Pubblicità

Riconoscere l'unicità dei diversi individui con schizofrenia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 794 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

La ricerca rivela grandi differenze individuali tra i pazienti schizofrenici.

Schizofrenia

Gli individui con schizofrenia diagnosticata differiscono in modo notevole gli uni dagli altri. I ricercatori hanno dimostrato che pochissime differenze cerebrali simili sono condivise tra i diversi pazienti.

Tuttavia, una visione basata sulla ricerca del livello di gruppo (ad esempio del paziente "medio") ci dice poco sulla loro individualità. La schizofrenia è un disturbo psichiatrico estremamente variabile che è stato diagnosticato sulla base della presenza di sintomi specifici. Thomas Wolfers ed André Marquand del Centro Universitario Medico di Radbound hanno investigato come i cervelli dei pazienti con schizofrenia differivano dal paziente "medio".

Per questo scopo, essi compararono scansioni cerebrali di 250 individui sani con quelli di 218 individui con schizofrenia. Quelli con schizofrenia - come gruppo - differivano da quelli sani nelle regioni cerebrali frontali, nel cervelletto e nella corteccia temporale.
Comunque, le differenze tra gli individui era cosi ampia che è insensato parlare virtualmente del "paziente medio". Solo una stessa piccola differenza nel cervello occorre in più del 2% di pazienti. Il numero più grande di differenze è solamente osservato sul livello individuale. In accordo con Marquand: "I cervelli degli individui con schizofrenia differiscono cosi tanto dalla media che la media stessa ha poco da dirci sulla popolazione generale delle persone con schizofrenia".

Pubblicità

Lo studio ha mostrato che quasi tutte le persone con schizofrenia hanno un loro profilo biologico. Questo evidenzia il problema che il metodo attuale di diagnosi del disturbo psichiatrico sia alla base dei sintomi. Marquand spiega: "Noi possiamo vedere cambiamenti sostanziali nei cervelli di diversi individui con schizofrenia, ma a dispetto delle variazioni, tutte queste persone hanno la stessa diagnosi. Come risultato, noi pensiamo possa essere difficile comprendere meglio la biologia sottostante la schizofrenia semplicemente studiando il paziente medio. Noi abbiamo bisogno di identificare l'impronta cerebrale del disturbo in ogni paziente. Nel futuro, questo potrebbe essere utile ad aiutare gli psichiatri ad identificare i migliori trattamenti per ogni individuo.

I ricercatori vorrebbero creare un'impronta per ogni cervello individuale, documentando le differenze in relazione alla media del gruppo. Questo dovrebbe guidarci ad un quadro completo di ogni paziente. Wolfers spiega: "In pratica, gli psichiatri e gli psicologi sanno molto bene che ogni paziente è un individuo a se stante, rispetto allo loro storia e biologia che è individuale. Ciò nonostante, usano modelli diagnostici che ignorano in modo notevole queste differenze. Insieme ai nostri colleghi europei, abbiamo aumentato la consapevolezza su questo argomento grazie allo sviluppo di metodi che rendano possibile considerare l'individuo nella sua interezza. Noi abbiamo guardato sia ai sintomi che alla biologia. E' anche un modo per andare oltre questa ricerca affinchè possa dare risultati pratici visibili, ma a lungo termine. Noi speriamo che ci saranno diagnosi e terapie individuali migliori per i pazienti con schizofrenia".

 

 

Tratto da ScienceDaily

 

 

(Traduzione ed adattamento a cura del Dottor Claudio Manna)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: schizofrenia disturbo individualità news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Convinzione occhi storti (1568…

mirko, 31 Dottori perdonate il disturbo. Sono un ragazzo di 31 anni e sono quasi 5 anni che vorrei capire una cosa che mi sta facendo diventare letteralmen...

Non riesco più a vivere (15667…

Francesca007, 25 Tutto inizia dai miei 17 anni, quando capisco di non essere abbastanza per i miei genitori. Mio papà mi teneva chiusa in casa come se foss...

Superare un tradimento (156741…

Lucrezia, 42 Salve, sto con il mio compagno da 12 anni, conviviamo. All'inizio del 2019 abbiamo cominciato ad avere qualche incomprensione a causa del suo ...

Area Professionale

Articolo 34 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.34 (sviluppo scientifico della professione), prosegue su Psiconline.it il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che se...

I vantaggi di sfruttare i Bann…

Proseguiamo con l'illustrazione degli strumenti che ci consentono di migliorare la nostra Brand Awareness professionale e di acquisire nuova visibilità e nuova ...

Articolo 33 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.33 (lealtà e colleganza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Le parole della Psicologia

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

Istinto

Il termine istinto, come indica l'etimologia stessa (il termine latino “instinctus”, deriva da instinguere, incitare), è usato nel linguaggio ordinario per indi...

Archetipo

“La nostra psiche è costituita in armonia con la struttura dell'universo, e ciò che accade nel macrocosmo accade egualmente negli infinitesimi e più soggettivi ...

News Letters

0
condivisioni