Pubblicità

Consulenza gratuita online

consulenza psicologica

Le Newsletter gratuite

logo psiconline news
testata2bis

I Test Psicologici

test psicologici

Sei una mamma lavoratrice? Tua figlia farà più carriera

on . Postato in News di psicologia | Letto 626 volte

Secondo uno studio della Harvard Business School, le donne cresciute con madri lavoratrici hanno una carriera migliore, guadagnano stipendi più alti rispetto alle loro coetanee e vivono relazioni più egualitarie con i loro partner. Abbiamo approfondito il fenomeno con la psicologa Francesca Broccoli.mamma lavoratrice

Un eterno senso di colpa. È quello con cui si trovano a combattere le mamme quotidianamente divise tra il lavoro e i figli, costantemente alle prese con i minuti contati.

Sia che la donna scelga infatti di tornare alla carriera per realizzazione personale o per contribuire al bilancio familiare la decisione non è mai semplice ed è pervasa dalla sensazione di non essere mai sufficientemente presenti. Adesso, però, da oltreoceano arriva un'indagine dell'università statunitense Harvard Business School che ribalta tutti i cliché: le donne cresciute con madri lavoratrici hanno una carriera migliore, guadagnano stipendi più alti rispetto alle loro coetanee figli di mamme casalinghe e vivono relazioni più egualitarie con i loro partner.

L'indagine
Lo studio sottolinea che mentre le mamme interiorizzano gli stereotipi sociali che le portano a sentirsi in colpa verso i figli, la realtà però è ben diversa, con le figlie che beneficiano maggiormente dell'esempio positivo dato da una madre in carriera. In particolare, in media, le donne cresciute con madri lavoratrici sono pagate circa il 4% in più delle loro coetanee, hanno maggiori attitudini sociali e hanno maggiori chance di essere promosse in una posizione manageriale. Una su tre, infatti, riveste incarichi manageriali (una su quattro nel caso delle figlie di madri casalinghe). Gli effetti positivi si notano, inoltre, anche nei figli maschi. Questi ultimi hanno infatti attitudini molto più liberali verso le donne sul posto di lavoro, oltre a essere molto partecipi nella cura dei propri figli e negli altri compiti familiari.

Tratto da d.repubblica - prosegui nella lettura dell'articolo

 

Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere ed acquistare i libri che parlano
di psicologia e psicoterapia?
Cercali su

logo psychostore

 

 

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Ritieni che la tua alimentazione possa influenzare il tuo umore?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

signor (1507116572808)

fabio, 49       Buongiorno, a mio papà a 74 anni (ora ne ha 80) hanno riscontrato il morbo di alzheimer. ...

una vecchia storia d'amore.. (…

CRISTINA, 21       Salve, mi chimo cristina e ho 21 anni.Lo scorso marzo ho chiuso una relazione durata 1 anno e mezzo. ...

ne volevo solo parlare (150695…

Paulina, 16       Ciao, ho 16 anni e volevo parlare con qualcuno dei miei 'problemi' più che altro è un consiglio sul come comportarmi. ...

Area Professionale

Il confine nelle dinamiche di …

Il Test I.Co.S. è un test semi-proiettivo che permette di ottenere indicazioni dettagliate sugli aspetti di personalità e sulle relazioni dei singoli soggetti a...

La Certificazione Psicologica:…

Nella pratica clinica è possibile trovarsi di fronte ad una specifica richiesta, da parte del paziente/cliente, di una Certificazione che attesti, sia dal punto...

L'abuso sessuale e la violenza…

Uno studio sull'abuso sessuale, condotto su 20 donne e realizzato dalla Dottoressa Loretta Sapora, utilizzando il Test semi-proiettivo I.Co.S. Il Confine del S...

Le parole della Psicologia

I gruppi Balint

I gruppi Balint iniziarono verso la fine degli anni ’40 quando fu chiesto a Michael e a Enid Balint di fornire ai medici generici una formazione psichiatrica pe...

Afefobia

L’afefobia è una fobia specifica che si concretizza con il disagio e la paura ingiustificate e persistenti di toccare e di essere toccati da altre persone. La ...

ALESSITIMIA (O ALEXITEMIA)

Il termine alessitimia deriva dal greco e significa mancanza di parole per le emozioni  (a = mancanza, léxis = parola, thymόs = emozione ).  Esso vi...

News Letters