Pubblicità

'Sindrome Della Parolaccia' Per 600 Mila Italiani, Cure Top a Milano

0
condivisioni

on . Postato in News di psicologia | Letto 271 volte

1 1 1 1 1 Votazione 0.00 (0 Voti)

Sembrano pacifici, ma all'improvviso si trasformano: fanno smorfie, agitano le mani e scuotono le spalle mossi da tic irrefrenabili. E nei casi più gravi iniziano a toccare o ad annusare chi li circonda, oppure a tossire, grugnire o abbaiare, ripetono parole o fanno il verso agli altri, pronunciano frasi scurrili e persino bestemmie. La 'sindrome della parolaccia' è una malattia reale e si chiama 'sindrome di Gilles de la Tourette', dal medico francese che l'ha descritta per la prima volta nel 1885.

Ha colpito nomi illustri quali Mozart, lo zar Pietro il Grande e Moliére, e in Italia fa registrare "500-600 mila pazienti, di cui 150-200 mila gravi e 60-70 mila gravissimi". E' "4 volte più diffusa tra gli uomini che fra le donne", compare "nei bambini di 5-7 anni e in un caso su tre continua nell'età adulta". A disegnare l'identikit di questi malati spesso "incompresi e rifiutati", che "per 4-5 anni in media restano orfani di diagnosi", sono gli esperti dell'Irccs Galeazzi di Milano, oggi nel capoluogo lombardo in vista di un convegno internazionale in programma in istituto sabato 22 novembre.

Tratto da "yahoo.com" - prosegui nella lettura dell'articolo

0
condivisioni

Guarda anche...

Pubblicità

Pubblicità

I Sondaggi di Psiconline

Cosa ne pensi dello Psicologo a scuola?

Pubblicità

Le Risposte dell'Esperto

Adolescente invisibile (154452…

Luisa, 50     Sono madre di un ragazzo di quasi diciassette anni, situazione familiare conflittuale con un padre/bambino, geloso dell'amore di un...

Fuori da ogni gioco (154369450…

Elgiro, 59     Altro. Non saprei in che altra categoria infilarmi. Alla mia età, dopo aver provato e riprovato, ci si sente stanchi, rabbiosi e o...

Non so piu' che fare (15433284…

Gigia 2019, 32     Buongiorno, io ho bisogno di aiuto . Voglio farla finita perche' non riesco piu' a reggere le mie giornate da incubo con un uo...

Area Professionale

Distinguere tra disturbo evolu…

È difficile distinguere tra disturbo evolutivo e difficoltà di lettura? Significatività clinica di un Trattamento di Difficoltà di Lettura in soggetto di quarta...

La legge 4/2013 ha davvero nor…

Molto si è parlato a riguardo della legge 4/2013 che cerca di dare un inquadramento legislativo alle professioni non organizzate in ordini e collegi. Con que...

Il counselling non può essere …

Maria Sellini, Segretario Generale dell'AUPI, ha inviato una lettera al Quotidiano Sanità affrontando il problema del counselling. La riportiamo integralmente, ...

Le parole della Psicologia

Claustrofobia

La claustrofobia (dal latino claustrum, luogo chiuso, e phobia, dal greco, paura) è la paura di luoghi chiusi e ristretti come camerini, ascensori, sotterranei...

Illusioni

Il termine illusione (dal latino illusio, derivato di illudere, "deridere, farsi beffe") indica, in genere, quelle percezioni reali, falsate dall'intervento di ...

Gimnofobia

Il termine, dal greco “gymnos” (nudo) e “phobos” (paura), definisce la paura persistente, anormale ed ingiustificata per la nudità Coloro che soffrono di quest...

News Letters

0
condivisioni