Pubblicità

Ruolo del disagio psicologico e dell'alimentazione emotiva nell'obesità

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 304 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Una nuova ricerca, pubblicata nella rivista Obesity, ha scoperto che le persone con redditi più bassi sono più soggetti a obesità a causa di un disagio psicologico che provoca una alimentazione di tipo emotivo.

disagiopsicologicoeobesità.jpg

La ricerca dell'University of Liverpool e della Edith Cowan University (ECU) ha esplorato se la relazione tra uno stato socioeconomico inferiore (SES) e obesità sia spiegata da stress psicologico e una successiva alimentazione emotiva come strategia di coping.

150 partecipanti provenienti dal nord-ovest dell'Inghilterra da una serie di background socio-economici hanno completato questionari che misurano il disagio psicologico, il mangiare emotivo e la capacità di recupero.

E' stato considerato il loro reddito e livello di istruzione come un indicatore dello stato socioeconomico e la loro altezza e peso al fine di calcolare l'indice di massa corporea (BMI).

Lo studio, condotto dalla Dott.ssa Charlotte Hardman dell'University of Liverpool, e Edith Cowan University ( ECU) ha rilevato che lo status social economico (SES) più basso era associato a un maggiore disagio psicologico, e un disagio più elevato era associato a un maggiore consumo alimentare emotivo, che a sua volta aveva predetto un BMI più alto.

Lo studio ha dimostrato che il disagio psicologico da solo non facilita una relazione tra SES e BMI più bassi. Il Dott. Hardman ha dichiarato: "I nostri risultati suggeriscono che l'esperienza di stress psicologico associato alla vita in condizioni socioeconomiche più basse è associata a un consumo alimentare emotivo che a sua volta è associato all'obesità.

"La ragione delle disparità socioeconomiche nei livelli di obesità è spesso attribuita alla maggiore disponibilità di alimenti a basso costo, calorico-denso in aree più svantaggiate rispetto a quartieri più ricchi, ma ci sono prove limitate di un'associazione tra ambienti alimentari locali e obesità, suggerendo come fattori psicologici ed emotivi possono anche svolgere un ruolo.

Pubblicità

"Questa scoperta suggerisce che non è di per sé un disagio, ma le strategie di coping che le persone adottano per affrontare il problema, possono essere fondamentali nello spiegare il legame tra svantaggio socioeconomico e peso corporeo" Lo studio ha anche rivelato una scoperta inaspettata. Il SES più elevato era anche associato all'alimentazione emotiva, tuttavia, questo percorso non era in risposta a un significativo disagio psicologico.

La Dott.ssa Joanne Dickson, ha dichiarato: "È quindi possibile che i partecipanti con un SES più elevato stiano mangiando in risposta ad altre emozioni non direttamente correlate, per far fronte al disagio, come ad esempio la noia.

"Quasi 2 adulti australiani su 3 sono stati registrati in sovrappeso o con obesità, nel 2014-15, e in Inghilterra il 61% degli adulti è stato registrato in sovrappeso o con obesità nel 2016. L'elevata prevalenza dell'obesità in molti paesi del mondo è un grande preoccupazione, e lo sviluppo di un intervento efficace e di approcci preventivi è in prima linea nelle agende sanitarie nazionali.

 

Fonte:

Jade Spinosa, Paul Christiansen, Joanne M. Dickson, Valentina Lorenzetti, Charlotte A. Hardman. From Socioeconomic Disadvantage to Obesity: The Mediating Role of Psychological Distress and Emotional Eating. Obesity, 2019; 27 (4): 559 DOI: 10.1002/oby.22402

 

A cura della Dottoressa Arianna Patriarca

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: obesità obesity Disturbo del comportamento alimentare condotta alimentare

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Quanto sei soddisfatto del tuo lavoro?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

senza via di uscita 2 (1572361…

straniero66, 53 Vi ho già scritto in precedenza e ho avuto la vostra risposta “SENZA VIA DI USCITA (1571319488503)”. Continuo a stare male, attualmente io ...

Senza via di uscita (157131948…

straniero66, 53 Sono sposato da 27 anni, una storia iniziata quando io e mia moglie eravamo poco più che ragazzini, in questi anni, come molte coppie, abbi...

Ansia e inadeguatezza (1570737…

Limmy6, 21 Sono una studentessa universitaria e da quando ho iniziato non ho avuto mai problemi a parlare con gli altri e a fare nuove amicizie. Conosco e ...

Area Professionale

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 40 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.40 (pubblicità professionale), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo ...

Le parole della Psicologia

Erotomania

In psichiatria è un tipo di disturbo delirante in cui il paziente ha la convinzione infondata e ossessiva che un'altra persona provi sentimenti amorosi nei suoi...

dipendenza da shopping

La sindrome da acquisto compulsivo è un disturbo del controllo degli impulsi che indica il bisogno incoercebile di fare compere, anche senza necessità, ed è anc...

Anomia

L' anomia è un deficit specifico della denominazione di oggetti, presente in diversi gradi nell' Afasia, mentre le altre componenti del linguaggio risultan...

News Letters

0
condivisioni