Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Scarso controllo attentivo e rischio genetico per il disturbo d’ansia

on . Postato in News di psicologia

Gli adolescenti, con scarso controllo attentivo, che soffrono di ansia risulterebbero più vulnerabili ad incorrere in altri disordini quali la depressione, la tossicodipendenza, comportamenti suicidi e scarso rendimento scolastico.

attenzione e disturbi dansiaLo studio condotto presso la University of Texas di Arlington ha evidenziato che uno scarso controllo attentivo nei giovani adolescenti è correlato ad un fattore di rischio genetico per quattro differenti disturbi d’ansia.

Gli adolescenti che soffrono di ansia risulterebbero infatti più vulnerabili ad incorrere in altri disordini quali la depressione, la tossicodipendenza, comportamenti suicidi e scarso rendimento scolastico.

A sostegno di ciò, il National Institutes of Mental Health riporta per l’8% dei ragazzi con età compresa tra i 13 e i 18 anni presentano un disturbo d’ansia, con l’aggiunta di un’esacerbazione dell’ansia durante questo periodo delicato.

La maggior parte degli adulti che presentano una diagnosi di disturbi d’ansia o dell’umore segnala, attraverso un resoconto della propria storia di vita, la presenza dei sintomi in una fase precedente della loro vita.

È stato pertanto delineato e messo a punto il primo studio volto a indagare i fattori genetici e ambientali che contribuiscono sia ad un minore controllo attentivo e sia ai quattro ulteriori disordini connessi all’ansia citati in precedenza.

Sono stati valutate 446 coppie di gemelli con un’età medi di 13,6 anni e sono stati utilizzati degli strumenti atti a valutare rispettivamente la componente sociale, ossessiva, di separazione e generalizzata dell’ansia.

Hanno poi esplorato il collegamento tra i bassi livelli di attenzione e il disturbo d’ansia, osservando che, durante l’adolescenza, questo risulta mediato sia da un punto di vista genetico che ambientale.

Le influenze ambientali sono risultate significative sia rispetto al controllo attentivo che a tutte le variabili riguardanti l’ansia.

La correlazione genetica variava invece tra il 36-46% suggerendo che uno scarso controllo attentivo può essere considerato un rischio genetico e fenotipico per lo sviluppo di un disturbo d’ansia.

Il livello di rischio varia a seconda del tipo specifico di disordine: correlazioni più elevate sono annesse all’angoscia da separazione e ansia generalizzata; correlazioni più basse per il disturbo ossessivo-compulsivo.

I ricercatori hanno pertanto concluso sottolineando che l’adolescenza appare come un periodo di sviluppo molto importante, per cui si dovrebbe auspicare ad una migliore valutazione della capacità di concentrazione dei ragazzi al fine di facilitare l’identificazione delle persone che si presentano come maggiormente predisposte a sviluppare un disturbo d’ansia.

Questo sarebbe altresì di notevole importanza per indirizzare i futuri studi di genetica molecolare.

 


Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psicologi italiani

 

logo psychostore


 

 

Tags: depressione adolescenza tossicodipendenza controllo attentivo rischio genetico disturbo d'ansia comportamenti suicidi scarso rendimento scolastico fattore di rischio

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Dopo tanto il nuovo Psiconline è arrivato. Cosa ne pensi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto (148935473591)

azzurra, 17               Salve, sono una ragazza di 17 anni che sta vivendo una situazione familiare pessima, dici...

Troppo dolore (14888251032)

Mia, 45           Tutta la mia vita è una continua lotta per me, e adesso sono davvero, davvero, stanca. Partendo dal la...

Come capire cosa si ha e da ch…

Jep gambardella, 28     Salve, Ringrazio anticipatamente tutti i professionisti che mi risponderanno. Cercherò di essere breve ma pi&ugra...

Area Professionale

Il perdono nella pratica clini…

Secondo recenti ricerche il perdono e la capacità di perdonare possono essere correlati alla propria struttura di personalità, al processo di matu...

L' odio come paura dell’altro …

Gli atti di odio sono tentativi di distrarre sè stessi da sentimenti come la solitudine, l'impotenza, l'ingiustizia, l'inadeguateza e la vergogna. L'odio...

Inaugurazione Servizio Psicolo…

La Fondazione dell’Ordine degli Psicologi dell’Abruzzo – ONLUS, in seguito al sisma che ha colpito il Centro Italia nell’ Agosto 2016, h...

Le parole della Psicologia

Inconscio

Nella sua accezione generica, indica tutte quelle attività della mente inaccessibili alla soglia della consapevolezza Il termine inconscio (dal latino i...

Fobie

Nel DSM-IV la fobia specifica è definita come la "paura marcata e persistente, eccessiva o irragionevole, provocata dalla presenza o dall'attesa di un og...

Negazione

La Negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. Freud utilizza il ...

News Letters