Pubblicità

Se il bimbo parla più tardi

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 479 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

È straordinaria l'emozione che si prova quando un bimbo pronuncia le sue prime parole. Sono parole semplici - in genere mamma o papà - ma riscaldano il cuore. È scontato che da allora il vocabolario si amplierà fino alle parole più difficili, nella pronuncia e nel significato.

Ma se questo processo non avviene, o ritarda significativamente ecco che i genitori entrano in una situazione di preoccupazione e d'ansia. "Il ritardo evolutivo semplice", spiega Anna Raggi, neuropsichiatra infantile di Milano, "è un rallentamento nell'evoluzione delle fasi dello sviluppo del linguaggio e, secondo alcuni esperti, una latenza superiore ai 42 mesi tra il primo uso di parole e la comparsa della parola frase.

In modo più semplicistico, siccome le prime parole compaiono intorno ai 12-15 mesi, avrà un ritardo semplice del linguaggio il bimbo che verso i 4 anni non è ancora in grado di utilizzare la parola frase.

Esistono grandi variabili individuali, ma si può parlare di disturbo del linguaggio quando il bambino di 3 anni e mezzo usa un vocabolario di poche parole solo per designare oggetti concreti, non utilizza i verbi, ha una comprensione limitata, ha difficoltà ad integrare messaggi non legati a esperienze personali, è incapace di utilizzare il simbolo e a comunicare sentimenti ed affetti".

Studi recenti indicano che una delle conseguenze del ritardo nella strutturazione del linguaggio è un successivo disturbo di apprendimento in ambito scolastico di cui la dislessia è quello più conosciuto.

tratto da Repubblica.it - prosegui nella lettura dell'articolo

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Compagno con attacchi di rabbi…

Chiara, 41     Sono Chiara ho 41 anni e sono incinta del mio primo figlio al quinto mese, ho sposato il mio compagno un mese fa, stiamo insieme d...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Zoosadismo

E’ un disturbo psichiatrico che porta l'individuo a provare piacere nell'osservare o nell'infliggere sofferenze o morte ad un animale Lo zoosadismo, termine in...

Tic

I tic sono quei disturbi, che consistono in movimenti frequenti, rapidi, involontari, apparentemente afinalistici. Sono percepiti come irresistibili, ma posson...

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vi...

News Letters

0
condivisioni