Pubblicità

Shakespeare aiuta i bambini con autismo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 927 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Un nuovo studio dal Centro Nisonger presso la Ohio State University Wexner Medical Center mostra come i bambini autistici hanno migliorato le capacità di comunicazione e di linguaggio dopo 10 settimane di corso su Shakespeare.

teatro per piccoli autisticiSi è notato infatti un miglioramento delle abilità sociali e di comunicazione dei bambini con disturbo dello spettro autistico (ASD) utilizzando un approccio basato sull’abbinamento del linguaggio ritmico con il gesto fisico, nella recitazione di Shakespeare

I bambini con ASD hanno spesso difficoltà a capire il comportamento non verbale nelle interazioni sociali e lottano per comunicare. Molti evitano il contatto visivo e perdono segnali visivi, il che rende difficile mantenere relazioni con i propri pari e condividere reciproci interessi.

I risultati, pubblicati di recente sulla rivista Research and Practice in Intellectual and Developmental Disabilities, hanno mostrato lo sviluppo di una migliore capacità linguistica e il riconoscimento delle espressioni facciali in bambini con ASD.

"Alla fine dello studio, che si è attuato giocando sull’opera di Shakespeare La Tempesta, i bambini con autismo hanno mostrato un significativo miglioramento nella loro abilità sociali e nella loro capacità di impegnarsi in relazioni sociali", ha detto Marc J. Tassé, professore di psicologia e psichiatria e direttore del Nisonger Center presso la Ohio State University Wexner Medical Center.

Quattordici bambini con ASD sono stati scelti per la sola attuazione sistematica di un intervento basato sullo sviluppo di abilità sociali usando il dramma noto come il  "Metodo del Battito" creato da Kelly Hunter, attrice nella Royal Shakespeare Company di Londra.

Il nuovo approccio terapeutico è stato progettato per migliorare l'interazione sociale, il linguaggio pragmatico e le tecniche di riconoscimento facciale - emotive dei soggetti con ASD.

"A questi bambini vengono insegnate competenze di base in un ambiente molto rilassato e giocoso, in cui è come se fossero quasi a conoscenza che gli stanno insegnando qualcosa", ha detto Tassé, anche coautore dello studio.

Ogni sessione della "Hunter Heartbeat Method" inizia con i bambini tranquillamente seduti in cerchio sul pavimento facendo un "Ciao Battito" toccando il petto con la mano.

Questo permette loro di adeguarsi all'ambiente e di denotare i vari passaggi durante la sessione teatrale. Gli operatori poi sollecitano i bambini attraverso una serie di giochi basati sulla trama della “Tempesta” di Shakespeare che si concentrano su competenze qual: il riconoscimento facciale-emotivo, il contatto con gli occhi, l'imitazione affettiva, scambio di dialoghi pragmatici, conoscenza del proprio spazio personale, espressione affettiva, umorismo e improvvisazione sociale.

Inizialmente, due operatori modellano il gioco al centro di un cerchio. Successivamente, operatori e bambini rompono una coppia di due persone, lasciandone una sola e ripetono la pratica all’interno del gioco, per poi tornare al cerchio dove, a turno, si svolgeranno le performance degli altri partecipanti. Dopo una serie di giochi, che in ultima analisi riflettono la progressione della trama della Tempesta di Shakespeare, il Metodo del Battito (Hunter Heartbeat Method) si conclude con un "Arrivederci Battito".

"L'interazione con qualcuno, ti fa divertire e si ottiene nei bambini affetti da autismo un rafforzamento intrinseco della socializzazione che non sempre possono arrivare a sperimentare", ha detto Maggie Mehling, coautore e psicologia assistente laureata alla Ohio State.

Le valutazioni pre-test sono state condotte per ottenere le informazioni di base per ogni bambino. I bambini hanno partecipato l'intervento un'ora a settimana dopo la scuola per 10 settimane. Al termine del periodo di studio, le valutazioni post-test sono state completate, e sia i genitori che i partecipanti hanno completato un questionario per quanto riguarda la loro impressione su tale intervento.

"E’ sempre una batosta per me vedere ogni volta come i bambini sono in grado di superare tutte le aspettative con la loro capacità di impegnarsi", ha detto Mehling.

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

Scegli come ricevere la newsletter:
I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta che lavora nella tua città o nella tua regione? Cercalo subito su logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia Logo PSIConline formazione

 

 

 

Tags: teatro, gesto fisico, linguaggio pragmatico, hunter hearthbeat method,

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa fare di fronte alla crisi?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Quando lei maltratta lui (1574…

DELUSO 60, 59 anni     Incontrati a 46 anni io 40 lei, divorziati entrambi, io convivevo con una signora da 8 anni, lei con un figlio di 10 (unic...

Presa in giro (1574783413891)

Berna,  20 anni     Ciao, ho bisogno di aiuto e cerchero di spiegare il più brevemente possibile la mia situazione. Mi chiamo benedetta e s...

Attacchi di ansia in un minore…

Ada, 36     Buonasera.Il mio compagno è separato da circa 2 anni. ha due figlie di 7 e 5 anni. La più grande nelle ultime settimane ha avuto de...

Area Professionale

Le regole fondamentali per psi…

La professione di psicologo oggi ha, inevitabilmente, anche una proiezione nel marketing sanitario e professionale. I video sono parte fondamentale di questo se...

Articolo 42 - il Codice Deonto…

Si conclude su Psiconline.it, con il commento all'art.42 (vigenza), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settimana ha s...

Articolo 41 - il Codice Deonto…

Con il commento all'art.41 (Osservatorio Permanente) prosegue, su Psiconline.it, il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo s...

Le parole della Psicologia

Identificazione proiettiva

“Ora mi sembra che l’esperienza del controtransfert abbia proprio una caratteristica particolare che dovrebbe permettere all’analista di distinguere le situazio...

La sindrome di Alice nel Paese…

Disturbo neurologico  che colpisce la percezione visiva, associato a  emicrania, crisi epilettiche o sostanze stupefacenti. La sindrome di Alice nel ...

Funzione riflessiva

“La funzione riflessiva è l’acquisizione evolutiva che permette al bambino di rispondere non solo al comportamento degli altri, ma anche alla sua concezione dei...

News Letters

0
condivisioni