Pubblicità

Short On Time, Long On Feeling: Study Suggests Deadlines Intensify Emotions

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 252 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
Amateur observers and scholars alike have remarked that older people often have more intense and complex emotional lives than their younger cohort. What accounts for the difference, wondered psychologist Ursina Teuscher: Wisdom gained with the gathering years? A shift in values thanks to greater life experience? Or, is it a keener sense of time -- a precious and, of necessity, diminishing resource? To test the notion that time limits and approaching endings add fuel to feelings, Teuscher, a post-doctoral researcher in the cognitive science department of the University of California, San Diego, asked 165 young subjects to imagine themselves in several different scenarios.

Half of the scenarios included an explicit "limited-future" condition, such as the last day of a holiday. The other half differed only in that they made no mention of the future at all. The subjects, whose mean age was 20.68 years, were asked to read the scenarios and then indicate how intensely (on a scale of 1 to 5) they would experience 31 different emotions.

"Given time limits, people showed more extreme emotions -- on both the positive and negative ends of the scale," Teuscher said. "The test results suggest that a different time perspective itself can cause differences in emotional complexity and intensity."

In one experimental scenario, for example, half the participants were asked to picture an evening spent at a close colleague's home. The colleague is a very bad cook and burns the dinner. A dessert made and brought by the participant is not much better: It's dry and not at all what was planned. Nonetheless, the two have "a cheerful evening and chat until late into the night." The other half of the participants considered the same story in light of additional information that they would be retiring next week and moving to another city. Compared to the open-ended group, the time-limited subjects reported for this scenario that they would feel more closeness, more patience, more respect, more sadness and less irritation.

tratto da ScienceDaily - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Bisogno di aiuto (156328344573…

la vita è un caos, 17 Salve, siamo due sorelle di 17 anni e sono ormai 4 anni che nostra madre ha divorziato con nostro padre e dopo poco tempo ha conosciuto...

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Area Professionale

La rilevazione del trauma al T…

Il Test del Villaggio e la sua costruzione possono idealmente inscriversi in una spirale aurea sulla quale vengono declinate le diverse fasi di vita, dalla nasc...

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Le parole della Psicologia

I ricordi flashbulb

Le flashbulb memories (FBM o ricordi flashbulb) sono state definite per la prima volta da Brown e Kulik nel 1977 come ricordi fotografici vividi, dettagliati e ...

Desiderio

Tra Freud e Lacan: Dalla ricerca dell’Altro al Desiderio dell’Altro. Il desiderio, dal latino desiderĭu(m), “desiderare”, fa riferimento ad un moto intenso d...

Aprassia

L'aprassia (dal greco "a" prefisso di negazione e "praxía", cioe' fare, quindi incapacità di fare) è un deficit primitivo dell’attivi...

News Letters

0
condivisioni