Pubblicità

Sepolti in casa: la disposofobia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 5334 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Ho guardato un programma in tv che s'intitola "Sepolti in casa". E' difficile non restarne catturati e colpiti. Anni fa mi capitava di dover fare delle domicilari in case di persone seguite dal Dipartimento di Salute Mentale e direi che di solito le case che vedevo apparivano come un misto di sporcizia, disordine e oggetti accumulati qua e là. A volte anche la spazzatura. Ma quello che le telecamere riprendono in casa di queste persone è indubbiamente agghiacciante: muri di oggetti accatastati, nelle camere e sulle pareti, tanto da coprire completamente tutti i pavimenti e impedire l'accesso a buona parte delle stanze. In America questo show televisivo s'intitola "Sepolti vivi" (buried alive) come il titolo di un famosissimo film horror. E l'idea di essere schiacciati e senza speranza in casa non è mai stata tanto evidente.
Tecnicamente gli hoarders, gli "accumulatori" compulsivi, soffrono di una patologia che da poco è stata catalogata e definita: la disposofobia, cioè l'accaparramento irresistibile e patologico, che si riferisce all'acquisizione eccessiva di beni materiali, l' accumulo e il non utilizzo degli stessi.

Tratto da: "psicologia-pesaro.blogspot.it" Prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Problemi con marito [162342796…

Viola, 38 anni     Buongiorno, avrei bisogno di un consulto per dei problemi con mio marito.Mio marito è molto irascibile ma oltre a urlare no...

Ansia e paura nella guida [162…

Clarissa, 22 anni       Salve, vi scrivo perchè da un paio di mesi sto facendo le guide in autoscuola ma la sto vivendo un po' male...

Sensazione di essere preso in …

  Michele, 75 anni     Gent.mo Dott., sono un musicista (ed ex bancario). Da un po' di tempo mi reco presso un negozio saltuariamente do...

Area Professionale

La trasmissione intergenerazio…

Modificazioni epigenetiche nei figli di sopravvissuti all’Olocausto I figli di persone traumatizzate hanno un rischio maggiore di sviluppare il disturbo post-t...

Il Protocollo CNOP-MIUR e gli …

di Catello Parmentola CNOP e MIUR hanno firmato nel 2020 un Protocollo d'intesa per il supporto psicologico nelle istituzioni scolastiche. Evento molto positiv...

Come gestire il transfert nega…

Per non soccombere alle proiezioni negative del transfert, lo psicoterapeuta deve conoscere con convinzione ciò che appartiene alla psiche del paziente e ciò ch...

Le parole della Psicologia

Nevrosi

Le nevrosi rappresentano un gruppo di disturbi che coinvolgono la sfera comportamentale, affettivo-emotivo e psicosomatica dell’individuo in assenza di una pato...

Anosognosia

Il termine, che deriva dal greco, significa letteralmente “mancanza di conoscenza sulla malattia”. Per la precisione, “nosos” significa malattia, “gnosis” sta p...

Barbiturici

Con il termine Barbiturici si indica quella classe di farmaci anestetici, antiepilettici ed ipnotici, derivati dall’acido barbiturico (o malonilurea), che hanno...

News Letters

0
condivisioni