Pubblicità

Sei egoista?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 373 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Lo studio che ha "rivalutato" gli individualisti è stato realizzato dal professor Anu Realo e dai suoi collaboratori del Dipartimento di psicologia dell’Università di Leuven, in Belgio. I ricercatori hanno fatto compilare specifici questionari a oltre 300 persone, dai 15 ai 73 anni. Risultato: la classica immagine dell'individualista come persona interessata soprattutto alla propria libertà e al proprio benessere, irrispettosa delle esigenze comuni, sembra vacillare nel momento in cui la si guarda con la lente dell’indagine psicologica. Solo in questi ultimi anni i ricercatori hanno cominciato a studiare più da vicino la psicologia delle persone con questa caratteristica. Si è così visto che esistono almeno due forme di individualismo, una cosiddetta "orizzontale", una "verticale".

La prima forma è caratterizzata dal desiderio di sentirsi unici e distinti dal gruppo, senza che vi sia l'aspirazione a raggiungere posizioni socie-economiche di rilievo. L'individualismo "orizzontale" mira essenzialmente alla possibilità di esprimere le proprie idee e di portare a termine i propri progetti.

L'altra forma, quella "verticale", è invece contraddistinta dalla tendenza alla competitività e dal desiderio di raggiungere posizioni di rilievo, senza che ci sia bisogno di raggiungerle attraverso l'espressione dei propri punti di vista. E' evidente come l'individualismo "orizzontale" possa più facilmente portare un contributo creativo al raggiungimento di mete di interesse generale.

Interessante la scomposizione delle caratteristiche psicologiche degli individualisti fatta dai ricercatori belgi. I principali elementi del profilo profilo individualista sarebbero tre: autonomia, senso di responsabilità, sensazione di unicità.

Il primo termine si riferisce alla capacità d’esprimere un pensiero e un giudizio sganciati dalle influenze del gruppo e delle istituzioni. Il senso di responsabilità è, invece, definito come l'accettazione della responsabilità per sé, per le proprie azioni, e comporta fiducia nelle proprie abilità. Secondo il professor Realo, chi possiede queste due caratteristiche può dare un importante contributo indiretto alla società, con idee nuove e iniziative originali, oltre che assumendosi responsabilità in settori che possono essere d’interesse comune.

Infine, c'è la sensazione di unicità, convinzione di essere persone irripetibili, diverse da qualunque altra: caratteristica che non ha per ora dimostrato di avere ricadute per il resto della comunità (D.Di Diodoro).

Articolo interamente tratto da: “Corriere della Sera – Salute” del 30.11.02)

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Aiuto urgente (1554296627141)

Virginia, 17     Avrei urgentemente bisogno di aiuto, soffro d'ansia da qualche anno e, adesso che mi sono momentaneamente ritirata dalla scuol...

Collega con manie ossessive co…

Rebecca, 29     Buongiorno vorrei un consiglio su come rapportarmi con una collega arrivata in studio da pochi mesi con contratto a termine rin...

Confusione e stress (155330395…

Elena, 22     Buonasera, cercherò di spiegare al meglio la mia situazione. Ho 22 anni e sono fidanzata con R. da quasi 8 anni e ho una bambina ...

Area Professionale

Articolo 13 - il Codice Deonto…

Proseguiamo, con il commento all'art.13 (obbligo di referto o di denuncia), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

La nera depressione e il Confi…

Elementi prognostici ed esperienze traumatiche nel Test I.Co.S. Un caso clinico di depressione analizzato ed illustrato attraverso l'utilizzo del Test Indice de...

Articolo 12 - il Codice Deonto…

Prosegue, con l'art.12, il lavoro di commento al Codice Deontologico degli Psicologi Italiani, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini. Articolo 12 L...

Le parole della Psicologia

Il linguaggio

L’uomo comunica sia verbalmente che attraverso il non verbale. Il processo del linguaggio ha suscitato da sempre l’interesse degli studiosi essendo essa una car...

Ofidiofobia

L’ofidiofobia (dal greco ὄφις ophis "serpente" e φοβία phobia "paura") è la paura patologica dei serpenti. ...

Complesso di Elettra

Secondo la definizione di Carl Gustav Jung il complesso di Elettra si definisce come il desiderio della bambina di possedere il pene, e della competizione con l...

News Letters

0
condivisioni