Pubblicità

Should the mental health evaluator decide child custody?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 211 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
The current issue of Family Court Review addresses the controversy surrounding the role of the mental health evaluation in child custody cases, led by an article by Timothy Tippins and Jeffrey Wittmann which argues that the child's best interests are a legal and socio-moral construct, not a psychological one. Tippins and Wittmann write that psychologists have no valid, reliable methods for determining custody plans for children, yet often do. "There is no empirically supportable method or principle by which an evaluator can come to a conclusion with respect to best interests entirely by resorting to the knowledge base of the mental health profession," the authors assert. Their article proposes a model for what clinicians can ethically present in custody matters, carving the psychological evaluation process into four layers which work toward the core issue: the best interest of the child.

The authors contend that clinicians with adequate forensic training can provide matrimonial and family court judges with useful, admissible information primarily in the first two layers of their model: level I - what the clinician observes, and level II - what s/he concludes about the psychology of a parent, child, or family. At Level III, where the evaluator's inferences bear more directly on custody-relevant issues, the authors urge caution and firm anchoring to premises established as scientifically valid by the empirical research base of the psychology discipline. At Level IV, opinions as to what custody plan ultimately serves a given child's best interest are to be avoided under their model. The authors also offer other recommendations, including that judges preclude expert witnesses from addressing the ultimate custody plan. "The legal system has both the right and duty to exclude opinions that are not supported by good science," the authors state.

tratto da EureKAlert! - prosegui nella lettura dell'articolo

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Essere spocchioso... (15472251…

Paolo, 42     Quali sono i significati profondi e psicologici di una persona "spocchiosa" ? ...

Senso di colpa (1547112077890…

Pietro, 25     Buongiorno, intorno all’età tra i 10 e i 13 anni mi è capitato più volte di “toccare” (senza costrizione) mia cugina più piccola (...

Mio fratello ha tentato il sui…

Sofia, 19     Salve, scrivo per mio fratello. Si chiama Lorenzo ed ha 19 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Rêverie

“Rêverie sta a designare lo stato mentale aperto alla ricezione di tutti gli ‘oggetti’ provenienti dall’oggetto amato, quello stato cioè di recepire le identifi...

Nevrosi

Le nevrosi rappresentano un gruppo di disturbi che coinvolgono la sfera comportamentale, affettivo-emotivo e psicosomatica dell’individuo in assenza di un...

Flooding

Indica una tecnica cognitivo-comportamentale che consiste nell'esposizione ripetuta del soggetto allo stimolo a valenza fobica, senza che vi sia per lui possibi...

News Letters

0
condivisioni