Pubblicità

Researchers use brain scans to determine mechanism behind cognitive control of thoughts

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1350 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

corteccia prefrontaleThe human brain does not come with an operating manual. However, a group of scientists from UC Santa Barbara and the University of Pennsylvania have developed a way to convert structural brain imaging techniques into “wiring diagrams” of connections between brain regions.

Three researchers from UCSB’s Department of Psychological & Brain Sciences — Michael Miller, Scott Grafton and Matt Cieslak — used the structure of neural networks to reveal the fundamental rules that govern which parts of the brain are most able to exert cognitive control over thoughts and actions. This study is the first to provide a mechanistic explanation for how the frontal cortex exerts control over the trillions of individual neurons that allow people to stay focused on one task or switch to a radically different one. The findings appear today in the journal Nature Communications.

“Particular regions of your brain are predisposed to control your thoughts based on where they lie in relation to other regions,” said Miller, a UCSB psychology professor and co-author of the paper. “The regions on the ‘outskirts’ can perform a very specific kind of control. They can move the system to distant states, like switching from working at your job to playing with your kids.”

This new research weds cutting-edge neuroscience with the emerging field of network science, which is often used to study social systems. By applying control theory — a field traditionally used to study electrical and mechanical systems — the investigators show that being on the outskirts of the brain is necessary for the frontal cortex to dynamically control the direction of thoughts and goal-directed behavior.

Tratto da psypost - prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Catalessia

Detta anche catalessi, è uno stato patologico, ad esordio improvviso e che si protrae per brevi o lunghi periodi, in cui vi è una sospensione dei movimenti volo...

Anedonia

Il termine anedonia venne coniato da Ribot nel 1897  e descrive l’assoluta incapacità nel provare piacere, anche in presenza di attività normalmente piacev...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

News Letters

0
condivisioni