Pubblicità

Ruolo dello stile di vita nell'obesità

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 716 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Fattori differenti da quelli genetici potrebbero giocare un ruolo di maggior rilievo nell’obesità.

ObesitàUn nuovo studio, pubblicato sulla rivista Nature Communications e condotto da ricercatori europei, ha esplorato il motivo per il quale l’obesità è molto più comune un alcune aree geografiche piuttosto che altre.

Gli studiosi, passando in rassegna i tassi di obesità in differenti regioni della Scozia, hanno scoperto che i fattori genetici giocano un ruolo di minore importanza rispetto allo stile di vita che viene adottato da ciascuno dei suoi abitanti.

Sebbene sia noto che i tassi di obesità varino da regione a regione all’interno di un Paese, non è ancora chiaro l'impatto che i fattori genetici e lo stile di vita hanno rispetto a tale variabilità. 

Per far luce e determinare quali siano i fattori che sono maggiormente alla base delle differenze che si riscontrano nelle diverse regioni rispetto ai tassi di obesità, i ricercatori dell’Università di Edimburgo hanno esaminato informazioni sulla salute di 11.000 persone provenienti dalla Scozia, ponendo una grande attenzione sui tratti identificativi dell’obesità, quali l’indice del peso e quello della massa corporea.

I partecipanti allo studio sono stati selezionati attraverso un motore di ricerca, denominato Generation Scotland, nel quale erano presenti dati inerenti la salute di oltre 20.000 volontari.

Pubblicità

Tutte i dati raccolti sono stati ricavati da test del DNA e da registri riguardanti lo stile di vita e i fattori socio-economici delle persone coinvolte.

Attraverso il confronto dei risultati ottenuti nelle diverse regioni, è emerso che i fattori ambientali (lo stile di vita sedentario, l’alcool, il fumo e una dieta sbilanciata) hanno un impatto maggiore rispetto a quelli genetici nel determinare le differenze riscontrate nei tassi di obesità.

In Scozia (così come negli Stati Uniti) esistono, inoltre, grandi disuguaglianze nell’ambito della sanità fra le varie regioni, tanto che è stato stimato che gli scozzesi che abitano nelle aree più disagiate hanno grandi probabilità di vivere fino a sette anni in meno rispetto alle persone che vivono nelle regioni più ricche. 

I ricercatori ritengono che aiutare le persone a cambiare la loro dieta, i livelli di attività fisica ed il loro comportamento potrebbe portare ad una riduzione delle differenze nei tassi di obesità e contribuire, di conseguenza, a ridurre anche il divario di salute tra le regioni.

Chris Haley, autore principale di questo studio, ha affermato che i risultati ottenuti hanno rivelato che i fattori aventi l’impatto maggiore sui tassi di obesità regionali possono essere modificati (in quanto inerenti per lo più allo stile di vita).

L’importanza del ruolo giocato dallo stile di vita offre, infatti, la possibilità di far fronte al problema dell’obesità e di ridurre il divario sanitario che vi è fra le diverse regioni. La focalizzazione delle iniziative sanitarie pubbliche sulle regioni più disagiate, oltre che quelle più sviluppate, potrebbe essere un primo passo in tal senso.

 

Tratto da PsychCentral

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Claudia Olivieri)

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: stile di vita obesità fattori genetici news di psicologia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

Articolo 13 - il Codice Deonto…

Proseguiamo, con il commento all'art.13 (obbligo di referto o di denuncia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Le parole della Psicologia

Solipsismo

Il solipsismo (dal latino "solus", solo ed "ipse", stesso, quindi "solo se stesso") è un attaccamento patologico al proprio corpo di tipo autistico o narcisisti...

Balbuzie

La balbuzie interessa circa l’1% della popolazione mondiale (tasso di prevalenza), ma circa il 5% può dire di averne sofferto in qualche misura nel...

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

News Letters

0
condivisioni