Pubblicità

Se nel weekend dormi di più, ti verrà il “jet lag sociale”

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 634 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

L’alterazione dei ritmi circadiani è la stessa che si verifica in chi fa un lavoro notturno o viaggia di frequente.

insomnia sleep disorder girl kNgD U106023134748338qE 700x394LaStampa.it

Concedersi qualche ora di sonno in più nel fine settimana potrebbe non essere una buona idea per la nostra salute.

Il jet lag sociale avrebbe le stesse conseguenze sul nostro organismo dell’alterazione dei ritmi circadiani tipica di chi, come i lavoratori notturni o i viaggiatori frequenti, non riesce a mantenere una regolare alternanza dei ritmi di veglia e sonno.

ALTERAZIONI DI PROCESSI METABOLICI CON LA MODIFICA DEGLI ORARI  

Numerosi studi hanno ormai dimostrato che il lavoro sui turni è associato ad una maggiore incidenza di malattie cardio-metaboliche.

 

Tratto da La Stampa - prosegui nella lettura dell'articolo

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: sonno weekend jet lag sociale alterazione ritmi circadiani lavoro notturno buona idea

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Le festività ti aiutano a stare meglio?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Madre (1540532640215)

Giusi, 60     Non riusciamo a relazionarci con nostro figlio di 31 anni. ...

Senso di colpa di per aver det…

Delia, 36     Mio figlio di tre anni e mezzo, sta avendo difficoltà ad ambientarsi alla scuola materna. ...

Come non riesco a vivere (1541…

Giulietta, 21     Salve.. Mi chiamo Giulia, ho 21 anni e penso di avere dei seri problemi con l'ansia e le relazioni. ...

Area Professionale

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Pazienti che provengono da pre…

Un breve articolo dedicato a psicologi e psicoterapeuti che si trovano a lavorare con pazienti che provengono da precedenti relazioni psicoterapeutiche e/o sono...

Le parole della Psicologia

Androfobia

L’androfobia rientra nella grande categoria delle fobie e viene definita come paura degli uomini. Nelle femmine questa paura tende a determinare un’avversione p...

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

News Letters

0
condivisioni