Pubblicità

Se hai facoltà paranormali la spiegazione sta nel cervello

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 530 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un «groviglio di cavi», che collega aree diverse del cervello e crea «interferenze elettriche»: ecco che cosa ci sarebbe dietro il mistero dei sinesteti, gli individui con un dono speciale. Vivono esperienze sensoriali «paranormali». Stimolati dalla vista di numeri o lettere o dal sapore dei cibi, possono sentire odori o suoni inesistenti.

La scoperta si deve a Romke Rouw dell’Università di Amsterdam, che per la prima volta ha confrontato il cervello dei sinesteti con quello di un gruppo di soggetti normali, riscontrando nei primi l’eccesso di connessioni neurali tra le aree cerebrali dei sensi e una serie di collegamenti creati dagli assoni, le fibre che si diramano dal neurone, costituendo la materia bianca. Nota dal 1880 grazie a Francis Galton, cugino di Charles Darwin, che pubblicò su «Nature» le prime prove, la sinestesia - dal greco syn, «insieme», e aisthánestai, «percepire» - è un fenomeno sensoriale in cui, per ragioni rimaste finora quasi ignote, le barriere tra le modalità sensoriali sono assenti, determinando straordinarie interferenze tra i cinque sensi.

Tratto da "LaStampa.it" - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Pensiero ossessivo (1624140870…

Fabio, 34 anni     Gentile Dottoressa/Dottore! Mi chiamo Fabio e 5 anni fà ho commesso un errore di tipo erotico.Ho cominciato a scambiare dei...

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Catatonia

La prima descrizione della catatonia risale al 1874, quando lo psichiatra tedesco Karl Kahlbaum, nella sua monografia dal titolo Die Katatonie oder das Spannung...

Efferenza

Il termine “efferenza” si riferisce alle fibre o vie nervose che conducono in una determinata direzione i potenziali di riposo e di azione provenienti da uno sp...

Pediofobia

La pediofobia è definita come una paura persistente, incontrollata e ingiustificata nei confronti di bambole e burattini. Da sempre infatti le bambole sono usa...

News Letters

0
condivisioni