Pubblicità

Rischio suicidario nei casi di abuso

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 395 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
L’abuso sessuale sembra caratterizzarsi come uno dei primi fattori di rischio suicidario tra i più giovani; questa la conclusione di uno studio compiuto recentemente a Sidney (Australia) da parte di un’equipe del Sidney’s Westmead Children’s Hospital che si è occupato dell’incidenza di comportamenti a rischio suicidario tra i bambini abusati sessualmente. Lo studio ha infatti rilevato che i bambini che hanno subito violenze di natura sessuale mostrano una probabilità 10 volte maggiore dei loro coetanei di sviluppare comportamenti suicidari. La ricerca è stata condotta nel tempo su un campione di circa 200 bambini con esperienze di abuso sessuale di età compresa tra i 5 ed i 10 anni; nel campione considerato durante tutto l’arco di tempo delle rilevazioni tre di essi hanno compiuto il suicidio, il 32% lo ha tentato ed il 43% ha mostrato pensieri ricorrenti di suicidio.

Il pediatra Kim Oates, che ha partecipato alla ricerca, ha affermato che questi dati mostrano l’alta incidenza di profondi sentimenti depressivi tra i bambini abusati: “ Abbiamo visto molti di questi ragazzi con un disturbo depressivo già strutturato associato a gravi problemi di autostima..Molti di loro presentano anche problemi comportamentali, incluso le condotte ribelli ed asociali, ed un alto livello di ansia libera..”.

Tratto da: “Abused children more likely to suicide, study shows” - Deutsche Presse-Ag.GmbH

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Religione e psicologia (154766…

Luca, 28     Buona sera, premetto che il mio quesito non riguarda strettamente un malessere mentale, ma comunque un interrogativo esistenziale ch...

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Area Professionale

Un articolo alla volta - Comme…

Catello Parmentola ed Elena Leardini introducono il loro impegno con i visitatori di Psiconline.it a commentare, articolo dopo articolo, il Codice Deontologico ...

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Le parole della Psicologia

Limerence (o ultrattaccamento)…

È uno stato cognitivo ed emotivo caratterizzato da intenso desiderio per un'altra persona. Il concetto di Limerence (in italiano ultrattaccamento) è stato elab...

Test di Rorschach

Test proiettivo che consente di tracciare un profilo di personalità attraverso le risposte verbali che un soggetto fornisce a una serie di stimoli ambigui. &...

Autostima

L'autostima è il processo soggettivo e duraturo che porta il soggetto a valutare e apprezzare se stesso tramite l'autoapprovazione del proprio valore personale ...

News Letters

0
condivisioni