Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Ricerche sulla cleptomania

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 399 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Nuove ricerche sono state recentemente avviate sulla cleptomania da ricercatori dell’Università di Stanford, negli Stati Uniti. Le stime approssimative finora conosciute, rilevate sulla popolazione americana, parlano di una bassa diffusione del disturbo, spesso in associazione con patologie di natura depressiva. “Noi guardiamo a questa patologia essenzialmente in termini di un disturbo del controllo degli impulsi – dice il dott. Elias Aboujaoude, psichiatra presso la Stanford University Medical Center, che ha partecipato alla ricerca in questione, per la quale non è stato facile reperire soggetti con forme pure di cleptomania, anche a causa della natura stessa del disturbo, che viene solitamente tenuta segreta e difficilmente comunicata ad altri.

In questo senso vi sono anche altre condotte impulsive simili, quali per esempio la compulsione all’acquisto di oggetti vari e spesso inutili, che si verificano soprattutto come reazioni allo stress, alla frustrazione o per compensare sentimenti di vuoto; nella cleptomania è lo specifico atto del rubare l’oggetto ad essere investito di significati profondi che rivelano dinamiche inconscie collegate alla dimensione dell’affettività e delle sue vicissitudini.

“L’esperienza del cleptomanico – continua il dott. Aboujaoude – inizia con un aumento della tensione in occasione del momento in cui rubare l’oggetto, seguita da piacere e sentimenti di soddisfazione durante il furto; ma questa sensazione piacevole può subito dopo lasciare il posto a profondi sentimenti di colpa e vergogna”.

Tratto da: “True Kleptomaniacs Hard to Find” - New York Times Syndicate – Nov. 08, 2002

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Il mio ragazzo mi ha allontana…

Sara, 24     Salve Gentili Dottori, ho conosciuto pochi mesi fa un ragazzo e ci siamo messi insieme, per i primi due mesi è stato dolce, comprens...

Rapporto con la figlia (153578…

Gabriella, 62     Salve, avrei bisogno di un vostro parere riguardo il rapporto con mia figlia. Lei ha 36 anni è sposata felicemente senza figli ...

Insicurezza e bassa autostima …

Lau, 26     Buongiorno, fin da quando ero piccola ho sempre avuto una scarsa autostima e questo mi ha portato sicuramente ad essere sempre indeci...

Area Professionale

Psicologi e psicoterapeuti sem…

La popolazione dei paesi industrializzati si evolve costantemente e continua a diversificarsi ed è importante che psicologi e psicoterapeuti acquisiscano compet...

Arroccamento e rabbia di un ad…

Un caso clinico di un adolescente "arrabbiato", studiato attraverso il Test del Villaggio e illustrato dal Dottor Luca Bosco Oscar ha 14 anni e ha perso il pap...

Arredare lo studio di uno psic…

Arredare lo studio di uno psicologo è un impegno importante ai fini della futura professione. Una nuova ricerca, infatti, dimostra che le persone giudicano la q...

Le parole della Psicologia

Controtransfert

“L’idea che il controtransfert rappresenti una creazione congiunta dell’analista e dell’analizzando riflette un movimento verso una concezione dell’analisi come...

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Sindrome di De Clerambault

La Sindrome di De Clerambault in psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona pro...

News Letters

0
condivisioni