Pubblicità

Se hai facoltà paranormali la spiegazione sta nel cervello

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 282 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un «groviglio di cavi», che collega aree diverse del cervello e crea «interferenze elettriche»: ecco che cosa ci sarebbe dietro il mistero dei sinesteti, gli individui con un dono speciale. Vivono esperienze sensoriali «paranormali». Stimolati dalla vista di numeri o lettere o dal sapore dei cibi, possono sentire odori o suoni inesistenti.

La scoperta si deve a Romke Rouw dell’Università di Amsterdam, che per la prima volta ha confrontato il cervello dei sinesteti con quello di un gruppo di soggetti normali, riscontrando nei primi l’eccesso di connessioni neurali tra le aree cerebrali dei sensi e una serie di collegamenti creati dagli assoni, le fibre che si diramano dal neurone, costituendo la materia bianca. Nota dal 1880 grazie a Francis Galton, cugino di Charles Darwin, che pubblicò su «Nature» le prime prove, la sinestesia - dal greco syn, «insieme», e aisthánestai, «percepire» - è un fenomeno sensoriale in cui, per ragioni rimaste finora quasi ignote, le barriere tra le modalità sensoriali sono assenti, determinando straordinarie interferenze tra i cinque sensi.

Tratto da "LaStampa.it" - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Ansia di perdere i propri cari…

Rita, 22     Salve, parlo a nome del mio fidanzato che non sa che sto scrivendo qui. ...

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Prosopoagnosia

La prosopoagnosia (o prosopagnosia) è un deficit percettivo del sistema nervoso centrale che impedisce il riconoscimento dei volti delle persone (anche dei fami...

Schema corporeo

  Il termine schema corporeo definisce una rappresentazione cognitiva inconsapevole della posizione e dell'estensione del corpo nello spazio e dell'organi...

Imago

Termine, introdotto da Jung, che designa il prototipo inconscio elaborato a partire dalle prime relazioni intersoggettive, reali o fantasmatiche, con cui il sog...

News Letters

0
condivisioni