Pubblicità

Ruolo del disagio psicologico e dell'alimentazione emotiva nell'obesità

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 65 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (1 Voto)

Una nuova ricerca, pubblicata nella rivista Obesity, ha scoperto che le persone con redditi più bassi sono più soggetti a obesità a causa di un disagio psicologico che provoca una alimentazione di tipo emotivo.

disagiopsicologicoeobesità.jpg

La ricerca dell'University of Liverpool e della Edith Cowan University (ECU) ha esplorato se la relazione tra uno stato socioeconomico inferiore (SES) e obesità sia spiegata da stress psicologico e una successiva alimentazione emotiva come strategia di coping.

150 partecipanti provenienti dal nord-ovest dell'Inghilterra da una serie di background socio-economici hanno completato questionari che misurano il disagio psicologico, il mangiare emotivo e la capacità di recupero.

E' stato considerato il loro reddito e livello di istruzione come un indicatore dello stato socioeconomico e la loro altezza e peso al fine di calcolare l'indice di massa corporea (BMI).

Lo studio, condotto dalla Dott.ssa Charlotte Hardman dell'University of Liverpool, e Edith Cowan University ( ECU) ha rilevato che lo status social economico (SES) più basso era associato a un maggiore disagio psicologico, e un disagio più elevato era associato a un maggiore consumo alimentare emotivo, che a sua volta aveva predetto un BMI più alto.

Lo studio ha dimostrato che il disagio psicologico da solo non facilita una relazione tra SES e BMI più bassi. Il Dott. Hardman ha dichiarato: "I nostri risultati suggeriscono che l'esperienza di stress psicologico associato alla vita in condizioni socioeconomiche più basse è associata a un consumo alimentare emotivo che a sua volta è associato all'obesità.

"La ragione delle disparità socioeconomiche nei livelli di obesità è spesso attribuita alla maggiore disponibilità di alimenti a basso costo, calorico-denso in aree più svantaggiate rispetto a quartieri più ricchi, ma ci sono prove limitate di un'associazione tra ambienti alimentari locali e obesità, suggerendo come fattori psicologici ed emotivi possono anche svolgere un ruolo.

Pubblicità

"Questa scoperta suggerisce che non è di per sé un disagio, ma le strategie di coping che le persone adottano per affrontare il problema, possono essere fondamentali nello spiegare il legame tra svantaggio socioeconomico e peso corporeo" Lo studio ha anche rivelato una scoperta inaspettata. Il SES più elevato era anche associato all'alimentazione emotiva, tuttavia, questo percorso non era in risposta a un significativo disagio psicologico.

La Dott.ssa Joanne Dickson, ha dichiarato: "È quindi possibile che i partecipanti con un SES più elevato stiano mangiando in risposta ad altre emozioni non direttamente correlate, per far fronte al disagio, come ad esempio la noia.

"Quasi 2 adulti australiani su 3 sono stati registrati in sovrappeso o con obesità, nel 2014-15, e in Inghilterra il 61% degli adulti è stato registrato in sovrappeso o con obesità nel 2016. L'elevata prevalenza dell'obesità in molti paesi del mondo è un grande preoccupazione, e lo sviluppo di un intervento efficace e di approcci preventivi è in prima linea nelle agende sanitarie nazionali.

 

Fonte:

Jade Spinosa, Paul Christiansen, Joanne M. Dickson, Valentina Lorenzetti, Charlotte A. Hardman. From Socioeconomic Disadvantage to Obesity: The Mediating Role of Psychological Distress and Emotional Eating. Obesity, 2019; 27 (4): 559 DOI: 10.1002/oby.22402

 

A cura della Dottoressa Arianna Patriarca

 

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: obesità obesity Disturbo del comportamento alimentare condotta alimentare

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Coppia e Famiglia (15604028132…

damiano, 46 Ho una dipendenza affettiva verso una donna della mia eta'. ...

Oscillazioni (1558793295819)

Tatiana, 21 E' difficile dire a che campo appartiene il mio problema, penso sia un insieme di causa: sta di fatto che per semplificare posso affermare che ho...

Sto male

Francis, 35 Ho bisogno di parlare con uno psicologo che mi aiuti ad affrontare una separazione difficile..è una situazione molto delicata e ho anche un bam...

Area Professionale

Articolo 21 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.21 (insegnamento strumenti e tecniche psicologiche), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardi...

Articolo 20 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.20 (didattica e deontologia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Articolo 19 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.19 (selezione e valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Le parole della Psicologia

Onicofagia

L'onicofagia, meglio conosciuta come il brutto vizio di mangiarsi le unghie, è un’impulso incontrollabile definito in ambito psicologico come disturbo del compo...

Androfobia

L’androfobia rientra nella grande categoria delle fobie e viene definita come paura degli uomini. Nelle femmine questa paura tende a determinare un’avversione p...

Elettroshock

Di solito, la TEC, eseguita in anestesia, è una tecnica scevra da collateralità e con bassa incidenza di mortalità. ...

News Letters

0
condivisioni