Pubblicità

Rischio infarto più alto per le vittime di mobbing

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 609 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Non bastavano le classiche 'cattive abitudini' (fumo, diabete, pressione e colesterolo alti) ad aumentare il rischio di malattie cardiovascolari (170 mila all'anno gli infarti in Italia). Ora si fanno sempre più spazio i cosiddetti fattori psico-sociali quali ansia, depressione, mobbing, stress, isolamento sociale. Associati ai più noti fattori di rischio raddoppiano la possibilità di infarto, così come la accoppiata ansia-deopressione aumenta il rischio cardiaco nel post-infarto.

Ma bisogna anche aggiungere, tra i fattori psico-sociali, la malinconia, i dispiaceri e le preoccupazioni quotidiane. A sostenerlo è il professor Gulizia, direttore dell'unità operativa di cadiologia dell'ospedale di Catania e presidente del primo congresso di cardiologia mediterranea in corso a Taormina.

A un anno e mezzo da un episodio d'infarto, muore mediamente il 17 per cento dei depressi rispetto al solo 5 per cento delle persone che non soffrono di questo male oscuro. La depressione, ha aggiunto Gulizia, favorisce una serie di comportamenti che sono alla base dei principali fattori di rischio delle malattie di cuore. Una persona depressa infatti è portata più facilmente ad accendere la sigaretta, a seguire un regime alimentare sbagliato, a trascurare l'attività fisica. In una parola tenede a lasciarsia andare. Il rischio è che tutti questi elementi negativi si sommino pericolosamente nello stesso individuo portando ad abitudini dannose per la salute.

Circa il rapporto con il lavoro, è emerso che il 50 per cento di chi ha avuto un infarto dichiara di essere stato vittima di ingiustizie o gravi discriminazioni sul posto di lavoro fino alla perdita dello stesso.

Come trovare una soluzione a questi problemi in una vita che vede frequente protagonista lo stress? Ritagliandosi momenti quotidiani di serenità, come accade a quanti possono contare sull'impegno sociale. Nei soggetti sani - è il messaggio del congresso - il 70 per cento dichiara di svolgere volontariato o di essere impeganoto in attività culturali e o ricreative, contro il 30 per cento di quelli infartuati.

Gian Ugo Berti - tratto da www.repubblica.it

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Sto bene da solo  [16102359254…

 Zeno, 30 anni     Buonanotte, sono sempre stato ansioso e poco socievole ma ultimamente sento che questo problema si è esarcerbato,spesso ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Il metadone

Il metadone è un oppioide sintetico, usato in medicina come analgesico nelle cure palliative e utilizzato per ridurre l'assuefazione nella terapia sostitutiva d...

Coulrofobia

Il nome è difficile, quasi impossibile da pronunciare: coulrofobia. ...

Carattere

Dal greco karasso, che significa letteralente "incidere", è l'insieme delle doti individuali e delle disposizioni psichiche di un individuo. Può anche essere...

News Letters

0
condivisioni