Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Se il bimbo parla più tardi

on . Postato in News di psicologia | Letto 300 volte

È straordinaria l'emozione che si prova quando un bimbo pronuncia le sue prime parole. Sono parole semplici - in genere mamma o papà - ma riscaldano il cuore. È scontato che da allora il vocabolario si amplierà fino alle parole più difficili, nella pronuncia e nel significato.

Ma se questo processo non avviene, o ritarda significativamente ecco che i genitori entrano in una situazione di preoccupazione e d'ansia. "Il ritardo evolutivo semplice", spiega Anna Raggi, neuropsichiatra infantile di Milano, "è un rallentamento nell'evoluzione delle fasi dello sviluppo del linguaggio e, secondo alcuni esperti, una latenza superiore ai 42 mesi tra il primo uso di parole e la comparsa della parola frase.

In modo più semplicistico, siccome le prime parole compaiono intorno ai 12-15 mesi, avrà un ritardo semplice del linguaggio il bimbo che verso i 4 anni non è ancora in grado di utilizzare la parola frase.

Esistono grandi variabili individuali, ma si può parlare di disturbo del linguaggio quando il bambino di 3 anni e mezzo usa un vocabolario di poche parole solo per designare oggetti concreti, non utilizza i verbi, ha una comprensione limitata, ha difficoltà ad integrare messaggi non legati a esperienze personali, è incapace di utilizzare il simbolo e a comunicare sentimenti ed affetti".

Studi recenti indicano che una delle conseguenze del ritardo nella strutturazione del linguaggio è un successivo disturbo di apprendimento in ambito scolastico di cui la dislessia è quello più conosciuto.

tratto da Repubblica.it - prosegui nella lettura dell'articolo

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fobia di non riuscire a tratte…

Marco989898, 14     Il mio problema è che ho la continua ossessione di andare in bagno e anche se all'inizio sembrerà  una cosa stupida, son...

E' realmente un problema? (151…

Flick, 27     Buongiorno, sono una donna di 27 anni e da quando ne ho compiuti più o meno 19, nei momenti di maggiore stress sento un forte impul...

Credo di essere depressa, mi a…

Psiche, 33     Salve, vi scrivo perchè da un pò di tempo (non so neanche io precisamente quanto) ho dei sintomi che mi fanno presagire qualcosa d...

Area Professionale

Proteggere il proprio nome onl…

Una cosa che si impara molto presto nel mondo di internet e della pubblicità online è che non serve, o meglio non basta, essere presenti nel web, aggiornare il ...

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

Le parole della Psicologia

Afasia

L’afasia è un disturbo della formulazione e della comprensione di messaggi linguistici, che consegue a lesioni focali cerebrali, in persone che avevano in pre...

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

Resistenza

“La resistenza è l’indice infallibile dell’esistenza del conflitto. Deve esserci una forza che tenta di esprimere qualcosa ed un’altra forza che si rifiuta di c...

News Letters