Pubblicità

Schizofrenia: individuati i primi segni nell'utero materno

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 2532 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (2 Voti)

Alcuni studi hanno individuato un meccanismo genetico alterato alla base dello sviluppo della schizofrenia in utero. La ricerca potrebbe condurre all’identificazione di trattamenti per le donne in gravidanza con un alto rischio di avere figli con la patologia.

schizofrenia individuati i primi segni nell utero

 

Le cellule epiteliali di quattro adulti con schizofrenia hanno fornito una "finestra" senza precedenti sul processo attraverso il quale la schizofrenia si sviluppa nel grembo materno.

Un recente articolo pubblicato su “Schizophrenia Research” dagli studiosi dell’Università di Buffalo in collaborazione con la Scuola di Medicina Icahn di Mount Sinai, fornisce la prima prova del concetto per l’ipotesi secondo cui alla base della schizofrenia vi è un percorso genomico comune.

Questo lavoro rappresenta il primo passo verso la progettazione di trattamenti volti a prevenire la schizofrenia da somministrare alle donne in gravidanza che sono particolarmente a rischio di avere figli affetti da tale patologia.

Nell’ultimo decennio, le indagini genetiche hanno individuato un numero sempre maggiore di mutazioni in pazienti affetti da schizofrenia. Gli autori sono giunti alla comprensione dell’eziopatogenesi precoce della schizofrenia utilizzando le cellule epiteliali di quattro adulti con schizofrenia e di altri quattro senza la malattia, riprogrammate e riconvertite in cellule staminali pluripotenti indotte e successivamente in cellule progenitrici neuronali.

Lo studio delle cellule staminali pluripotenti indotte ha permesso di ricreare il processo che avviene durante lo sviluppo cerebrale nell’utero, ottenendo una visione senza precedenti di come la patologia si sviluppi.

Gli studiosi hanno individuato un singolo percorso di genomica, chiamato Segnalazione Nucleare Integrante di FGFR 1 (INFS), che è un punto di intersezione centrale per diverse vie che coinvolgono più di 100 geni considerati coinvolti nella schizofrenia.  La ricerca dimostra l’esistenza di un processo genetico alterato, che ha un impatto su più di 1000 geni, molti tra questi sono bersaglio della proteina FGFR1 disregolata.

Quando anche uno dei molti geni collegati alla schizofrenia subisce una mutazione, influenzando  INFS, compromette l’intero sviluppo cerebrale. Il passo successivo nella ricerca è quello di utilizzare queste cellule staminali pluripotenti indotte per studiare ulteriormente in che modo il genoma venga disregolato, causando lo sviluppo della malattia.

 

 

 

Tratto da: sciencedaily

 

 

 
 
(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Rubina Auricchio)
 
 
 
 

Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: schizofrenia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Morte del padre senza emozioni…

 bianca, 54 anni     Buongiorno Dottori, da qualche settimana è morto mio padre di 81 anni dopo una breve malattia. Non ho mai avuto un b...

Il mio fidanzato mi umilia [1…

Ragazza991, 19 anni         Buonasera,   sono fidanzata da due anni, e ormai è da un anno o poco più che ogni volta che gl...

Aiuto [1610926691822]

Brigida, 38 anni     Buonasera, sono una mamma disperata. Vi scrivo per un consulto in merito a mia figlia Giulia di 9 anni. Da un annetto circ...

Area Professionale

Il modello Kübler-Ross: le cin…

Nel 1969, Elizabeth Kübler-Ross, lavorando con pazienti terminali, ha ideato un modello in cui venivano presentate le cinque fasi del dolore: diniego, rabbia, c...

Sistema Tessera Sanitaria - No…

ultimi aggiornamenti sull' utilizzo della Tessera Sanitaria per psicologi.   Uno fra tutti è il cambio del termine per la comunicazione online delle sp...

Protocollo CNOP-MIUR, Bandi e …

Brevi considerazioni sul Protocollo CNOP-MIUR per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche e sue implicazioni/intersezioni con il Codice Deontologi...

Le parole della Psicologia

Raptus

Il raptus (dal latino raptus, "rapimento") è un impulso improvviso e di forte intensità, che porta un soggetto ad episodi di parossismo, in genere violenti, i q...

Belonefobia

La belonefobia è definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata degli aghi e gli spilli, conosciuta anche come aicmofobia o aichmofobia. ...

Autoaccusa

Si definisce auotaccusa l'accusa che una persona fa, spontaneamente, di una propria colpa, anche inesistente. E' l'attribuzione di una colpa commessa da altr...

News Letters

0
condivisioni