Pubblicità

Ruolo del glutammato e della glicina nella psicosi

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 4104 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Biological Psychiatry, ha messo in evidenza elevati livelli di glutammato e di glicina nei giovani che sperimentano per la prima volta un episodio psicotico.

glicina, episodio psicoticoSi pensa che l'attività attività cerebrale anomala riscontrabile nelle psicosi (quali: schizofrenia e disturbo bipolare) derivi, in parte, da una alterazione del funzionamento del recettore NMDA, un mediatore vitale della segnalazione cerebrale, coinvolto nell'apprendimento e nella memoria, che viene attivato da sostanze chimiche, quali il glutammato e la glicina.

Lo studio, che fornisce per la prima volta una misurazione dei livelli di glicina nei pazienti con psicosi, potrebbe essere potenzialmente molto utile per lo sviluppo di trattamenti futuri volti a ripristinare la funzionalità dei recettori NMDA.

Anni addietro, la rilevazione accurata della glicina nel cervello umano era estremamente complicata a causa dell’utilizzo di tecniche convenzionali, che prevedevano la sovrapposizione di un segnale che interferiva con la misurazione della glicina.

In questo nuovo studio, i ricercatori hanno applicato una tecnica di imaging cerebrale innovativa, conosciuta come MRS (Spettroscopia a Risonanza Magnetica), la quale ha permesso di eliminare il segnale interferente e rilevare il segnale glicinico nascosto.

Gli studiosi hanno osservato che i livelli di glicina erano più elevati in 46 pazienti che avevano esperito un episodio psicotico, rispetto al campione composto da 50 partecipanti sani.

Pubblicità

Il Dottor Dost Öngür della Harvard Medical School, pioniere della ricerca, ha affermato che i risultati dello studio suggeriscono che le anomalie dei livelli di glicina potrebbero giocare un ruolo importante nella prima fase dei disturbi psicotici.

Oltre, a livelli alterati di glicina, nei pazienti psicotici è stato riscontrato anche un incremento dei livelli di glutammato, risultato concorde con quelli emersi in altri studi, in cui era stato evidenziato un aumento del livello di glutammato nei soggetti che, per la prima volta, sperimentavano un episodio psicotico.

La grande quantità di glutammato e di glicina suggerisce che il recettore MNDA riceve una stimolazione anormale quando si parla di disturbi della sfera psicotica.

L’incremento dei livelli di glicina, tuttavia, era esattamente l’opposto di ciò che i ricercatori si aspettavano di trovare: inizialmente, infatti, avevano provato ad aumentare il livello di glicina nei pazienti, allo scopo di compensare il mal funzionamento dei recettori NMDA.

I nuovi risultati hanno rivelato che livelli maggiori di questa sostanza chimica all’inizio del disturbo potrebbero aiutare a chiarire perché l’aver voluto incrementare la quantità di glicina non abbia portato al risultato sperato.

 

Tratto da PsichCentral

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Claudia Olivieri)

 

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Stai cercando un pubblico specifico interessato alle tue iniziative nel campo della psicologia?
Sei nel posto giusto.
Attiva una campagna pubblicitaria su Psiconline
logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

Tags: disturbi psicotici glicina; glutammato; episodio psicotico;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Ailurofobia

La ailurofobia o elurofobia comp. di ailuro-, dal gr. áilouros ‘gatto’, e -fobia. è la paura irrazionale e persistente dei gatti. La persona che manifesta ques...

Dissociazione

La dissociazione come alterazione della struttura psichica e immagini contraddittorie di Sè. Il termine dissociazione in psicopatologia e psichiatria è ident...

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

News Letters

0
condivisioni