Pubblicità

Scoperti effetti terribili e sconosciuti delle lesioni cerebrali anche lievi

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 86 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Anche le commozioni cerebrali lievi causano disturbi gravi e duraturi nella capacità del cervello di pulirsi, e questo può facilitare l'Alzheimer, la demenza e altri problemi neurodegenerativi.

Scoperti effetti terribili e sconosciuti delle lesioni cerebrali anche lievi
Anche le commozioni cerebrali lievi causano disturbi gravi e duraturi nella capacità del cervello di purificarsi dalle tossine, e questo può seminare il morbo di Alzheimer, la demenza e altri problemi neurodegenerativi, rivela una nuova ricerca della University of Virginia School of Medicine.

La scoperta offre importanti spunti sulla lesione cerebrale traumatica (TBI), una condizione poco conosciuta che è diventata una delle principali preoccupazioni del pubblico, in particolare nello sport e per i militari.

I risultati aiutano a spiegare perché il trauma cranico è così dannoso e perché può avere effetti a lungo termine.

La ricerca suggerisce anche che alcuni pazienti corrono un rischio maggiore di un declino della funzione cerebrale più avanti nella vita e apre la strada a nuovi e migliori trattamenti.

"Questo fornisce alcune delle migliori prove finora che se non ti sei ripreso da una lesione cerebrale e vieni colpito di nuovo alla testa, avrai conseguenze ancora più gravi", ha detto John Lukens, PhD, del Dipartimento di UVA di Neuroscienze e il Center for Brain Immunology and Glia (BIG). "Questo rafforza l'idea che devi dare alle persone l'opportunità di guarire. E se non lo fai, ti esponi a un rischio molto più elevato di conseguenze a lungo termine che potresti non vedere in un anno ma che potresti vedere in un paio di decenni ".

Nuova comprensione del trauma cranico

La ricerca di Lukens identifica una conseguenza precedentemente sconosciuta del trauma cranico che può avere effetti di lunga durata.

Quando il cervello si gonfia, preme contro il cranio; intrappolati in mezzo ci sono minuscoli vasi linfatici che puliscono il cervello. Questa pressione sui vasi, hanno scoperto i ricercatori UVA, causa una compromissione grave e duratura della capacità del cervello di purificarsi dalle tossine.

Lavorando con topi da laboratorio, uno dei migliori modelli di trauma cranico disponibili, gli scienziati hanno scoperto che il danno potrebbe durare almeno due settimane - un tempo lungo per i topi - e forse molto di più.

Questi vasi linfatici sono stati identificati da Jonathan Kipnis, PhD, e dai suoi collaboratori presso UVA nel 2015. Fino ad allora, i libri di testo di medicina insistevano che i vasi non esistessero e che il cervello fosse "immunitario privilegiato", il che significa che non interagiva con il sistema immunitario .

La scoperta di Kipnis ha cambiato tutto ciò e da allora ha stabilito che i vasi svolgono un ruolo importante sia nell'Alzheimer che nel declino cognitivo che deriva dall'età.

Ora emergono come un attore importante in TBI. "Sappiamo che le lesioni cerebrali traumatiche comportano un aumento del rischio di un sacco di problemi a lungo termine come la demenza, il morbo di Alzheimer e la CTE [encefalopatia traumatica cronica], e questo è stato reso pubblico extra grazie alla NFL", ha detto il ricercatore Ashley C Bolte, uno studente MD / PhD. "Poi ci sono anche ansia, depressione, suicidio. Le ragioni per cui il trauma cranico si traduce in un aumento del rischio per questo non è del tutto noto, e pensiamo che i nostri risultati potrebbero fornire un meccanismo sul perché."

Le persone più a rischio

La ricerca suggerisce che le persone che hanno problemi preesistenti con il loro drenaggio cerebrale, sia da precedenti commozioni cerebrali o naturalmente, rischiano di subire conseguenze molto più gravi da TBI.

Nei topi, questo ha portato a una maggiore infiammazione del cervello e risultati peggiori, inclusa la compromissione della memoria.

Pubblicità

"Se hai un nodo preesistente nei tubi e vieni colpito alla testa, allora tutto viene portato a un livello più alto: gli impatti sulla memoria, la neuroinfiammazione", ha detto Lukens. "Ci sono molte implicazioni".

La tecnologia di imaging emergente potrebbe alla fine consentire ai medici di identificare le persone che subiranno le maggiori conseguenze del trauma cranico.

Altre buone notizie: Lukens crede anche che un giorno i medici potrebbero essere in grado di ringiovanire i vasi linfatici compromessi con farmaci per migliorare i risultati dei pazienti e possibilmente evitare conseguenze a lungo termine. (Anche questo può rivelarsi utile nella battaglia contro il declino cognitivo che si verifica naturalmente con l'età.)

Inoltre, ha detto Lukens, alla fine potrebbe essere possibile per i medici valutare il drenaggio del cervello dopo un infortunio per determinare quando è più sicuro per i pazienti tornare all'azione.

"In questo momento, non sappiamo davvero cosa dire a questi ragazzi che vogliono tornare sul campo, o anche ai membri delle forze armate", ha detto Lukens. "Sarebbe importante avere test empirici per dire che puoi continuare o non fare mai più quelle cose."

 

Reference:

  1. Ashley C. Bolte, Arun B. Dutta, Mariah E. Hurt, Igor Smirnov, Michael A. Kovacs, Celia A. McKee, Hannah E. Ennerfelt, Daniel Shapiro, Bao H. Nguyen, Elizabeth L. Frost, Catherine R. Lammert, Jonathan Kipnis, John R. Lukens. Meningeal lymphatic dysfunction exacerbates traumatic brain injury pathogenesis. Nature Communications, 2020; 11 (1) DOI: 10.1038/s41467-020-18113-4

 


Scrivi articoli di psicologia e psicoterapia e ti piacerebbe vederli pubblicati su Psiconline?
per sapere come fare, Clicca qui subito!

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: Alzheimer, cervello demenza neurodegenerativo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci alle notizie riguardanti l’immigrazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

fobia per le autostrade [16030…

roberto, 45 anni vorrei conoscere la terapia più adatta per una fobia specifica delle autostrade cronica. ...

Ansia da competizione [1601631…

elisa37, 37 anni Gentili dottori Il mio problema e' un po' imbarazzante, ma un problema che ha sempre fortemente limitato la mia vita e ancora non sono ri...

non riesco a capire e passo le…

Luca, 47 anni Buongiorno a tutti Ho 47 anni e sono un docente di ruolo (solo da due anni). Ho faticato tutta la vita per avere una posizione come questa e ...

Area Professionale

Ansia infantile e disturbo da …

Un recente studio ha evidenziato come bambini e adolescenti con livelli più elevati di ansia possono essere maggiormente a rischio di sviluppare problemi di alc...

La Tecnica degli Assi Emoziona…

Perché non esistono Emozioni buone ed Emozioni cattive? di Tiziana Persichetti Auteri “Tutti sanno cosa è un emozione fino a che non si chiede di definirla ...

Conoscere i farmaci: le benzod…

Le benzodiazepine rappresentano una classe di farmaci psicoattivi utilizzati per trattare alcune condizioni come ansia e insonnia. Le benzodiazepine sono uno d...

Le parole della Psicologia

Nevrosi

Le nevrosi rappresentano un gruppo di disturbi che coinvolgono la sfera comportamentale, affettivo-emotivo e psicosomatica dell’individuo in assenza di una pato...

Transfert

Il transfert è uno dei concetti maggiormente dibattuti in psicologia ed indica il Trasferimento sulla persona dell'analista delle rappresentazioni inconsce prop...

Alcolismo

L'alcolismo si contraddistingue per l'incapacità di rinunciare ad assumere bevande alcoliche e ad autocontrollarne la quantità. L'alcolismo può essere talmen...

News Letters

0
condivisioni