Pubblicità

Ricerche sulla cleptomania

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 515 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Nuove ricerche sono state recentemente avviate sulla cleptomania da ricercatori dell’Università di Stanford, negli Stati Uniti. Le stime approssimative finora conosciute, rilevate sulla popolazione americana, parlano di una bassa diffusione del disturbo, spesso in associazione con patologie di natura depressiva. “Noi guardiamo a questa patologia essenzialmente in termini di un disturbo del controllo degli impulsi – dice il dott. Elias Aboujaoude, psichiatra presso la Stanford University Medical Center, che ha partecipato alla ricerca in questione, per la quale non è stato facile reperire soggetti con forme pure di cleptomania, anche a causa della natura stessa del disturbo, che viene solitamente tenuta segreta e difficilmente comunicata ad altri.

In questo senso vi sono anche altre condotte impulsive simili, quali per esempio la compulsione all’acquisto di oggetti vari e spesso inutili, che si verificano soprattutto come reazioni allo stress, alla frustrazione o per compensare sentimenti di vuoto; nella cleptomania è lo specifico atto del rubare l’oggetto ad essere investito di significati profondi che rivelano dinamiche inconscie collegate alla dimensione dell’affettività e delle sue vicissitudini.

“L’esperienza del cleptomanico – continua il dott. Aboujaoude – inizia con un aumento della tensione in occasione del momento in cui rubare l’oggetto, seguita da piacere e sentimenti di soddisfazione durante il furto; ma questa sensazione piacevole può subito dopo lasciare il posto a profondi sentimenti di colpa e vergogna”.

Tratto da: “True Kleptomaniacs Hard to Find” - New York Times Syndicate – Nov. 08, 2002

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Rottura di un rapporto (156631…

  Vu Thi Bich Diep, 28 Buongiorno,Io e il mio ragazzo non ci parliamo da due settimane. I motivi sono che lui si sente troppo stressato per colpa del...

Mi sento fuori dal mondo (1565…

  carol, 28 Sono una neo mamma di 28 anni, brasiliana, vivo in italia da quando ne ho 10.Il mio disagio purtroppo mi segue da quando sono piccola. Al...

Marito assente (156491757332)

  sossie, 50 Sono sposata da 25 anni ed ho due splendidi ragazzi di 15 e 11 anni. 10 anni fa dopo la nascita del secondo figlio mio marito di anni 50...

Area Professionale

Articolo 31 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.31 (consenso per i minori), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo set...

Scrivere un articolo per farsi…

Prosegue la nostra guida su come scrivere un testo per il web. Nell'articolo precedente ci siamo preoccupati di progettare il testo in modo che fosse in grado d...

Articolo 30 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.30 (compenso professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo se...

Le parole della Psicologia

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

Paura

La paura è quell’emozione primaria di difesa, consistente in un senso di insicurezza, di smarrimento e di ansia, di fronte ad un pericolo reale o immaginario, o...

Dejà vu - Dejà vecu

Da due secoli, il fenomeno del "déjà-vu" affascina il mondo della scienza ed è stato oggetto di numerose interpretazioni, dalle più strampalate, che gli attribu...

News Letters

0
condivisioni