Pubblicità

Sindrome da Burnout per chi lavora troppo

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 331 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Lavorare meno, lavorare tutti. Non è più solo una ricetta economica quella delle 35 ore settimanali, ma anche un'esigenza del nostro organismo, stando ai dati di uno studio appena pubblicato su BMC Psychiatry.
Secondo i ricercatori dell'Istituto di Scienze della Salute di Aragona, in Spagna, chi effettua un lavoro monotono per 40 e più ore alla settimana ha una probabilità molto più alta di incappare nella cosiddetta sindrome da Burnout, un disturbo psicofisico legato all'accumulo di stress per questioni professionali.

I ricercatori, guidati dal prof. Montero-Marmn, hanno analizzato oltre 400 dipendenti dell'Università di Saragozza, scoprendo che chi era costretto a turni lavorativi pari o superiori alle 40 ore settimanali rischiava 6 volte di più la sindrome di Burnout, in particolare se non riceveva gratificazione dal lavoro svolto. Al contrario, chi lavorava 35 ore o meno aveva livelli di stress molto inferiori, legati, secondo i ricercatori, alla possibilità di trascorrere più tempo libero in famiglia o con gli amici, cosa che permette di lasciarsi alle spalle le preoccupazioni professionali e di concentrarsi su altre attività.

 

Tratto da: "italiasalute.it" - Prosegui nella lettura dell'articolo

 

 

Ti è piaciuto l'articolo che hai appena letto e vuoi essere informato sulle novità che vengono pubblicate su Psiconline.it?
Iscriviti alle nostre newsletter settimanali per essere in continuo contatto con la psicologia!

I agree with the Privacy e Termini di Utilizzo
 
Pubblicità
Vuoi conoscere il nome di uno psicologo e/o psicoterapeuta
che lavora nella tua città o nella tua regione?
Cercalo subito su

logo psicologi italiani
Vuoi conoscere la Scuola di Specializzazione
in Psicoterapia adatta alle tue esigenze?
O quella più vicina al tuo luogo di residenza?
Cercala su

logo.png

 

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi delle Tecniche di Rilassamento e della Meditazione?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Difficoltà nei rapporti sessua…

Emilio, 20     Salve, sono Emilio, ho 20 anni. ...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Disturbi somatoformi

I Disturbi Somatoformi rappresentano una categoria all’interno della quale sono racchiuse entità cliniche caratterizzate dalla presenza di sintomi fisici non im...

Akinetopsia

L'akinetopsia o achinetopsia è un deficit selettivo della percezione visiva del movimento. I pazienti con questo deficit riferiscono di vedere gli oggetti in...

Autismo

La sindrome fu identificata nel 1943 dallo Psichiatra inglese Leo Kanner, il quale notò che alcuni bambini presentavano un comportamento patologico che esulava ...

News Letters

0
condivisioni