Pubblicità

Scansafatiche? È colpa della dopamina

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 3426 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sul lavoro, e non solo, da sempre esistono tra le tante vie di mezzo due distinte categorie di lavoratori: quelli produttivi e gli scansafatiche.
Perché mai qualcuno dovrebbe lavorare più di un altro o viceversa? È solo una questione di carattere, senso civico, altruismo o al contrario egoismo o che altro? A quanto sembra, la faccenda è da ricondurre a una sostanza chimica chiamata dopamina che sarebbe responsabile di alcune risposte del cervello. Risposte che spaziano dallo stimolo al movimento alla motivazione, e poi all’elaborazione delle emozioni, la memoria, i sentimenti di dolore o piacere e così via.

Ad attribuire la colpa della scarsa volontà di lavorare di alcune persone è uno studio condotto dai ricercatori dell’Università Vanderbilt di Nashville (Usa) coordinati dal dottor Michael Treadway.
Gli scienziati hanno reclutato 25 adulti sani di età compresa tra i 19 e i 29 anni che avrebbero dovuto eseguire un compito retribuito.
Nello specifico, i partecipanti dovevano eseguire una serie di attività mediante una tastiera su cui dovevano premere dei pulsanti specifici per poter guadagnare somme di denaro variabili in base all’attività stessa. Tuttavia non vi erano vincoli: i partecipanti potevano decidere se e quanto lavorare di più o meno e, di conseguenza, guadagnare di più o di meno.

Come previsto dai ricercatori, ognuno si comportava diversamente. C’è stato così chi si è impegnato di più anche quando le cose si facevano più impegnative, e chi dopo un po’ ha gettato la spugna.
Al termine della prima fase di test, tutti i volontari sono stati sottoposti a una scansione cerebrale PET per osservare e analizzare i livelli di attività dell'ormone dopamina.
Le sorprese, qui, invece non sono mancate. I livelli di attività dell’ormone e l’area in cui agivano erano determinanti – ma soprattutto comuni – nel promuovere un certo tipo di risposta e comportamento nei partecipanti.

Tratto da: "lastampa.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Due mondi diversi [16092338958…

  Morfea23, 21 anni     Da circa 4 mesi sto con un ragazzo totalmente  opposto al mondo in cui da sempre vivo, per situazione famil...

Autostima? [161290462495]

    Buonasera! vi scrivo perche' alla soglia dei 50 anni mi rendo conto di non aver mai portato a termine i molti progetti professionali e pers...

Genitori separati [16127752256…

Lalli, 57 anni     Buongiorno, spiego in breve la mia situazione, sono divorziata e convivo con mio figlio ed il mio compagno da 5 anni, il mio ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Controtransfert

“L’idea che il controtransfert rappresenti una creazione congiunta dell’analista e dell’analizzando riflette un movimento verso una concezione dell’analisi come...

Aerofobia

Con il termine aerofobia (o aviofobia) viene definita la paura di volare in aereo per via di uno stato d'ansia a livelli significativi. ...

Funzione riflessiva

“La funzione riflessiva è l’acquisizione evolutiva che permette al bambino di rispondere non solo al comportamento degli altri, ma anche alla sua concezione dei...

News Letters

0
condivisioni