Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Ruolo cruciale dei padri nella depressione materna

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1299 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Una relazione padre-figlio positiva può modulare gli effetti negativi della depressione materna.

depressione maternaUno studio innovativo, pubblicato su Development and Psychopathology, dal Prof. Ruth Feldman e dai suoi colleghi del Department of Psychology, e Leslie e Susan Gonda del Multidisciplinary Brain Research Center presso la Bar-Ilan University, ha esaminato se una buona relazione padre-figlio possa modulare gli effetti negativi della depressione materna, agendo a livello del funzionamento familiare.

I risultati di questa ricerca sono stati i primi a descrivere le dinamiche familiari attraverso l’utilizzo di osservazioni dirette della maternità, della paternità e dei modelli familiari, all’interno di case in cui le madri hanno sofferto di depressione clinica, durante i primi anni di vita del proprio figlio. Anni in cui la sensibilità e la cura genitoriale verso il neonato si configurano come la componente più critica ed importante nel determinare lo sviluppo emotivo e sociale del bambino.

Precedenti studi hanno messo in evidenza come la depressione materna influenzi negativamente sia lo sviluppo cognitivo che quello emotivo del bambino e abbia ripercussioni sull’intero nucleo familiare, conducendo ad una minore coesione, un minor calore e una minore comunicazione fra i suoi membri, oltre che ad una maggiore conflittualità, rigidità ed un più elevato controllo affettivo.

A causa di questa condizione, infatti, le madri depresse non sono in grado di far fronte alle esigenze dei propri figli e non riescono ad occuparsi di loro in modo reattivo e funzionale alla loro crescita.

Nel suo studio longitudinale, Feldman ha monitorato ripetutamente lo stato depressivo di un campione (accuratamente selezionato) di donne sposate o conviventi aventi depressione cronica, senza però presentare un rischio contestuale di comorbidità con altri tipi di disturbi, sia durante il primo anno dopo il parto, sia quando il bambino ha raggiunto l’età di sei anni. Nel periodo prescolare, inoltre, le famiglie sono state osservate e video-registrate all’interno del proprio contesto domestico, allo scopo di verificare le interazione fra madre e figlio, fra padre e figlio ed anche quelle fra entrambi i genitori e il bambino.

Pubblicità

Da queste osservazioni è emersa una bassa sensibilità e un’alta intrusione da parte delle madri depresse nei confronti dei figli, i quali (dal canto loro) hanno mostrato un minor coinvolgimento sociale durante le interazioni con i genitori. Anche per quanto riguarda i padri, una buona parte di essi ha mostrato di essere poco sensibile e attento, fortemente intrusivo e poco interessato agli impegni sociali dei minori, contribuendo a rendere l’unità familiare meno coesa, armoniosa, calda e collaborativa.

Tuttavia, quando i padri si sono mostrati sensibili, non intrusivi e interessati alle attività dei propri figli, allora la depressione materna non è stata predittrice di una bassa coesione familiare.

Feldman, a fronte di quanto emerso dai suoi studi, ha affermato che quando un padre affronta la sfida della co-genitorialità con una madre cronicamente depressa, investendo sulla relazione padre-figlio, nonostante i modelli offerti della propria moglie/compagna e forma un rapporto sensibile, non intrusivo e reciproco con il bambino, favorendone il suo coinvolgimento e la sua partecipazione sociale, egli può essere in grado di tamponare lo spillover (effetto domino/propagazione) della depressione materna sull'atmosfera familiare.

Secondo l’autore, inoltre, dal momento che i tassi di depressione materna stanno aumentando e il coinvolgimento paterno nella cura infantile è anch’esso costantemente in aumento (nelle società industrializzate), è fondamentale tenere in considerazione il potenziale contributo che i padri possono offrire rispetto al benessere di tutta la famiglia, attuando interventi per lo sviluppo di uno stile genitoriale sensibile e altri meccanismi compensatori, in modo tale che sia possibile rafforzare il loro ruolo come “tamponi” degli effetti negativi della depressione materna.

 

Tratto da: sciencedaily

 

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Claudia Olivieri)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

Tags: depressione relazione

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Distacco dai genitori (1526380…

Alice, 25     Buongiorno, sono una ragazza di 25 anni che lavora. Ho un fidanzato e per fine anno vorremmo andare a convivere. ...

Sorella cattiva (1525386993641…

Mary, 36     Chiedo un consiglio, come affrontare una situazione che mia sorella, anni 30, ha creato. ...

Crisi di nervi (1525262146654)

LISA, 31     Sono sposata e con una bimba di 3 anni... premetto che con mio marito le cose non sono andate mai molto bene da subito dopo il matri...

Area Professionale

Scienza, diritto e processo: p…

Scienza e diritto risiedono in quartieri diversi. È innegabile. La prima fonda il suo continuo sviluppo sul dubbio e quindi sul progresso che proprio dal dubbio...

Introduzione al Test del Villa…

Introduzione al Test del Villaggio secondo il Metodo Evolutivo-Elementale (infanzia, adolescenza, età adulta). L’idea che sta alla base del Test del Villaggio è...

Obesità e Confine del Sé nel T…

In tutti i disturbi del comportamento alimentare, ed in particolare nell'obesità, troviamo le problematiche relative alla dimensione del dare/avere e del dentro...

Le parole della Psicologia

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un og...

Psicosi

Il termine Psicosi è stato introdotto nel 1845 da von Feuchtersleben con il significato di "malattia mentale o follia". Esso è un disturbo psichiatrico e descr...

Oggetto

“Lo sviluppo delle relazioni oggettuali è un processo mediante il quale la dipendenza infantile dall’oggetto cede a poco a poco il passo ad una dipendenza matur...

News Letters

0
condivisioni