Pubblicità

Sì! Il cervello può essere addestrato per combattere la dislessia

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 3463 volte

5 1 1 1 1 1 Votazione 5.00 (17 Voti)

La capacità del cervello di sincronizzarsi con il tono e l'intonazione del parlato, influenza il modo in cui la lingua viene elaborata.

dislessia cervelloIl fatto che le capacità del cervello di sincronizzarsi con il tono e l'intonazione del parlato, influenzino il modo in cui la lingua viene elaborata, sono le conclusioni  a cui si è giunti in uno studio del centro di ricerca basco BCBL, i cui risultati potrebbero aiutare a progettare attività più efficaci per allenare il cervello al fine di trattare disturbi come la dislessia.

Nel corso degli anni, diversi studi neuro-scientifici hanno dimostrato che le regioni uditive del cervello si sincronizzano con stimoli uditivi esterni. Vale a dire, il cervello è in grado di regolare naturalmente la frequenza delle sue onde cerebrali con le oscillazioni o il ritmo di ciò che ascolta in ogni momento.

Tuttavia, in precedenza si conosceva ben poco delle conseguenze dell'effetto della sincronizzazione cerebrale, noto anche come ‘brain-entrainment’, nelle regioni del cervello direttamente correlate all'elaborazione del linguaggio.

Pubblicità


Una nuova ricerca condotta del Basque Center on Cognition, Brain and Language of San Sebastian ha studiato questo aspetto ed ha analizzato a fondo come avveniva ‘la sincronizzazione’ del cervello di 72 individui.

Secondo Nicola Molinaro, ricercatore del BCBL, l'esperimento ha dimostrato che la sincronizzazione con il linguaggio è più intensa quando il cervello ascolta le onde a bassa frequenza, quelle relative all'accento, ai toni e all'intonazione del discorso.

Allo stesso modo, lo studio ha dimostrato che questa sincronizzazione si traduce in un'attivazione diretta delle regioni del cervello correlate all'elaborazione del linguaggio, come nel caso dell'area di Broca, una sezione situata nel lobo frontale dell'emisfero sinistro e coinvolta nella produzione dello stesso.

In una ricerca precedente, i ricercatori del centro di San Sebastian avevano scoperto che i bambini con dislessia mostravano una debole sincronizzazione con bande di bassa frequenza e, quindi, una scarsa attivazione delle regioni correlate all'elaborazione del linguaggio.

Inoltre, è scientificamente provato che i bambini che non elaboravano in modo ottimale le onde a bassa frequenza avevano una maggiore difficoltà nella decodifica di fonemi e parole, cosa che è direttamente correlata alle capacità di lettura ed ai possibili disturbi, come la dislessia.

Interventi terapeutici focalizzati sull'apprendimento

Analizzando l'effetto della sincronia cerebrale correlata ai toni e all'intonazione del discorso, si potrebbe affermare che gli interventi terapeutici focalizzati sull'apprendimento delle lingue possono essere sviluppati durante l'infanzia stimolando le componenti uditive a bassa frequenza per ottenere così un'idea più chiara dei suoni che compongono il linguaggio, ha spiegato Molinaro.

"Ad esempio, stimolare una maggiore sincronizzazione con la banda delle basse frequenze, potrebbe aiutare coloro che non sono in sincronia o che hanno maggiori difficoltà a prestare maggiore attenzione ai toni, agli accenti e intonazioni del discorso ", ha affermato Nicola Molinaro.

Tutto ciò potrebbe essere applicabile alle attività con i logopedisti, sviluppando specifici interventi per sincronizzarsi con il parlato a bassa frequenza. "Con sessioni di allenamento ripetute potremmo aiutare i bambini con ritardo del linguaggio a recuperare ed a superare le loro difficoltà", ha continuato Molinaro.

Sono necessarie ulteriori ricerche

I ricercatori del BCBL hanno condotto un totale di due studi, comprendenti uno 35 e l’altro 37 partecipanti; questi individui dovevano ascoltare differenti frasi per circa sei minuti.

Mentre i partecipanti svolgevano un compito semplice come l'ascolto di un discorso, i ricercatori analizzarono e registrarono attraverso la magnetoencefalografia (o MEG), una tecnica non invasiva che consente di registrare e analizzare accuratamente l'attività neuronale del cervello, la sincronizzazione delle regioni del cervello degli individui rispetto diverse bande di frequenza.

Per Molinaro, è importante continuare a studiare il fenomeno della sincronizzazione cerebrale per definire più chiaramente cosa succede nell'organo più complesso dell'essere umano. "L'obiettivo è analizzare ciò che accade nel cervello soprattutto dei bilingui, in coloro che stanno imparando una nuova lingua o in pazienti con lesioni cerebrali".

Gli autori prevedono di condurre indagini future per analizzare cosa succede con questo fenomeno quando il soggetto si trova in un contesto comunicativo in cui più persone parlano allo stesso tempo o se il ricevente può vedere il volto del mittente mentre ascolta il suo messaggio.

 

Tratto da Science Daily

(Traduzione e adattamento a cura della Dottoressa Emanuela Torrente)

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Corsi, Stage, Informazioni per formare e far crescere i Professionisti della Psicologia
Logo PSIConline formazione

 

 

Tags: linguaggio cervello news di psicologia Dislessia

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Su Psiconline trovo più interessanti...

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Maternage

In psicologia, il maternage è il complesso di atteggiamenti ed azioni implicati nel rapporto madre-figlio, soprattutto nei primissimi anni, che possono essere i...

Tocofobia

Il termine tocofobia deriva dai due termini greci tocòs = parto e fobos (paura, timore). ...

Stress

Il termine stress, tradotto dall’inglese, significa "pressione" (o “sollecitazione"), ed è stato introdotto per la prima volta da Hans Seyle nel 1936 per indica...

News Letters

0
condivisioni