Pubblicità

Riflessivi o impulsivi? Scoperta l'area del self-control

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 459 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Impulsivi o riflessivi? Agire d’istinto o trattenersi non è solo questione di carattere, ma anche di cervello. Parola degli autori di uno studio pubblicato sul “Journal of Neuroscience”, che hanno scoperto l’area cerebrale del self-control.

Grazie a indagini di risonanza magnetica funzionale su 15 persone, il coordinatore Marcel Brass del Max Planck Institute for Human Cognitive and Brain Sciences (Germania) e della Ghent University (Belgio), e il collega Patrick Haggard dell’University College di Londra (Gb), hanno infatti individuato la zona dell’autocontrollo in una parte della corteccia cerebrale localizzata direttamente sopra gli occhi. In sintesi, gli scienziati hanno analizzato l’attività del cervello dei partecipanti all’esperimento, chiamati a premere un pulsante su una tastiera. In alcuni casi i volontari dovevano pigiare il tasto d’istinto, mentre in altri casi dovevano fermarsi un attimo prima di schiacciarlo. In questo modo gli esperti hanno potuto osservare le differenze tra l’attività cerebrale di chi compiva un’azione e di chi la pensava, ma poi decideva di non compierla. Risultato: nel gruppo degli “impulsivi”, rispetto al gruppo dei “trattenuti”, si accendeva un’area nella corteccia fronto-mediana centrale del cervello (dFMC).

Tratto da "Lastampa.it" - prosegui nella lettura dell'articolo

 


0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdere le persone importanti …

  Crazy, 48 anni Buonasera, chiedo come si fa ad accettare prima la perdita di un marito e dopo poco quella di un fratello. {loadposition pub3} &n...

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Disturbo schizotipico di perso…

Disturbo di personalità  caratterizzato da  isolamento sociale, comportamento insolito e bizzarro,  “stranezze del pensiero.” Il Disturbo schizo...

Nevrosi

Le nevrosi rappresentano un gruppo di disturbi che coinvolgono la sfera comportamentale, affettivo-emotivo e psicosomatica dell’individuo in assenza di una pato...

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

News Letters

0
condivisioni