Pubblicità

Schizofrenia: il nome è adeguato o andrebbe modificato?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 261 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Il termine schizofrenia dovrebbe essere abolito perché generico, perché non definisce con esattezza un disturbo che è complesso e perché stigmatizza la persona a cui viene diagnosticata fino a rovinargli la vita. Questa fu la richiesta di Richard Bentall, docente alla School of Psychological Sciences alla Manchester University, in occasione della giornata mondiale della malattia mentale dello scorso ottobre.

Il sasso lanciato da Bentall è stato raccolto dalla comunità scientifica internazionale la quale già da tempo discute sulla opportunità di trovare un termine più appropriato ad un insieme di manifestazioni cliniche e di comportamenti che indicano una grave compromissione dell’identità della persona, del rapporto con la realtà, della struttura dei suoi pensieri e delle sue emozioni. Ma è davvero solo un problema di semantica? Sulla questione è in corso un dibattito aperto sulle pagine del British Medical Journal.

Come è cambiata al schizofrenia. Nell’ultimo secolo la comprensione di questo disturbo è cresciuta grazie anche alle maggiori conoscenze circa il funzionamento del cervello. Se agli inizi del secolo gli schizofrenici erano considerati genericamente degli "alienati", oggi è opinione condivisa dalla maggior parte degli esperti che la schizofrenia sia dovuta a un insieme di cause che, interagendo tra loro,

Tratto da "Yahoo.it" - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Complesso di inferiorità (1548…

Maria, 24     Sono una ragazza di 24 anni neolaureata, mi sono trasferita a Milano per un master dove attualmente convivo con il mio fidanzato, a...

Tradimento e sofferenza (15486…

Eva, 39     Dopo 12 anni di matrimonio totalizzante e meraviglioso, ho improvvisamente tradito mio marito, una cosa che non avrei mai e poi mai c...

Rimozione o fantasia (1548536…

ELilai, 25     Cercherò di essere concisa. 13 anni fa hanno avuto esordio i miei problemi di disturbi alimentari (tolto un breve periodo di anore...

Area Professionale

Articolo 4 - il Codice Deontol…

Articolo 4 Nell’esercizio della professione, lo psicologo rispetta la dignità, il diritto alla riservatezza, all’autodeterminazione ed all’autonomia di coloro ...

Che cos’è il Test del Villaggi…

Il test del Villaggio è un reattivo psicodiagnostico che può essere somministrato ai bambini, agli adolescenti, agli adulti, alle coppie, alla coppia genitore-b...

Articolo 3 - il Codice Deontol…

Articolo 3 Lo psicologo considera suo dovere accrescere le conoscenze sul comportamento umano ed utilizzarle per promuovere il benessere psicologico dell’indiv...

Le parole della Psicologia

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La ...

Coping

In che modo tendiamo a superare gli ostacoli e lo stress che la vita ci sottopone? Attuando strategie di coping!! Dall’inglese to cope (affrontare) il te...

Nevrastenia

Termine introdotto dal medico statunitense Beard, nel 1884, per designare un quadro clinico, caratterizzato da stanchezza fisica e mentale, irritabilità, insonn...

News Letters

0
condivisioni