e medio reddito.

È importante sottolineare che alcune associazioni tra attività e umore erano altamente specifiche per la cultura, ad esempio l'esercizio ha portato al più alto aumento dell'umore nei paesi ad alto reddito, mentre la religione lo ha fatto nei paesi a basso e medio reddito. Gli interventi volti a migliorare la regolazione dell'umore dovranno essere specifici della cultura, o anche specifici dell'individuo, nonché tenere conto dei vincoli e delle preferenze delle persone.

Su scala globale, oltre 264 milioni di persone di tutte le età soffrono di depressione e la maggior parte dei casi, l'80%, si trova in paesi a basso e medio reddito nonostante la scarsità di ricerche condotte in tali paesi. Il disturbo depressivo maggiore è una causa più importante di disabilità in tutto il mondo rispetto al diabete o al cancro del polmone (in termini di anni di vita persi a causa della disabilità).

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: depressione umore omeostasi regolazione dell'umore

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto compagno [1596550507819]

Manugia68, 51 anni  Buongiorno, grazie per l'attenzione. Vorrei chiedervi gentilmente che cosa in termini di comportamento dovrei provare a fare per ...

Single a 44 anni [159637738178…

Giuseppe, 44anni Gent.mi dottori buongiorno, vi scrivo per chiedervi un'opinione sulla mia storia di vita. Prometto che non sarò prolisso. ...

stato apatico [1596135127415]

Cerbero80, 40 anni Premetto che vi scrivo non perché io non sia soddisfatto del lavoro che ho fatto fino ad oggi con la mia terapista, ma prevalentemente p...

Area Professionale

Come lavorare con chi ha avuto…

Capita a psicologi e psicoterapeuti di lavorare con clienti che provengono da precedenti relazioni terapeutiche e in questo breve articolo cerchiamo di foc...

La resilienza e i concreti ind…

Gregory E. Miller e i suoi collaboratori in un nuovo studio di neuroimaging pubblicato sulla rivista PNAS hanno ipotizzato che la connettività della rete esecut...

Nelle sedute di psicoterapia l…

Una ricerca, pubblicata su “The American Journal of Psychotherapy”, sostiene l'ipotesi che l'umorismo all'interno delle sedute di psicoterapia possa contribuire...

Le parole della Psicologia

Erotomania

In psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona provi sentimenti amorosi nei suoi...

Folie à deux

La folie à deux è un disturbo psicotico condiviso, ossia una “follia simultanea in due persone”.  Essa è una psicosi reattiva che insorge in modo simultane...

Efferenza

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenienti da uno sp...

News Letters

0
condivisioni