Pubblicità

Se la mamma è avara di affetto il bambino diventa obeso

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 353 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Poche attenzioni e affetto possono influire anche sul peso corporeo del bambino, oltre che sull'aspetto psicologico.

I bambini piccoli hanno bisogno di coccole e affetto più di altri e la mancanza di questi, oltre ad avere un effetto psicologico negativo, possono influire sulla futura salute fisica e il rischio di obesità, secondo un nuovo studio pubblicato su Archives of Pediatrics & Adolescent Medicine.

Secondo i ricercatori dell’Università dell’Ohio (Usa), coordinati dalla dottoressa Sarah Anderson, i bambini di 24 mesi che ricevono poche attenzioni, affetto e coccole dai genitori, hanno il 30 per cento in più di rischio di essere obesi dopo i quattro anni e mezzo d’età. Il rischio ci sarebbe anche se si considerano altri possibili fattori familiari che vanno al di là della mancanza di affetto.

Come accennato, il primo danno avviene a livello psicologico: i bambini che si sentono abbandonati, che non ricevono adeguate attenzioni, in genere sviluppano delle sindromi da stress che si manifestano con paure, rabbia, ansia e, alla fine, una resistenza ai contatti con gli estranei.

 

Tratto da: "lastampa.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Come reagisci allo stress?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Soffro di depressione (1546116…

jessica, 22     Ciao mi chiamo Jessica e ho 22 anni, è la prima volta che mi rivolgo a qualcuno. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Negazione

La negazione è un meccanismo di difesa. Fu descritto per la prima volta nel 1895 da Sigmund Freud nei suoi Studi sull’isteria. ...

Amok

"Follia rabbiosa, una specie di idrofobia umana... un accesso di monomania omicida, insensata, non paragonabile a nessun'altra intossicazione alcolica".» (Zweig...

La proiezione

La proiezione è un meccanismo di difesa arcaico e primitivo che consiste nello spostare sentimenti o caratteristiche proprie, o parti del Sè, su altri oggetti o...

News Letters

0
condivisioni