Pubblicità

Ruolo del glutammato e della glicina nella psicosi

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2720 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Un nuovo studio, pubblicato sulla rivista Biological Psychiatry, ha messo in evidenza elevati livelli di glutammato e di glicina nei giovani che sperimentano per la prima volta un episodio psicotico.

glicina, episodio psicoticoSi pensa che l'attività attività cerebrale anomala riscontrabile nelle psicosi (quali: schizofrenia e disturbo bipolare) derivi, in parte, da una alterazione del funzionamento del recettore NMDA, un mediatore vitale della segnalazione cerebrale, coinvolto nell'apprendimento e nella memoria, che viene attivato da sostanze chimiche, quali il glutammato e la glicina.

Lo studio, che fornisce per la prima volta una misurazione dei livelli di glicina nei pazienti con psicosi, potrebbe essere potenzialmente molto utile per lo sviluppo di trattamenti futuri volti a ripristinare la funzionalità dei recettori NMDA.

Anni addietro, la rilevazione accurata della glicina nel cervello umano era estremamente complicata a causa dell’utilizzo di tecniche convenzionali, che prevedevano la sovrapposizione di un segnale che interferiva con la misurazione della glicina.

In questo nuovo studio, i ricercatori hanno applicato una tecnica di imaging cerebrale innovativa, conosciuta come MRS (Spettroscopia a Risonanza Magnetica), la quale ha permesso di eliminare il segnale interferente e rilevare il segnale glicinico nascosto.

Gli studiosi hanno osservato che i livelli di glicina erano più elevati in 46 pazienti che avevano esperito un episodio psicotico, rispetto al campione composto da 50 partecipanti sani.

Pubblicità

Il Dottor Dost Öngür della Harvard Medical School, pioniere della ricerca, ha affermato che i risultati dello studio suggeriscono che le anomalie dei livelli di glicina potrebbero giocare un ruolo importante nella prima fase dei disturbi psicotici.

Oltre, a livelli alterati di glicina, nei pazienti psicotici è stato riscontrato anche un incremento dei livelli di glutammato, risultato concorde con quelli emersi in altri studi, in cui era stato evidenziato un aumento del livello di glutammato nei soggetti che, per la prima volta, sperimentavano un episodio psicotico.

La grande quantità di glutammato e di glicina suggerisce che il recettore MNDA riceve una stimolazione anormale quando si parla di disturbi della sfera psicotica.

L’incremento dei livelli di glicina, tuttavia, era esattamente l’opposto di ciò che i ricercatori si aspettavano di trovare: inizialmente, infatti, avevano provato ad aumentare il livello di glicina nei pazienti, allo scopo di compensare il mal funzionamento dei recettori NMDA.

I nuovi risultati hanno rivelato che livelli maggiori di questa sostanza chimica all’inizio del disturbo potrebbero aiutare a chiarire perché l’aver voluto incrementare la quantità di glicina non abbia portato al risultato sperato.

 

Tratto da PsichCentral

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Claudia Olivieri)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

 

 

Tags: disturbi psicotici glicina; glutammato; episodio psicotico;

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Indecisione e paura di essere …

Dusy, 31 Purtroppo penso che la mia storia sia arrivata al termine. sono 10 anni che sono fidanzata di cui 4 di convivenza e prima di questa una storia, di...

Non so più cosa voglio (156899…

Giusy, 33 Buongiorno, scrivo perchè negli ultimi mesi ci sono stati degli accadimenti che hanno stravolto un pò la mia vita. ...

Convinzione occhi storti (1568…

mirko, 31 Dottori perdonate il disturbo. Sono un ragazzo di 31 anni e sono quasi 5 anni che vorrei capire una cosa che mi sta facendo diventare letteralmen...

Area Professionale

Articolo 38 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.38 (decoro e dignità professionale) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana...

Articolo 37 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.37 (competenze e limiti), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo setti...

Attivo il Forum sul Test I.Co…

Attivato sul Forum di Psiconline uno spazio, esclusivamente riservato ai professionisti, dedicato alla conoscenza e al confronto sul Test del Confine del Sè (I...

Le parole della Psicologia

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

Gambling

Il gambling, o gioco d’azzardo patologico (GAP), è un disturbo del comportamento caratterizzato dalla continua perdita del controllo in situazioni di gioco. Ess...

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

News Letters

0
condivisioni