Pubblicità

Should the mental health evaluator decide child custody?

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 250 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)
The current issue of Family Court Review addresses the controversy surrounding the role of the mental health evaluation in child custody cases, led by an article by Timothy Tippins and Jeffrey Wittmann which argues that the child's best interests are a legal and socio-moral construct, not a psychological one. Tippins and Wittmann write that psychologists have no valid, reliable methods for determining custody plans for children, yet often do. "There is no empirically supportable method or principle by which an evaluator can come to a conclusion with respect to best interests entirely by resorting to the knowledge base of the mental health profession," the authors assert. Their article proposes a model for what clinicians can ethically present in custody matters, carving the psychological evaluation process into four layers which work toward the core issue: the best interest of the child.

The authors contend that clinicians with adequate forensic training can provide matrimonial and family court judges with useful, admissible information primarily in the first two layers of their model: level I - what the clinician observes, and level II - what s/he concludes about the psychology of a parent, child, or family. At Level III, where the evaluator's inferences bear more directly on custody-relevant issues, the authors urge caution and firm anchoring to premises established as scientifically valid by the empirical research base of the psychology discipline. At Level IV, opinions as to what custody plan ultimately serves a given child's best interest are to be avoided under their model. The authors also offer other recommendations, including that judges preclude expert witnesses from addressing the ultimate custody plan. "The legal system has both the right and duty to exclude opinions that are not supported by good science," the authors state.

tratto da EureKAlert! - prosegui nella lettura dell'articolo

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Perché andare in psicoterapia?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Non riesco ad andare da uno ps…

Sshx, 18 Circa 6 anni fa ho cominciato a presentare dei sintomi che, nel corso del tempo, si sono aggravati progressivamente e che adesso non mi permettono d...

Perdita improvvisa di un genit…

lorena, 26 Salve, innanzitutto ringrazio per questa preziosa opportunità. Scrivo questo messaggio per conto del mio fidanzato, lo stesso ha infatti perso il ...

Disturbo bipolare dell'umore (…

settepassi, 63 Soffro da circa 8 anni di DISTURBO BIPOLARE dell' UMORE, almeno così mi è stato diagnosticato. ...

Area Professionale

Articolo 25 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.25 (uso degli strumenti di diagnosi e di valutazione), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Lear...

Articolo 24 - il Codice Deonto…

Prosegue su Psiconline.it, con il commento all'art.24 (Consenso Informato), il lavoro a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini che settimana dopo settim...

Articolo 23 - il Codice Deonto…

Su Psiconline.it prosegue, a cura di Catello Parmentola e di Elena Leardini, con l'art.23 (compenso professionale) il commento settimanale che spiega ed ap...

Le parole della Psicologia

Castità

Il termine "Castità" deriva dal latino castus, "casto" - connesso probabilmente al verbo carere, "essere privo (di colpa). Esso indica, nell' accezione comun...

Ecofobia

È definita come una paura persistente, anormale e ingiustificata di rimanere da soli nella propria casa Una paura comune a molti che spesso si associa ad altre...

Xenofobia

Il significato etimologico del termine Xenofobia (dal greco ξενοφοβία, composto da ξένος, ‘estraneo, insolito’, e φόβος, ‘paura’) è “paura dell’estraneo” o anch...

News Letters

0
condivisioni