Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Rischio infarto più alto per le vittime di mobbing

on . Postato in News di psicologia | Letto 283 volte

Non bastavano le classiche 'cattive abitudini' (fumo, diabete, pressione e colesterolo alti) ad aumentare il rischio di malattie cardiovascolari (170 mila all'anno gli infarti in Italia). Ora si fanno sempre più spazio i cosiddetti fattori psico-sociali quali ansia, depressione, mobbing, stress, isolamento sociale. Associati ai più noti fattori di rischio raddoppiano la possibilità di infarto, così come la accoppiata ansia-deopressione aumenta il rischio cardiaco nel post-infarto.

Ma bisogna anche aggiungere, tra i fattori psico-sociali, la malinconia, i dispiaceri e le preoccupazioni quotidiane. A sostenerlo è il professor Gulizia, direttore dell'unità operativa di cadiologia dell'ospedale di Catania e presidente del primo congresso di cardiologia mediterranea in corso a Taormina.

A un anno e mezzo da un episodio d'infarto, muore mediamente il 17 per cento dei depressi rispetto al solo 5 per cento delle persone che non soffrono di questo male oscuro. La depressione, ha aggiunto Gulizia, favorisce una serie di comportamenti che sono alla base dei principali fattori di rischio delle malattie di cuore. Una persona depressa infatti è portata più facilmente ad accendere la sigaretta, a seguire un regime alimentare sbagliato, a trascurare l'attività fisica. In una parola tenede a lasciarsia andare. Il rischio è che tutti questi elementi negativi si sommino pericolosamente nello stesso individuo portando ad abitudini dannose per la salute.

Circa il rapporto con il lavoro, è emerso che il 50 per cento di chi ha avuto un infarto dichiara di essere stato vittima di ingiustizie o gravi discriminazioni sul posto di lavoro fino alla perdita dello stesso.

Come trovare una soluzione a questi problemi in una vita che vede frequente protagonista lo stress? Ritagliandosi momenti quotidiani di serenità, come accade a quanti possono contare sull'impegno sociale. Nei soggetti sani - è il messaggio del congresso - il 70 per cento dichiara di svolgere volontariato o di essere impeganoto in attività culturali e o ricreative, contro il 30 per cento di quelli infartuati.

Gian Ugo Berti - tratto da www.repubblica.it

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

dipendenza da chat (1511886186…

Mau, 38     Buongiorno, sono un ragazzo gay, ho 38 anni ed ho una relazione da 4 anni con il mio compagno; l' unico se possiamo dire "neo" che c...

Abuso narcisistico in famiglia…

Apocalisse, 38     Cinque anni fa ho perso mia madre di un grave e raro tumore all'intestino. La sua perdita ha generato un totale disfacimento ...

La danza, da passione a ladra …

Francesca, 29     Buongiorno,all'età di 7 anni ho iniziato a frequentare un corso di danza classica, amatoriale, da quel momento non ho mai più s...

Area Professionale

La psicologia incontra l'arte …

Ancora una volta la psicologia scende fra la gente e si preoccupa del benessere e della bellezza. Ancora una volta gli psicologi dimostrano una grande capacità ...

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

Le parole della Psicologia

La proiezione

La proiezione è un meccanismo di difesa arcaico e primitivo che consiste nello spostare sentimenti o caratteristiche proprie, o parti del Sè, su altri oggetti o...

Bigoressia

Il termine trova la sua etimologia nell'inglese "big = grande” e nel latino "orex=appetito”, ad indicare la "fame di grossezza” Per bigoressia, vigoressia o an...

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

News Letters