Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Rischio infarto più alto per le vittime di mobbing

on . Postato in News di psicologia

Non bastavano le classiche 'cattive abitudini' (fumo, diabete, pressione e colesterolo alti) ad aumentare il rischio di malattie cardiovascolari (170 mila all'anno gli infarti in Italia). Ora si fanno sempre più spazio i cosiddetti fattori psico-sociali quali ansia, depressione, mobbing, stress, isolamento sociale. Associati ai più noti fattori di rischio raddoppiano la possibilità di infarto, così come la accoppiata ansia-deopressione aumenta il rischio cardiaco nel post-infarto.

Ma bisogna anche aggiungere, tra i fattori psico-sociali, la malinconia, i dispiaceri e le preoccupazioni quotidiane. A sostenerlo è il professor Gulizia, direttore dell'unità operativa di cadiologia dell'ospedale di Catania e presidente del primo congresso di cardiologia mediterranea in corso a Taormina.

A un anno e mezzo da un episodio d'infarto, muore mediamente il 17 per cento dei depressi rispetto al solo 5 per cento delle persone che non soffrono di questo male oscuro. La depressione, ha aggiunto Gulizia, favorisce una serie di comportamenti che sono alla base dei principali fattori di rischio delle malattie di cuore. Una persona depressa infatti è portata più facilmente ad accendere la sigaretta, a seguire un regime alimentare sbagliato, a trascurare l'attività fisica. In una parola tenede a lasciarsia andare. Il rischio è che tutti questi elementi negativi si sommino pericolosamente nello stesso individuo portando ad abitudini dannose per la salute.

Circa il rapporto con il lavoro, è emerso che il 50 per cento di chi ha avuto un infarto dichiara di essere stato vittima di ingiustizie o gravi discriminazioni sul posto di lavoro fino alla perdita dello stesso.

Come trovare una soluzione a questi problemi in una vita che vede frequente protagonista lo stress? Ritagliandosi momenti quotidiani di serenità, come accade a quanti possono contare sull'impegno sociale. Nei soggetti sani - è il messaggio del congresso - il 70 per cento dichiara di svolgere volontariato o di essere impeganoto in attività culturali e o ricreative, contro il 30 per cento di quelli infartuati.

Gian Ugo Berti - tratto da www.repubblica.it

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

informarsi sul web, quando si ha un problema psicologico

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

una vecchia storia d'amore.. (…

CRISTINA, 21       Salve, mi chimo cristina e ho 21 anni.Lo scorso marzo ho chiuso una relazione durata 1 anno e mezzo. ...

ne volevo solo parlare (150695…

Paulina, 16       Ciao, ho 16 anni e volevo parlare con qualcuno dei miei 'problemi' più che altro è un consiglio sul come comportarmi. ...

Consiglio (1507015426144)

Antonio, 42       Salve, le scrivo per un problema a cui non riesco a dare soluzione ovvero non so come devo comportarmi. ...

Area Professionale

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

L'abuso sessuale e la violenza…

Uno studio sull'abuso sessuale, condotto su 20 donne e realizzato dalla Dottoressa Loretta Sapora, utilizzando il Test semi-proiettivo I.Co.S. Il Confine del S...

La vita pratica dello psicolog…

In queste ultime settimane è emerso nel mondo della psicologia il problema POS (point of sale). Cioè se è obbligatorio o meno possederlo ed utilizzarlo. Abbiamo...

Le parole della Psicologia

Anginofobia

Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratterizzata da una paura intesa di soffocare. Con il termine Anginofobia si intende una patologia caratt...

Spasmi affettivi

Gli spasmi affettivi sono manifestazioni caratterizzate dalla perdita temporanea di respiro conseguente ad una situazione di disagio o di rabbia del bambino. Q...

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il te...

News Letters