Pubblicità

Scarso controllo attentivo e rischio genetico per il disturbo d’ansia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 1596 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Gli adolescenti, con scarso controllo attentivo, che soffrono di ansia risulterebbero più vulnerabili ad incorrere in altri disordini quali la depressione, la tossicodipendenza, comportamenti suicidi e scarso rendimento scolastico.

attenzione e disturbi dansiaLo studio condotto presso la University of Texas di Arlington ha evidenziato che uno scarso controllo attentivo nei giovani adolescenti è correlato ad un fattore di rischio genetico per quattro differenti disturbi d’ansia.

Gli adolescenti che soffrono di ansia risulterebbero infatti più vulnerabili ad incorrere in altri disordini quali la depressione, la tossicodipendenza, comportamenti suicidi e scarso rendimento scolastico.

A sostegno di ciò, il National Institutes of Mental Health riporta per l’8% dei ragazzi con età compresa tra i 13 e i 18 anni presentano un disturbo d’ansia, con l’aggiunta di un’esacerbazione dell’ansia durante questo periodo delicato.

La maggior parte degli adulti che presentano una diagnosi di disturbi d’ansia o dell’umore segnala, attraverso un resoconto della propria storia di vita, la presenza dei sintomi in una fase precedente della loro vita.

È stato pertanto delineato e messo a punto il primo studio volto a indagare i fattori genetici e ambientali che contribuiscono sia ad un minore controllo attentivo e sia ai quattro ulteriori disordini connessi all’ansia citati in precedenza.

Sono stati valutate 446 coppie di gemelli con un’età medi di 13,6 anni e sono stati utilizzati degli strumenti atti a valutare rispettivamente la componente sociale, ossessiva, di separazione e generalizzata dell’ansia.

Hanno poi esplorato il collegamento tra i bassi livelli di attenzione e il disturbo d’ansia, osservando che, durante l’adolescenza, questo risulta mediato sia da un punto di vista genetico che ambientale.

Le influenze ambientali sono risultate significative sia rispetto al controllo attentivo che a tutte le variabili riguardanti l’ansia.

La correlazione genetica variava invece tra il 36-46% suggerendo che uno scarso controllo attentivo può essere considerato un rischio genetico e fenotipico per lo sviluppo di un disturbo d’ansia.

Il livello di rischio varia a seconda del tipo specifico di disordine: correlazioni più elevate sono annesse all’angoscia da separazione e ansia generalizzata; correlazioni più basse per il disturbo ossessivo-compulsivo.

I ricercatori hanno pertanto concluso sottolineando che l’adolescenza appare come un periodo di sviluppo molto importante, per cui si dovrebbe auspicare ad una migliore valutazione della capacità di concentrazione dei ragazzi al fine di facilitare l’identificazione delle persone che si presentano come maggiormente predisposte a sviluppare un disturbo d’ansia.

Questo sarebbe altresì di notevole importanza per indirizzare i futuri studi di genetica molecolare.

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: depressione adolescenza tossicodipendenza controllo attentivo rischio genetico disturbo d'ansia comportamenti suicidi scarso rendimento scolastico fattore di rischio

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Perdere le persone importanti …

  Crazy, 48 anni Buonasera, chiedo come si fa ad accettare prima la perdita di un marito e dopo poco quella di un fratello. {loadposition pub3} &n...

Ragazzo insicuro e con ansia d…

Annie, 27 anni       Buonasera! In psicologia, i cinque fattori che elencherò possono essere correlati l'uno all'altro oppure no?* Ansia d...

Situazione complessa [16102055…

  Nanna, 30 anni Ciao, ho cambiato città e lavoro per il mio compagno e ora siamo arrivati a un punto che in ogni discussione lui prende la valigia ...

Area Professionale

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Il pensiero innovativo di Irvi…

Le opere di Irvin Yalom pongono una domanda di vasta portata: è ora che gli psicoanalisti e gli psicoterapeuti rivelino di più ai loro pazienti? E, oltre a sfid...

Psicoterapia: quali effetti su…

Uno studio pubblicato nella rivista “Psychotherapy Research” evidenzia che lavorare come psicoterapeuta e con la psicoterapia ha implicazioni complesse, sia pos...

Le parole della Psicologia

Ginandromorfismo

Condizione, in biologia, per cui in un individuo (ginandromorfo) compaiono alcuni caratteri propri del maschio e altri propri della femmina, per effetto di un m...

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

News Letters

0
condivisioni