Pubblicità

Scansafatiche? È colpa della dopamina

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2705 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sul lavoro, e non solo, da sempre esistono tra le tante vie di mezzo due distinte categorie di lavoratori: quelli produttivi e gli scansafatiche.
Perché mai qualcuno dovrebbe lavorare più di un altro o viceversa? È solo una questione di carattere, senso civico, altruismo o al contrario egoismo o che altro? A quanto sembra, la faccenda è da ricondurre a una sostanza chimica chiamata dopamina che sarebbe responsabile di alcune risposte del cervello. Risposte che spaziano dallo stimolo al movimento alla motivazione, e poi all’elaborazione delle emozioni, la memoria, i sentimenti di dolore o piacere e così via.

Ad attribuire la colpa della scarsa volontà di lavorare di alcune persone è uno studio condotto dai ricercatori dell’Università Vanderbilt di Nashville (Usa) coordinati dal dottor Michael Treadway.
Gli scienziati hanno reclutato 25 adulti sani di età compresa tra i 19 e i 29 anni che avrebbero dovuto eseguire un compito retribuito.
Nello specifico, i partecipanti dovevano eseguire una serie di attività mediante una tastiera su cui dovevano premere dei pulsanti specifici per poter guadagnare somme di denaro variabili in base all’attività stessa. Tuttavia non vi erano vincoli: i partecipanti potevano decidere se e quanto lavorare di più o meno e, di conseguenza, guadagnare di più o di meno.

Come previsto dai ricercatori, ognuno si comportava diversamente. C’è stato così chi si è impegnato di più anche quando le cose si facevano più impegnative, e chi dopo un po’ ha gettato la spugna.
Al termine della prima fase di test, tutti i volontari sono stati sottoposti a una scansione cerebrale PET per osservare e analizzare i livelli di attività dell'ormone dopamina.
Le sorprese, qui, invece non sono mancate. I livelli di attività dell’ormone e l’area in cui agivano erano determinanti – ma soprattutto comuni – nel promuovere un certo tipo di risposta e comportamento nei partecipanti.

Tratto da: "lastampa.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Eiaculazione precoce

Può essere definita come la difficoltà o incapacità da parte dell'uomo nell'esercitare il controllo volontario sull'eiaculazione. L’eiaculazione precoce consis...

Resilienza

Quando parliamo di resilienza ci riferiamo alla quella capacità di far fronte in modo positivo a degli eventi traumatici riorganizzando positivamente la ...

Flooding

Indica una tecnica cognitivo-comportamentale che consiste nell'esposizione ripetuta del soggetto allo stimolo a valenza fobica, senza che vi sia per lui possibi...

News Letters

0
condivisioni